Skip to content

Erasmus: un percorso per la costruzione di identità e appartenenze multiple

Informazioni tesi

  Autore: Rosangela Porpora
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Bari
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze e tecniche psicologiche
  Relatore: Carmençita Serino
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 56

In questo lavoro di tesi è mia intenzione analizzare come le teorie dei maggiori esponenti della psicologia del Novecento, si intrecciano con un fenomeno sociale la cui fama e popolarità è cresciuta visibilmente nel nuovo millennio: si tratta del progetto europeo per la mobilità Erasmus. Obiettivo principale del mio lavoro è quindi studiare quanto la mobilità possa incidere sul concetto d’identità dello studente Erasmus, tenendo in considerazione le indagini effettuate dalla Commissione Europea ed, inoltre, esperienze personali. Innanzitutto analizzerò nel primo capitolo, i vari spunti teorici riguardanti i concetti dell’identità focalizzandomi sulle differenze tra l’identità personale e sociale. Il concetto del Sé non è costituito solo dall’identità personale, ma anche dall’identità sociale con la quale si intende l’insieme degli aspetti che derivano dalla consapevolezza di appartenere ad un gruppo. Così come per l’identità personale, anche per quanto riguarda il concetto di gruppo troviamo vari spunti teorici: ad esempio, Tajfel (1981) e Turner (1982) affermano che un gruppo esiste se più individui percepiscono se stessi come membri di una categoria sociale, mentre autori quali Lewin (1948) e Brown (2000) ritengono necessaria per la nascita di un gruppo, la presenza di un “destino comune”. Nel secondo capitolo rifletterò sul programma di mobilità studentesca internazionale promosso dalla Comunità Europea, che nell’arco di soli venticinque anni ha permesso a milioni di studenti di trasferirsi all’estero e di continuare il proprio piano di studi in un’altra università. Il giovane progetto, nato nel 1987, è l’Erasmus (European Community Action Scheme for the Mobility of University Students), che permette tanto a studenti universitari quanto a insegnanti, di trascorrere un periodo di studi in un’altra Nazione di una durata di minimo tre mesi a massimo un anno. Tale progetto consentirà non solo di seguire corsi nel paese ospitante (partecipano al programma bel 31 Paesi dell’Unione Europea), ma anche di sostenere esami che verranno in seguito riconosciuti grazie all’istituzione di una modalità di crediti chiamata ECTS che permetterà una maggiore trasparenza del curriculum. I fattori motivazionali che portano la maggior parte degli studenti a partire si ritrovano non solo nel bisogno di indipendenza economica e famigliare, ma anche nel desiderio di conoscere lingue e culture nuove e soprattutto nella voglia di allargare i propri orizzonti. Nel terzo capitolo verrà da una parte si indagherà su come agiscono i meccanismi dell’identità del soggetto durante la sua permanenza all’estero e dall’altra verranno esaminati i risultati di uno studio effettuato da Sigalas su studenti Erasmus. Attualmente non si parla più solo di identità nazionale, difatti ha acquisito grande rilevanza il concetto di identità europea: attraverso l’integrazione sono andati inglobandosi culture, tradizioni e fedi diverse e tutto ciò ha portato ad un multiculturalismo. Ogni identità infatti, non risulta statica: qualunque elemento di una nuova società verrà assimilato producendo identità multiple; questa globalizzazione culturale genera un’intercultura dove ogni soggetto farà parte, nello stesso momento, di gruppi sociali diversi: prova palpabile di questa teoria sono gli studenti Erasmus che si appropriano di elementi della cultura del Paese ospitante e li fanno propri.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
“Quando si viaggia si sperimenta in maniera molto più concreta l'atto della Rinascita. Ci si trova dinanzi a situazioni del tutto nuove, il giorno trascorre più lentamente e, nella maggior parte dei casi, non si comprende la lingua che parlano gli altri. È proprio quello che accade a un bambino appena nato dal ventre materno. Con ciò si è costretti a dare molta più importanza alle cose che ti circondano, perché da esse dipende la sopravvivenza. Si comincia a essere più accessibili agli altri, perché gli altri ti possono aiutare nelle situazioni difficili. E si accoglie qualsiasi piccolo favore degli dei con grande gioia, come se si trattasse di un episodio da ricordare per il resto della vita. Nello stesso tempo, poiché tutte le cose risultano nuove, se ne scorge solo la bellezza, e ci si sente più felici di essere vivi.” [P. Coelho] INTRODUZIONE In questo lavoro di tesi è mia intenzione analizzare come le teorie dei maggiori esponenti della psicologia del Novecento, si intrecciano con un fenomeno sociale la cui fama e popolarità è cresciuta visibilmente nel nuovo millennio: si tratta del progetto europeo per la mobilità Erasmus. Non esistono veri e propri studi antropologici e sociologici organizzati sull’argomento, ma dall’Unione Europea ci pervengono statistiche e monitoraggi sul progetto, utili ad osservare non solo l’andamento del programma negli anni, ma anche il grado di soddisfazione dei partecipanti. Obiettivo principale del mio lavoro è quindi studiare quanto la mobilità possa incidere sul concetto d’identità dello studente Erasmus, tenendo in considerazione le indagini effettuate dalla Commissione Europea ed, inoltre, esperienze personali. Pertanto innanzitutto analizzerò nel primo capitolo, i vari spunti teorici riguardanti i concetti dell’identità focalizzandomi sulle differenze tra l’identità personale e sociale. 1

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi