Skip to content

Italiano L2 di sinofoni: dati sull'acquisizione della morfologia del verbo e del nome

Informazioni tesi

  Autore: Marika Anna Di Lella
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2013-14
  Università: Libera Università degli Studi San Pio V di Roma
  Facoltà: Interpretariato e traduzione
  Corso: Interpretariato e traduzione
  Relatore: Laura Mori
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 313

La presente ricerca si inserisce nell'ambito dell'acquisizione dell'italiano come lingua seconda da parte di sinofoni proponendo un'analisi dell'interlingua come emerge dalla produzione scritta in un contesto formale. Oggetto di analisi di questa ricerca sono state le prove di produzione scritta di 61 apprendenti sinofoni reperite presso la Società Dante Alighieri di Roma che rilascia il certificato PLIDA. Le prove sono suddivise in livelli in base al riferimento del QCER e quindi in italiano elementare (PLIDA A1 e A2: rispettivamente, livello di contatto e di sopravvivenza), intermedio (PLIDA B1 e B2: livello soglia e livello progresso) e avanzato (PLIDA C1 e C2: livello dell'efficacia e livello di padronanza).

Nello specifico della nostra analisi, si tratta in particolare di 19 prove di certificazione di livello A2, 30 di B1 e 12 di B2.I 61 apprendenti hanno sostenuto la prova di certificazione in Italia e sono, dunque, tutti immersi in una situazione di acquisizione spontanea, a contatto con nativi, ma non sappiamo se e quanti abbiano preso parte a corsi o lezioni di italiano, seguendo, così, anche un contesto formale di apprendimento guidato. Non si hanno, inoltre, conoscenze circa le caratteristiche sociolinguistiche degli informanti. Per quanto riguarda la strutturazione della tesi, dopo aver trattato, nel primo capitolo, alcuni dei più importanti fattori linguistici ed extralinguistici che condizionano a vari livelli il processo di acquisizione di una seconda lingua, con riferimento particolare all'acquisizione dell'italiano, si passano in rassegna le principali caratteristiche tipologiche della lingua cinese, presentate in prospettiva contrastiva nel secondo capitolo, dando particolare rilievo ai livelli morfologico e morfosintattico, proprio perché trattasi dei livelli presi in considerazione nell'analisi. Si presenta, inoltre, un quadro dettagliato delle principali ricerche nell'ambito di acquisizione dell'italiano L2 da parte di sinofoni condotte da vari autori, dai risultati del Progetto di Pavia, alle ricerche, tra gli altri, di Emanuele Banfi, Marina Chini e Ada Valentini. I capitoli terzo e quarto sono dedicati alla presentazione dei risultati, suddivisi in base alle due categorie oggetto di analisi, quella di nome e di verbo.

Per ciascuna prova prodotta da ogni informante è stata elaborata una griglia di analisi in cui sono contenuti i diversi tratti relativi a morfologia e morfosintassi del nome e del verbo da monitorare e misurare quantitativamente.Per ogni tipologia è stato riportato il numero di occorrenze considerando i tratti grammaticali di nome e verbo (accordo di genere e numero per i sintagmi nominali; numero, persona, tempo, aspetto per il verbo). È stata poi calcolata la percentuale di occorrenze che rispecchiavano la struttura della lingua target per ciascuna categoria. I fattori che influiscononella produzione dell'interlingua da parte di apprendenti di L2 sono diversi, come sono diverse le cause riconducibili agli errori. L'ipotesi dell'analisi contrastiva e quindi il confronto tra L1 e L2, veniva considerata come strumento per interpretare i fenomeni riguardanti l'acquisizione linguistica5. In seguito, il metodo dell'analisi dell'errore ha permesso di dimostrare che la L1 ha unimpatto meno decisivo su L2 di quanto non si credesse: esistono altri fattori che sono coinvolti nel processo, simili a quelli che si creano durante l'apprendimento di L1. Si tratta di processi cognitivo-mentali e di meccanismi innati e universali.

Secondo il Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue (QCER) del Consiglio d'Europa, l'errore si distingue dallo “sbaglio” in quanto, mentre quest'ultimo si verifica quando un apprendente non riesce ad attivare le proprie competenze in maniera adeguata (può succedere anche a un parlante nativo), l'errore è dovuto al grado di interlingua raggiunto e quindi ad una incompleta competenza nella lingua target. Gli errori che è possibile riscontrare nell'interlingua sono di varia tipologia: errori di omissione, accordo, collocazione errata degli elementi, sostituzione di alcune componenti con altre o inserimento di elementi non previsti dalla lingua target, errori che tendenzialmente, come è stato affermato in precedenza, possono essere causati dal transfer, e quindi interferenza della L1, o da fenomeni di semplificazione.

La distinzione tra le due motivazioni che portano a strutture errate in L2 non è sempre di facile interpretazione. Nel caso di apprendenti sinofoni, in particolare, alcuni errori che potrebbero ricondursi a fenomeni di semplificazione (omissione di articoli, preposizioni o riduzione paradigmatica dei verbi), potrebbero anche essere dettati dall'interferenza del cinese, lingua isolante e priva di alcune categorie presenti nel sistema linguistico italiano.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione La presente ricerca si inserisce nell’ambito dell’acquisizione dell’italiano come lingua seconda da parte di sinofoni proponendo un’analisi dell’interlingua come emerge dalla produzione scritta in un contesto formale (esami di certificazione dell’italiano). L’italiano L2 di cinesi è stato oggetto di ricerca di alcuni progetti universitari che hanno trattato soprattutto l’acquisizione dei mezzi morfologici e discorsivi per l’espressione della temporalità. Il presente studio, invece, intende indagare l’espressione dei tratti morfologici e della morfosintassi per le categorie verbo e nome. Oggetto di analisi di questa ricerca sono state le prove di produzione scritta di 61 apprendenti sinofoni reperite presso la Società Dante Alighieri di Roma che rilascia il certificato PLIDA, un diploma che attesta la competenza in italiano secondo una scala di sei livelli elaborati in riferimento a quelli definiti dal Consiglio d’Europa nel Quadro comune europeo di riferimento (QCER) per le lingue 1 . Il certificato dà la possibilità agli studenti stranieri di dimostrare la propria competenza in italiano per l’eventuale iscrizione all’università senza sostenere l’esame in lingua e di ottenere il permesso di lungo soggiorno. Le prove sono suddivise in livelli in base al riferimento del QCER e quindi in italiano elementare (PLIDA A1 e A2: rispettivamente, livello di contatto e di sopravvivenza), intermedio (PLIDA B1 e B2: livello soglia e livello progresso) e avanzato (PLIDA C1 e C2: livello dell’efficacia e livello di padronanza) 2 . La costruzione delle prove si fonda su principi comunicativi legati ad attività pratiche della vita quotidiana reale che richiedono l’impiego delle quattro abilità linguistiche di base: ascoltare, leggere, parlare, scrivere, in modo da suddividere l’esame in quattro prove. Per ciascuna prova sono previsti due testi (tre in alcune prove dell’ultimo livello) 3 . Nello specifico della nostra analisi, si tratta in particolare di 19 prove di certificazione di livello A2, 30 di B1 e 12 di B2. I 61 apprendenti hanno sostenuto la prova di certificazione in Italia e sono, dunque, tutti immersi in una situazione di acquisizione spontanea, a contatto con nativi, ma non sappiamo se e quanti abbiano preso parte a corsi o lezioni di italiano, seguendo, così, anche un contesto formale di apprendimento guidato. Non si hanno, inoltre, conoscenze circa le caratteristiche sociolinguistiche degli informanti. Le 61 prove analizzate provengono da diversi centri certificatori italiani e appartengono a sessioni d’esame che vanno da novembre 2012 a maggio 2013 4 . 1 Cfr. Società Dante Alighieri. Chi siamo. http://ladante.it/it/chi-siamo (data di consultazione: 10/01/2015). 2 Cfr. Società Dante Alighieri (2009). La certificazione Plida. http://www.dantealighieri- roma.it/plida.htm (data di consultazione: 10/01/2015). 3 Per una descrizione dettagliata della struttura di ciascuna prova, i contenuti e le difficoltà relative a ciascun livello, cfr. Patota, G. e L. Pizzoli a cura di (2004). Plida. Progetto lingua italiana Dante Alighieri Roma. Il Sillabo della Società Dante Alighieri Roma. http://plida.it/plida/images/stories/documenti/sillabo.pdf (data di consultazione: 10/01/2015). 4 Nel dettaglio, per il livello A2: Bussolengo (1), Milano (1), Napoli (4), Prato (9), Roma (3), Vicenza (1); per il livello B1: Bari (1), Bolzano (1), Gorizia (1), Milano (19), Rovigo (4), Venezia (4); per il livello B2: Milano (2), Roma (5), Sesto San Giovanni (1), Venezia (1), per la sessione di aprile 2013; Prato (2) e Roma (1), per la sessione di novembre 2012.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
redazio[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

apprendimento
italiano l2
morfologia
acquisizione
interlingua
morfosintassi
linguistica del contatto
progetto di pavia
cinese l1
fattori linguistici

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi