Skip to content

Misure di performance dei fondi di investimento

Informazioni tesi

  Autore: Federica Gazzelloni
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2001-02
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Scienze Statistiche
  Corso: Scienze Statistiche ed Attuariali
  Relatore: Massimo De Felice
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 210

La realtà economica è per sua natura, tipicamente mutabile e non consente approcci di carattere esclusivamente deterministici. Dall'approccio rigidamente deterministico-sperimentale, che procede esclusivamente secondo relazioni causa-effetto, si passa allo sviluppo di nuove discipline di direzione statistica e assicurativa, che hanno consentito un progressivo e crescente studio dei fenomeni casuali.
Il lavoro esamina l'evoluzione della teoria di portafoglio con la presentazione di alcuni modelli matematici per la selezione di portafogli finanziari a cominciare dal modello proposto da Harry Markovitz. I rendimenti sono analizzati utilizzando sia il Capital Asset Pricing Model (CAPM) che l'Arbitrage Pricing Theory (APT).
La tesi è sviluppata in tre capitoli.
L'eventuale discrepanza fra aspettative e manifestazioni, rappresenta in prima approssimazione l'alea connessa all'accadimento. Il processo di analisi dei fenomeni casuali esige, un rilevante flusso di informazioni per rilevare le possibili manifestazioni dell'evento. Il trattamento, l'elaborazione e la sistemazione di tali informazioni offrono notevoli opportunità in termini di interpretazione razionale della realtà economica, di stima della performance risk-adjusted dei fondi italiani usando rendimenti lordi e netti, e di impiego di entrambi, il modello one-factor CAMP e benchmark multifactor.
In addizione all'α di Jensen, si misura la performance risk-adjusted usando la misura PPW, la quale non è influenzata da strategie di market timing.
Sono definiti gli indici di misurazione della performance di un portafoglio di titoli, quali sono l'indice di Sharpe, Treynor e Jensen. Le interpretazioni delle misure di portafoglio sono basate su un confronto di misure e valutate con quelle del portafoglio di mercato. Il benchmark, generalmente, deve essere ben diversificato, il confronto garantisce che il rischio dei due portafogli sia identico, e che ci siano, come detto, due misure di rischio: totale e sistematico. Una misura di performance (indice Sharpe) controlla il rischio totale mentre le altre due (indici di Treynor e Alfa di Jensen) controllano il rischio sistematico.
L'analisi di portafoglio è basata seguendo l'approccio di Markovitz con il modello Media-Varianza, quest'ultima intesa come variabilità del portafoglio (o misura di rischiosità). I punti sulla frontiera efficiente possono essere caratterizzati dall'ottimizzazione del problema originalmente formulato da Markovitz con la ricerca del portafoglio pesato che minimizza la varianza per un dato valore medio. Un portafoglio con pochi assets può essere soggetto ad un alto grado di rischio rappresentato da una varianza relativamente grande. Come ruolo generale, la varianza può essere ridotta includendo assets addizionali con un processo chiamato di diversificazione.
L'effetto della diversificazione può essere quantificato con una combinazione delle varianze. In generale la diversificazione porta a ridurre il totale dei rendimenti attesi mentre riduciamo la varianza. Da qui nasce la motivazione dietro l'approccio al modello media-varianza, che effettua una sorta di trade-off di media e varianza, data la reticenza alla riduzione, con un piccolo decremento della varianza, dei rendimenti attesi, punto debole della diversificazione.
Si dimostra come la misura di Jensen possa assegnare una performance negativa a gestori che possiedono superiori abilità di sincronizzazione del mercato. Pertanto, performance superiori dei managers potrebbero derivare non da migliori abilità, ma semplicemente dall'aver accesso a portafogli media-varianza efficiente che rendono meglio di benchmarks inefficienti. Questo sfida la validità di tutte le misure di performance.
È sviluppato il modello Capital Asset Pricing Model (CAMP)[sviluppato da Sharpe, Linter e Mossini], sono messi in evidenza i vari aspetti di diversificazione di un portafoglio e i vari tipi di rischi. Se il portafoglio di mercato M è un portafoglio efficiente nel diagramma (r ̅,δ) è una linea retta che si espande dal punto risk-free e passante attraverso il punto rappresentato da M. Questa linea è la Capital Market Line (CML). La sua pendenza è chiamata prezzo di mercato del rischio.
In conclusione, se i rendimenti sono incorrelati è possibile per mezzo della diversificazione ridurre essenzialmente la varianza del portafoglio fino a zero se n è abbastanza grande, contrariamente se i rendimenti sono positivamente correlati. È bene precisare che un buon portafoglio non è costituito dalla somma di titoli buoni: il principio di base è una buona combinazione dei diversi titoli, ancor prima della scelta della loro qualità, fino a raggiungere l'assurdità di considerare opportuno inserire nel portafoglio un titolo in perdita ma stabile, così da migliorare il profilo di rischio (inefficienza del portafoglio).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE “La presente esposizione è stata scritta (non so se e quanto riuscitamente) con la mano sinistra” Bruno de Finetti L’obiettivo qui perseguito, consiste nel concentrare il lavoro sui contributi di alcune teorie in campo finanziario. Sono stati innanzitutto esaminati criticamente alcuni modelli matematici per la selezione del portafoglio finanziario a cominciare dallo studio di Harry Markowitz, il quale nel 1952 ha introdotto il concetto di “diversificazione efficiente” (modern portafolio theory). La letteratura, riguardante la performance di un portafoglio, puó essere divisa in tre generazioni, ogni generazione ha avuto la tendenza a sviluppare “l'asset pricing model” focalizzando direttamente il problema della misura di performance. I primi studi sulla misura di rischio erano relativamente poco sofisticati. La seconda generazione di studi teorici e pratici parte da Roll (1977-78), che evidenzia le mancanze del CAPM in ambito empirico, nel quale Ø impossibile determinare dei fattori che rendano il portafoglio di mercato a media-varianza efficiente.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi