Skip to content

La Logistica Economica tra crescita e sostenibilità

Informazioni tesi

  Autore: Alessandra Brandi
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Napoli - Federico II
  Facoltà: Economia
  Corso: Logistica economica e servizi per le aziende
  Relatore: Ennio  Forte
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 154

La Logistica in tutte le sue sfaccettature è uno dei motori principali del nostro sistema economico e come tale ha lati positivi e negativi.Paesi come la Cina e la Spagna che hanno fatto della logistica il loro punto di forza.I paesi che sono ancora arretrati in tal senso cercano di riacquistare tempo creando accordi e infrastrutture all’avanguardia.Per la stessa città di Napoli la creazione di un Distripark potrebbe rappresentare una soluzione ai problemi di disoccupazione e degrado della città con il recupero di un’intera area urbana replicando successo di Barcellona.Tuttavia una serie di contraddizioni ci lasciano pensare che forse non stiamo andando nella giusta direzione.La crescita economica,considerata da sempre come desiderabile,deve fare i conti con un pianeta che non riesce a fare fronte all'impennata di consumi di.Un’impennata che continuerà a crescere con l’entrata nel sistema economico dei paesi emergenti.Dal punto di vista logistico uno degli aspetti critici e' la reperibilità nel medio e lungo periodo dei combustibili fossili e l’incremento del suo sfruttamento senza aver ancora sviluppato alternative concrete alla sua sostituzione.Diffuso è infatti il timore dell’Oil Peak ossia il picco di massimo sfruttamento del petrolio,oltre il quale seguirà da un lato un lento declino del suo utilizzo e dall’altro un incremento del suo prezzo.A sostegno di ciò,il World Energy Outlook 2008 parla di una crescita del consumo di petrolio dell’1% annuo e di un aumento dei prezzi entro il 2030:fino al 2015 il prezzo medio si aggirerà attorno ai 100$ al barile,per poi passare a 130$ nel 2030.Se questi scenari si verificassero,l’intero apparato produttivo andrebbe in crisi perché la convenienza dello spostamento verrebbe minacciata.Tuttavia ridurre i traffici significa mettere in ginocchio il nostro sistema economico.Molti fronti, quindi,iniziano a sostenere l’impossibilità di continuare a promuovere un “modello di sviluppo infinito in un mondo finito.È il caso della diffusione del concetto di Sviluppo sostenibile e la più radicale idea di “Decrescita” (Serge Latouche e Mautrizio Pallante).Un segnale positivo viene dal modo dal mondo aziendale con lo svilupparsi delle tematiche del Green Management e del Corporate business responsibility,ossia dell’integrazione delle variabili ambientali e sociali nelle scelte strategiche delle imprese. Ma non solo,perché ai vantaggi in termini di marketing dobbiamo aggiungere quelli in termini di conto economico grazie all’utilizzo di tecnologie più efficienti.Anche dal punto di vista logistico,l’applicazione delle suddette teorie manageriali e delle teorie dello sviluppo sostenibile e della decrescita,hanno riscontro pratico.È il caso della Logistica sostenibile finalizzata a ridurre l’impatto ambientale della filiera traslog Tuttavia una tecnologia efficiente usata al massimo crea comunque esternalità negative elevate e per tanto non basta a garantire la sostenibilità delle attività traslog.È fondamentale riorganizzare l’intera distribuzione delle attività sul territorio con la relativa ristrutturazione dei flussi.La libertà di commercializzare,scambiare,non viene messa in discussione in quanto parte della libertà umana.Lo stesso A.Senn [Assolombardia 2006] ha sottolineato il ruolo dello scambio come manifestazione della libertà degli individui.Tuttavia,garantire la libertà non preclude la possibilità di gestire il mercato in modo da garantire maggiore equità.Lo scambio consente la crescita economica sociale e culturale quindi è impensabile una chiusura su se stessi ma continuare a scambiare merce sulla base della convenienza in termini di solo costo economico non basta e bisogna partire innanzitutto da ciò che si ritiene debba essere scambiato.Una parte della soluzione per questa complessa situazione potrebbe essere quella di applicare gli aspetti del Glocalismo che consentirà sia di ridurre i flussi a livello mondiale sia di rafforzare le economie locali senza quindi impatti a livello occupazionale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione L’importanza del settore logistico nell’economia mondiale è un fatto ormai certo. Sono ben noti infatti, i vantaggi economici che un paese ottiene grazie allo sviluppo di questo settore: esempi lampanti in tal senso si possono agilmente ritrovare osservando il Distripark realizzato a Barcellona e ancora in modo più evidente è l’impatto della Logistica nella crescita economica del cosiddetto Far East. Allo stesso modo però sempre più si sente parlare di crisi energetica, crisi ambientale e squilibrio economico. Sempre di più ci si rende conto dell’impatto che il nostro sistema economico ha sul pianeta. Fino a qualche anno fa infatti, criticare il nostro modello di sviluppo era quasi impensabile: globalizzazione, sviluppo degli scambi commerciali, delocalizzazione delle attività produttive in vista del risparmi di costo erano le parole d’ordine di qualsiasi discussione economica; chi provava a porre qualche interrogativo era semplicemente “un pazzo che cerca di fermare lo sviluppo economico”. Oggi non è più così. Gli stessi stati e le stesse industrie stanno iniziando a parlare di sviluppo sostenibile”, di “risparmio energetico”, di “ritorno al locale”. In pratica cioè più voci si chiedono se i modelli di sviluppo che da sempre seguiamo siano in realtà giusti e soprattutto sostenibili nel medio e lungo periodo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

globalizzazione
petrolio
sostenibilità
trasporti
glocalismo
decrescita
crescita sostenibile
logistica economica
city logistic

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi