Skip to content

PROTEZIONE CIVILE: un ponte fra culture in un'ottica comparatistica

Informazioni tesi

Autore: Paolo Cazzola
Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
Anno: 2011-12
Università: Università degli Studi dell'Insubria
Facoltà: Giurisprudenza
Corso: Giurisprudenza
Relatore: Maria PaolaViviani Schlein
Lingua: Italiano
Num. pagine: 213

La genesi, e il conseguente sviluppo dei sistemi di protezione civile all'interno della Confederazione Elvetica e della Repubblica Italiana, muovono da presupposti ancorati, da un lato, alla necessità di difendere la popolazione civile dai rischi di una guerra e, dall'altro, dall'urgenza di rendere organico un sistema di soccorso pubblico in grado di dare risposte diverse da quelle che l'esperienza del terremoto dell'Irpinia aveva mostrato agli occhi dei Campani e, per bocca di un adiratissimo Presidente Pertini, all'Italia intera. Pur con premesse diverse, i due sistemi incrociano spesso il proprio cammino e - pur senza sfiorare un confronto diretto fra i due Paesi (così vicini, ma così distanti) - suggeriscono spunti di analisi comparatistica estremamente interessanti. Del resto, la civiltà di un popolo si misura anche dalla capacità di affrontare le emergenze con una logica previsionale e non solo con quello slancio generoso (tipicamente "latino") che il volontariato italiano ha sempre dimostrato di ben maneggiare. Dalla nascita di un sistema ad oggi le evoluzioni (e, in campo italiano, le involuzioni) sono state molte e non scevre di numerosi interventi della Suprema Corte spesso occupata a definire competenze e attribuzioni legislative in uno Stato regionale quale quello successivo alla riforma del Titolo V della Costituzione italiana. Fronte comune ad entrambi i Paesi è stata invece la decentralizzazione dei processi decisionali, in ossequio al principio di sussidiarietà che ha consegnato al sindaco (o al Cantone) le chiavi della macchina del soccorso.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 CAPITOLO I LA GENESI DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CIVILE DI ITALIA E SVIZZERA 1. Le esigenze di difesa territoriale da eventi bellici quale propulsore di una protezione integrata con l’Armata Svizzera Il sistema di Protezione Civile, come oggi delineato dalla nuova legge federale sulla protezione della popolazione e sulla protezione civile (LPPC) del 2002 1 - abrogativa delle leggi federali del 17 giugno 1994 sulla protezione civile 2 e del 4 ottobre 1963 sull’edilizia di protezione civile 3 - è frutto di un’evoluzione che affonda le proprie radici storiche e sociologiche in esigenze di difesa territoriale di uno spazio risultato da sempre appetibile per il ruolo di crocevia strategico al passaggio di truppe in armi attraverso le Alpi. Per comprendere, pertanto, la relativa lentezza con la quale si è sviluppata la parabola di una riforma del sistema - contro il quale, il 18 maggio del 2003, venne lanciato 4 un referendum il cui esito confermò, peraltro, l’impianto normativo licenziato dalle Camere - che oggi vede la Protezione Civile svizzera proiettata sugli scenari di una catastrofe, anziché sui teatri di una battaglia, pare necessario risalire alle origini del concetto di difesa che, per oltre sessant’anni, ha 1 Legge di revisione generale (in Raccolta Ufficiale 2003, pag. 4187) così come modificata dalla Legge Federale del 17 giugno 2005 (in Raccolta Ufficiale 2006 pag. 2197), dalla Legge Federale del 3 ottobre 2008 (in Raccolta Ufficiale 2009 pag. 6617) e, in ultimo, dalla Legge Federale del 17 giugno 2011( in Raccolta Ufficiale 2011 pag. 5891) entrata in vigore il 1° gennaio 2012 dopo l’infruttuoso decorrere del termine di referendum previsto per 6 ottobre 2011. 2 In Raccolta Ufficiale 1994, pag 2626 3 In Raccolta Ufficiale 1964, pag. 486 4 Con Decreto del Consiglio Federale che indiceva la votazione popolare del 18 maggio 2003 (in Foglio Federale del 4 marzo 2003, vol I, nr. 8, pagg. 1768-1769). Il successivo Decreto del Consiglio Federale del 10 luglio 2003 (in Foglio Federale del 22 luglio 2003, vol. I, nr. 28, pagg. 4475-4485) accertò l’esito della votazione popolare che accettò, quindi, la LPPC con quasi due milioni di voti favorevoli, contro neppure mezzo milione di contrari.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario, dalla commissione in sede d'esame, e - se pubblicata su Tesionline - anche dalla nostra redazione.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

guerra
costituzionale
svizzera
protezione civile
confederazione elvetica
diritto pubblico comparato
catastrofi
calamità
soccorso
legislazione d'emergenza

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani

Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi?
Quale sarà il docente più disponibile?
Quale l'argomento più interessante per me?
...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile


La tesi l'ho già scritta, ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri. Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi