Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La partecipazione politica dei musulmani negli Stati Uniti

Lo scopo di questo lavoro è quello di dare un quadro della minoranza musulmana negli Stati Uniti dal punto di vista islamico soprattutto per quanto riguarda la partecipazione politica.
Si è deciso di analizzare in particolare la minoranza musulmana statunitense poiché in essa gran parte dei musulmani sono nativi americani o naturalizzati e non immigrati quindi con cittadinanza e diritto di voto.
Il lavoro è iniziato da una delineazione storica che è partita dalla scoperta del nuovo continente ed è arrivata ai primi anni duemila con le amministrazioni Bush ed Obama. Nel secondo capitolo il lavoro è proseguito con la definizione di minoranza islamica e con una sintesi del dibattito degli studiosi islamici sui diritti e sui doveri che i musulmani in situazioni di minoranza hanno. Nel terzo capitolo si delinea il vero fulcro del lavoro: capire chi sono i musulmani in America, cosa vogliono dall’amministrazione americana e se sono in grado di ottenerlo. Il lavoro si è concluso con la traduzione di una fatwá con cui l’Assembly of Muslim Jurist of America si è espressa sulla legittimità della partecipazione politica delle donne musulmane.
E’ bene fare alcune precisazioni: in tutto il testo con il termine Occidente si intendono l’Europa e gli Stati Uniti, con la parola America si intendono Stati Uniti, tutte le citazioni coraniche sono riportate dalla traduzione del Corano di Alessandro Bausani edita da BUR.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione Lo scopo di questo lavoro è quello di dare un quadro della minoranza musulmana negli Stati Uniti dal punto di vista islamico soprattutto per quanto riguarda la partecipazione politica. Si è deciso di analizzare in particolare la minoranza musulmana statunitense poiché in essa gran parte dei musulmani sono nativi americani o naturalizzati e non immigrati quindi con cittadinanza e diritto di voto. Il lavoro è iniziato da una delineazione storica che è partita dalla scoperta del nuovo continente ed è arrivata ai primi anni duemila con le amministrazioni Bush ed Obama. Nel secondo capitolo il lavoro è proseguito con la definizione di minoranza islamica e con una sintesi del dibattito degli studiosi islamici sui diritti e sui doveri che i musulmani in situazioni di minoranza hanno. Nel terzo capitolo si delinea il vero fulcro del lavoro: capire chi sono i musulmani in America, cosa vogliono dall’amministrazione americana e se sono in grado di ottenerlo. Il lavoro si è concluso con la traduzione di una fatwá con cui l’Assembly of Muslim Jurist of America si è espressa sulla legittimità della partecipazione politica delle donne musulmane. E’ bene fare alcune precisazioni: in tutto il testo con il termine Occidente si intendono l’Europa e gli Stati Uniti, con la parola America si intendono Stati Uniti, tutte le citazioni coraniche sono riportate dalla traduzione del Corano di Alessandro Bausani edita da BUR.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Marta Ferraro Contatta »

Composta da 80 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 203 click dal 29/05/2015.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.