Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Alcune caratterizzazioni delle funzioni convesse nei gruppi di Carnot

In questa trattazione ci proponiamo di analizzare e approfondire alcune delle definizioni fondamentali di funzione convessa; l'ambiente nel quale lavoreremo non si limiterà a quello euclideo, ma spazierà anche tra gruppo di Heisenberg e gruppi di Carnot. In questo lavoro dimostriamo una nuova caratterizzazione delle funzioni convesse in termini delle proprietà di sottomedia. Per raggiungere questo scopo non abbiamo utilizzato altro che fatti di base di analisi matematica ed equazioni alle derivate parziali, anche se è necessaria una certa familiarità con i gruppi di Carnot.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione In questa trattazione ci proponiamo di analizzare e approfondire alcune delle deni- zioni fondamentali di funzione convessa; l’ambiente nel quale lavoreremo non si limiter a a quello euclideo, ma spazier a anche tra gruppo di Heisenberg e gruppo di Carnot. Il no- stro scopo non e quello di fornire una descrizione il pi u completa possibile delle funzioni convesse, bens di soermarci solo su alcune denizioni, e derivare cos nuove caratteriz- zazioni per questa particolare classe di funzioni. Per fare questo cominceremo con denizioni e teoremi riguardanti le funzioni convesse in senso classico; se a prima vista possono apparire come informazioni banali, queste sono tuttavia essenziali ai ni della nostra trattazione. Per esempio, sar a uno strumento fondamentale nelle dimostrazioni il teorema che caratterizza le funzioni convesse di classe C 2 su un aperto convesso diR N come tutte (e sole) quelle funzioni che hanno la matrice hessiana semidenita positiva in ogni punto di questo aperto. In un secondo momento vogliamo ricavare due nuovi teoremi che caratterizzano le fun- zioni convesse ancora su un aperto convesso di R N . Il primo teorema dimostrato e il seguente (conH f intendiamo la matrice hessiana di f e con Tr l’operatore \traccia" di una matrice): Teorema 0.0.1. Siano un aperto convesso diR N e f ∈C 2 ( ). Allora: f convessa ⇐⇒ Tr (AH f )≥ 0 ∀A=A T ≥ 0: Cio e le funzioni convesse sono sottosoluzioni di una particolare classe di equazioni alle derivate parziali del second’ordine. Per la dimostrazione di questo teorema non utilizzeremo altro che il lemma di F ejer, che studia il segno dell’operatore traccia calcolato nel prodotto di due matrici N ×N (sapendo in anticipo se le matrici sono semidenite i

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Sara Gruppioni Contatta »

Composta da 74 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 66 click dal 28/05/2015.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.