Skip to content

Effetto della variabilità degli stimoli sul crowding

Informazioni tesi

  Autore: Alberto Canari
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Scienze e tecniche psicologiche
  Relatore: Roberto Arrighi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 21

Nonostante il mondo che ci circonda ci appaia ricco di dettagli, fermando lo sguardo su di un punto ci si rende conto di come ogni singola scena sia ben definita solo vicino la fissazione, mentre in periferia sia difficile individuare, distinguere o contare gli oggetti. In una tipica scena visiva, il limite principale alla visione degli oggetti in periferia è costituito dal crowding.
“Crowding” è un termine inglese e letteralmente significa “affollamento” della percezione visiva: potremmo definirlo come l’incapacità di riconoscere uno stimolo a causa della presenza di altri stimoli distrattori. A volte è facile isolare un oggetto nel suo ambiente, come ad esempio un albero in giardino o in un prato; quando ci troviamo di fronte a una scena molto disordinata però, è molto meno facile riconoscere l’elemento, rispetto ad altri oggetti, in isolamento. Quello che tenterò di fare in questa tesi è cercare di spiegare il crowding nei suoi aspetti più pratici, senza naturalmente tralasciare la parte teorica. Ecco alcune domande iniziali - con relative risposte - che possiamo porre:
1. Il crowding si verifica in condizioni naturali di visualizzazione? Il crowding non è semplicemente un fenomeno di laboratorio, ma può presentarsi anche in situazioni naturali. Il disordine è una caratteristica comune nelle scene visive.
2. Perché è interessante il crowding? Si pensa che possa compromettere la capacità di riconoscere e di rispondere agli oggetti messi in disordine. In questa maniera, studiando il crowding, potremmo arrivare a una migliore comprensione dei processi coinvolti quando tentiamo di riconoscere un oggetto.
3. Cosa succede agli oggetti “ crowded ”? Studi recentissimi ci dicono che il crowding ha poco o addirittura nessun effetto per rilevare una figura o un oggetto. Gli oggetti “crowded” vengono percepiti ad alto contrasto, ma sono indistinti o confusi insieme. Inoltre un'altra caratteristica è che l’informazione viene persa: spesso infatti gli osservatori segnalano i flankers (stimoli distrattori) al posto dello stimolo target (Teoria della “difettosa integrazione”).
4. Il crowding è automatico? In determinate circostanze, il crowding può essere ridotto o scomparire completamente. Per esempio, quando target e flankers sono dissimili in forma, dimensione, colore o per profondità, l’obiettivo può 'saltar fuori' e “l'affollamento” è ridotto.
5. Qual’è il locus neurale del crowding? Non si sa ancora con esattezza. Siamo in grado di localizzare “l’affollamento” nella corteccia visiva, forse già nella zona V1, ma non possiamo essere molto più specifici. Tuttavia, il crowding è modulato da stimoli di somiglianza, di contesto, e di attenzione, così piuttosto che essere localizzato in un'unica parte del cervello, può verificarsi in diverse fasi della gerarchia visiva.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Nonostante il mondo che ci circonda ci appaia ricco di dettagli, fermando lo sguardo su di un punto ci si rende conto di come ogni singola scena sia ben definita solo vicino la fissazione, mentre in periferia sia difficile individuare, distinguere o contare gli oggetti. In una tipica scena visiva, il limite principale alla visione degli oggetti in periferia è costituito dal crowding. “Crowding” è un termine inglese e letteralmente significa “affollamento” della percezione visiva: potremmo definirlo come l’incapacità di riconoscere uno stimolo a causa della presenza di altri stimoli distrattori. A volte è facile isolare un oggetto nel suo ambiente, come ad esempio un albero in giardino o in un prato; quando ci troviamo di fronte a una scena molto disordinata però, è molto meno facile riconoscere l’elemento, rispetto ad altri oggetti, in isolamento. Quello che tenterò di fare in questa tesi è cercare di spiegare il crowding nei suoi aspetti più pratici, senza naturalmente tralasciare la parte teorica. Ecco alcune domande iniziali - con relative risposte - che possiamo porre: 1. Il crowding si verifica in condizioni naturali di visualizzazione? Il crowding non è semplicemente un fenomeno di laboratorio, ma può presentarsi anche in situazioni naturali. Il disordine è una caratteristica comune nelle scene visive. 2. Perché è interessante il crowding? Si pensa che possa compromettere la capacità di riconoscere e di rispondere agli oggetti messi in disordine. In questa maniera, studiando il crowding, potremmo arrivare a una migliore comprensione dei processi coinvolti quando tentiamo di riconoscere un oggetto. 3. Cosa succede agli oggetti “ crowded ”? Studi recentissimi ci dicono che il crowding ha poco o addirittura nessun effetto per rilevare una figura o un oggetto. Gli oggetti “crowded” vengono percepiti ad alto contrasto, ma sono indistinti o confusi insieme. 3

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

matlab
percezione visiva
psicofisica
stimoli visivi
crowding
masking
affollamento
condizioni di controllo e sperimentali

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi