Skip to content

Un altro genere di comunicazione. Il maschilismo nel linguaggio politico e mediatico italiano

Informazioni tesi

  Autore: Valentina Sorrentino
  Tipo: Diploma di Laurea
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Facoltà di Scienze politiche, Sociologia, Comunicazione
  Corso: Scienze e tecnologie della comunicazione
  Relatore: Christian Ruggiero
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 217

Si prende le mosse dalla tesi, abbracciata da studiosi e osservatori della comunicazione, secondo cui, con la nascita della tv commerciale in Italia e della politica spettacolo della Seconda Repubblica, il cambio di rotta sul versante dei contenuti e del linguaggio abbiano provocato un peggioramento della rappresentazione della donna nell’immaginario collettivo. Tale rappresentazione si riflette nella realtà della vita quotidiana, che nel 2014 vede l’Italia al 69esimo posto (su un totale di 142 paesi), nella classifica sulla disparità di genere.
Vengono presentate le basi teoriche di tale riflessione, si analizza il concetto di categorizzazione sociale, l’adattamento ai valori dominanti e il comportamento inter-gruppi. Viene poi brevemente percorsa la storia del maschilismo e il ruolo giocato dalle religioni fino agli anni Settanta.
Dagli anni Ottanta l’analisi si concentra sul percorso specificamente italiano, dal conflitto tra politica e Corte Costituzionale sulla legittimità dei canali Fininvest alla nascita della Seconda Repubblica. Quando la logica dello spettacolo entra prepotentemente in quella della politica assistiamo al fenomeno della sua spettacolarizzazione. L’informazione, nel caso italiano referenziale nei confronti del potere, riflette la nuova politica senza opporsi. Da un lato un’informazione che si limita a riproporre lo scontro politico, dall’altra un potere immenso concentrato nelle mani di una sola persona che detiene, direttamente e indirettamente, il controllo della maggioranza delle tv generaliste in un paese che si informa prevalentemente attraverso la televisione, hanno contribuito ad introiettare modelli proposti da media e politica in cui la donna viene progressivamente degradata e resa grazioso orpello. Termina l’epoca delle rivendicazioni ed inizia quella della donna-oggetto. Alcuni tra i protagonisti della Seconda Repubblica introducono all’interno del gioco politico tale immagine, rendendo di fatto indistinguibile la donna politica dalla soubrette e legittimando l’insulto e la battuta sessista verso tali donne, che diventano così un facile bersaglio di “simpatiche” riflessioni maschili, di cui Berlusconi è il massimo rappresentante. Nel terzo capitolo viene analizzato un caso specifico, quello di “Greta e Vanessa”, volontarie rapite in Siria, che hanno subito un violento attacco mediatico, di cui si sono resi complici anche alcuni politici. Le parole con cui gli italiani parlano della donna sono legittimate e suggerite proprio da quel linguaggio politico e mediatico che negli ultimi anni si è impegnato in quest’opera di umiliazione e declassamento della sua figura. Infine vengono proposti dei dati su cui riflettere, classifiche che collocano l’Italia agli ultimi posti tra le democrazie sulla libertà di stampa. Media e politica devono necessariamente prendere strade diverse per poter dare una vera possibilità di pluralismo. E' dimostrato che i paesi dove maggiore è la libertà di stampa hanno bassi livelli di diseguaglianze di genere. Si impone la necessità di reintrodurre la cultura in televisione e di restituire alla donna la sua dignità attraverso una giusta rappresentazione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione A compimento di un percorso universitario in cui il ruolo della comunicazione e del linguaggio mediatico sono state materie fondamentali, si è scelto di concentrarsi su un argomento che non è possibile ignorare nell’attuale società italiana. Per comprendere i lasciti dell’istituzione patriarcale e il modo in cui essi vengono riproposti oggi si è fatto anzitutto riferimento a diverse teorie; tra gli studiosi che hanno analizzato i processi del conformismo e del ritualismo possiamo citare la Noelle Neumann e Goffman. Il contributo a livello sociologico e psicologico sul ruolo dello stereotipo, dei processi intergruppi e del pregiudizio sono stati fondamentali per portare avanti questa tesi, prendendo in considerazione anche la televisione e i media nel processo di socializzazione infantile e adulta. Si avvalora la tesi che, con la nascita della tv commerciale in Italia e della politica spettacolo della Seconda Repubblica, il cambio di rotta sul versante dei contenuti e del linguaggio abbiano provocato un arresto prima e un peggioramento poi della rappresentazione della donna nell’immaginario collettivo. Tale rappresentazione si riflette nella realtà della vita quotidiana, che nel 2014 vede l’Italia al 69esimo posto (su un totale di 142 paesi), nella classifica mondiale sulla disparità di genere: The Global Gender Gap Report. Dopo il fermento giovanile e femminile degli anni Settanta l’Italia ha rallentato, lasciando gli altri paesi democratici avanzare da soli per poi, con la giustificazione della liberazione sessuale del corpo, oggettivare la donna e

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi