Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Non penso dunque sono. La meditazione Zen tra reale e virtuale

Il presente elaborato nasce con l'intenzione di analizzare la pratica della meditazione nell'ambito del buddhismo zen ponendo particolar attenzione al raggiungimento dello stadio della non mente attraverso la tecnica gong'an e huatou. Il secondo capitolo riguarda invece la meditazione praticata dagli avatar sulla piattaforma virtuale Second Life.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione “L’uomo rimane nella sua stessa ombra e si chiede perché mai faccia buio”. Eliminare l'ombra in cui l'uomo risiede significa eliminare le credenze erronee, i contenuti mentali vuoti e privi di senso che attanagliano la mente rendendo impossibile una visione lucida della realtà. Scopo ultimo della meditazione Chan è esclusivamente questo: liberare l'uomo dai tormenti che la mente crea autonomamente e che sono causa di malessere emotivo, stress e ansia. “Sii padrone della mente anziché essere padroneggiato da essa”. Il presente elaborato nasce quindi con l'intenzione di approfondire e comprendere al meglio la pratica della meditazione Chan, lo zuochan 坐禪“meditazione da seduti” , e delle tecniche utilizzate per svuotare la mente e raggiungere l'illuminazione : la tecnica gong'an 公 案 e huatou話頭. Nel primo capitolo, dopo una presentazione in sintesi della storia del lignaggio della dottrina e della sua origine sul suolo cinese grazie alla figura leggendaria del primo patriarca Bodhidarma, volgeremo l'attenzione alla meditazione Chan, essenza del buddhismo Chan e fulcro principale del presente elaborato, partendo da una presentazione generale in cui verranno esposti i diversi metodi per praticare la meditazione come la meditazione mentre si cammina e il conteggio dei respiri durante tale pratica, soffermandoci poi in modo approfondito sullo zuochan, pratica più diffusa ed utilizzata nel buddhismo Chan. La posizione del loto e del mezzo loto proprie dello zuochan, l'andamento naturale e fluido del respiro, un ambiente ovattato e privo di interferenze esterne permetteranno al praticante di raggiungere l'illuminazione ed accedere ad un nuovo modo di vedere la realtà.

Diploma di Laurea

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Rosanna Napolitano Contatta »

Composta da 50 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1800 click dal 18/06/2015.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.