Skip to content

Questioni sul Federalismo Fiscale in Italia e nei Paesi OECD

Informazioni tesi

  Autore: Giuseppe Enrico Torrisi
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Pavia
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze dell'Amministrazione
  Relatore: Franco  Osculati
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 111

Negli ultimi decenni il tema del federalismo fiscale è diventato centrale nel dibattito accademico e politico. Durante gli anni '90-2000 diversi paesi, tra cui l'Italia, hanno rivisto il proprio sistema fiscale, alcuni attraverso modifiche della costituzione, altri con interventi legislativi ordinari. Tali interventihanno modificato gli equilibri fiscali interni a vantaggio degli Enti periferici, seguendo un leit motiv che può quindi definirsi comune.
Nonostante la direzione seguita dalle riforme sia pressoché simile, rimangono importanti differenze tra i singoli paesi. Una prima grande distinzione può essere operata tra paesi federali e paesi centralizzati, ovvero tra paesi che assicurano ai propri governi locali la rappresentanza nelle massime sedi istituzionali e paesi che non prevedono tale forma di partecipazione. Tale distinzione, necessaria ai fini esplicativi, ha un impatto relativo sulla realtà: come si vedrà, federalismo istituzionale non equivale a maggiore autonomia o a maggiore spesa locale.
Federalismo istituzionale e autonomia fiscale possono anche viaggiare su binari separati. In altri termini, un percorso riformatore che miri a trasferire maggiore autonomia finanziaria agli enti locali nei loro diversi livelli non deve necessariamente essere accompagnato da un processo di trasformazione dello stato in senso Federale, anche se tale opzione rimane opportuna. Può ad esempio seguire il percorso inverso, come in Italia, dove la trasformazione del Parlamento – ove fosse completamente attuata a conclusione della discussione politica ancora in corso – rappresenterebbe la conclusione di un processo, non la sua premessa.
Altre due precisazioni sembrano d'obbligo prima di addentrarci nell'analisi. La prima è che la partita dell'autonomia fiscale si gioca principalmente sul versante delle entrate, più che su quello della spesa: è la possibilità di manovrare i tributi che permette all'Ente locale di determinare l'ammontare del proprio gettito fiscale, e sono quindi i tributi locali che fanno l'autonomia di un Governo.
La seconda osservazione riguarda il tema delle disuguaglianze: in assenza di meccanismi adeguati, l'autonomia fiscale rischia di accentuare le differenze tra territori che sono legate alle dotazioni originarie e alla capacità produttiva. Per questo i sistemi fiscali di tipo federale vanno accompagnati da elaborati sistemi di perequazione che mirino a ridurre le differenze tra i territori, così come i sistemi fiscali tradizionali mirano a ridurre le differenze tra le persone.

Nel primo capitolo del presente lavoro si esporranno i termini fondamentali della Teoria del federalismo fiscale; i concetti analizzati saranno quelli della preferenza del cittadino e della dimensione ottimale delle amministrazioni locali, oltre al concetto di bene pubblico, mutuato dalla Teoria economica classica.
Nel secondo capitolo verranno esposti alcuni recenti lavori dell'Organizzazione per la Cooperazione Economica e lo Sviluppo (OCSE), che indagano sui sistemi fiscali di alcuni tra i maggiori paesi aderenti. Le conclusioni cui si giunge sfatano alcuni miti tra cui l'equazione federalismo-autonomia, che come già anticipato si rivela tutt'altro che scontata.
Nel terzo capitolo ci si soffermerà sullo strumento dei trasferimenti: sulla scia dei contributi a sostegno del federalismo fiscale, ampio spazio verrà riservato all'obiettivo della perequazione, cui i trasferimenti costituiscono lo strumento principe.
Nel quarto capitolo, infine, si analizzerà il profilo fiscale degli Enti locali in Italia, incrociando i dati nazionali con quelli in possesso delle organizzazioni sovranazionali come l'OCSE e la Comunità Europea. La lente attraverso cui verranno interpretati tali dati sarà quella offerta dalla prospettiva dell'autonomia locale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Negli ultimi decenni il tema del federalismo fiscale è diventato centrale nel dibattito accademico e politico. Durante gli anni ’90-2000 diversi paesi, tra cui l’Italia, hanno rivisto il proprio sistema fiscale, alcuni attraverso modifiche della costituzione, come Italia, Spagna e Belgio, altri con interventi legislativi ordinari, come Romania e Repubblica Slovacca. Attraverso tali interventi, questi governi hanno modificato gli equilibri fiscali interni a vantaggio degli Enti periferici, seguendo un leit motiv che può quindi definirsi comune. Nonostante la direzione seguita dalle riforme sia pressoché simile, rimangono importanti differenze tra i singoli paesi. Una prima grande distinzione può essere operata tra paesi federali e paesi centralizzati, ovvero tra paesi che assicurano ai propri governi locali la rappresentanza nelle massime sedi istituzionali – solitamente in una delle due Camere – e paesi che non prevedono tale forma di partecipazione. Tale distinzione, seppure necessaria ai fini esplicativi, ha un impatto relativo sulla realtà: federalismo fiscale non significa necessariamente maggiore autonomia locale o maggiore spesa locale. In Germania, nonostante la presenza di una camera deputata alla

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

spesa pubblica
federalismo fiscale
costi standard
prelievo fiscale
perequazione
bene pubblico
dimensioni ottimali

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi