Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'espressione di definitezza/indefinitezza del sintagma nominale mediante l'uso dell'articolo. Una prospettiva tipologica, storica e areale

L'articolo è una parte del discorso che si è formata nelle lingue che la posseggono nel corso della loro storia, solitamente a partire da un elemento deittico per riferirsi via via a elementi non solo presenti nel contesto ma più in astratto nella conoscenza del parlante/ascoltatore. Questa tesi di laurea si occupa di identificare le funzioni dell'articolo nelle lingue moderne e nel dettaglio nella lingua italiana contemporanea, della sua storia nelle lingue neolatine, e poi di indagare il "percorso" che l'articolo sembra aver effettuato dalle lingue dei paesi del Medio Oriente fino a quelli dell'Europa occidentale, per vagliare l'ipotesi di una diffusione areale dovuta agli intensi contatti delle civiltà antiche sulle coste del Mar Mediterraneo.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione La nascita dell’articolo ha rappresentato una vera innovazione per le lingue che ne sono state coinvolte: si tratta della creazione di una nuova categoria linguistica per esprimere la definitezza/indefinitezza di un sintagma nominale e la sua quantificazione. Sebbene sia stimato che solo un terzo delle lingue del mondo faccia uso di articolo, un dato rilevante è che per quello che riguarda l’articolo definito, la linguistica storica sperimentata finora ci mostra che esso, oltre a costituire un’acquisizione permanente (Nocentini 1996), si impone nella lingua fino ad accompagnare quasi tutti i sintagmi nominali, anche quelli intrinsecamente definiti (es. la Terra, il Sole, ecc.); a conferma di questo fenomeno, il Lessico di frequenza dell’italiano parlato (LIP) annovera l’articolo definito al rango 1, cioè al primo posto per frequenza d’uso; parallelamente, il dibattito sulla natura e sull’essenza di questo elemento e della categoria che rappresenta si è fatto molto vivace nel panorama linguistico. Allo scopo di comprendere al meglio le funzioni dell’articolo, dopo aver fatto una breve rassegna di alcune delle più importanti teorie sull’articolo e sul significato di definitezza/indefinitezza come categoria universale, saranno analizzate le caratteristiche semantiche dell’articolo definito e indefinito in italiano contemporaneo. Tale quadro strutturale sarà poi funzionale alla comprensione della genesi dell’articolo nelle lingue romanze, che si attua in concomitanza con la crisi del sistema flessivo latino, nell’ambito del passaggio da una struttura morfosintattica prevalentemente sintetica a quella prevalentemente analitica che oggi caratterizza le lingue neolatine. La terza parte considera l’articolo definito estendendo i confini geografici all’area mediterranea, per vagliare l’ipotesi che esso sia giunto alle lingue occidentali per via dei frequenti e intensi contatti che su tale scenario marittimo si sono intrattenuti tra i popoli costieri europei, in primo luogo la Grecia, e i popoli dell’Egitto e del territorio siro-palestinese, i quali, fornendoci le testimonianze di più antica data, (fine del secondo millennio a.C.) sono considerati i primi ad aver usato l’articolo definito. 1

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere

Autore: Giulia Marrone Contatta »

Composta da 52 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 888 click dal 27/05/2015.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.