Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Influencer 2.0 - I brand ambassador per una nuova comunicazione on line

La rivoluzione digitale ha rinnovato la comunicazione stimolando la società con nuovi strumenti che hanno trasformato profondamente le strutture spazio-temporali e modificato le relazioni interpersonali. La comunicazione di massa, e la società che aveva generato, è stata surclassata da una comunicazione dove le parole chiavi sono interazione e istantaneità. Una delle principali caratteristiche dell'era digitale è infatti la possibilità di interagire in tempo reale e in modo tempestivo.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione La rivoluzione digitale ha rinnovato la comunicazione stimolando la società con nuovi strumenti che hanno trasformato profondamente le strutture spazio-temporali e modificato le relazioni interpersonali. La comunicazione di massa, e la società che aveva generato, è stata surclassata da una comunicazione dove le parole chiavi sono interazione e istantaneità. Una delle principali caratteristiche dell'era digitale è infatti la possibilità di interagire in tempo reale e in modo tempestivo. Come per ogni cambiamento però, anche intorno alla rivoluzione digitale si sono generate diverse fazioni rinnovando la dicotomia “apocalittici e integrati” proposta nel 1964 da Umberto Eco 1 . Come nel 1964, anche nell'universo 2.0, gli Apocalittici sono coloro che considerano la cultura come “la gelosa coltivazione, assidua e solitaria, di una interiorità che si affina e si oppone alla volgarità della folla” e vedono la cultura digitale come una cultura “condivisa da tutti, prodotta in modo che si adatti a tutti, e elaborata sulla misura di tutti, …un mostruoso controsenso” non “una aberrazione transitoria e limitata”, ma bensì una “caduta irrecuperabile” 2 . Dall'altra parte gli integrati, gli attuali tecno-ottimisti o tecno-entusiasti che vedono positivamente l'“allargamento dell'area culturale in cui finalmente si attua ad ampio livello, col concorso dei migliori, la circolazione di un'arte e una cultura “popolare” 3 . Tra i più popolari sostenitori della Rete vi sono Doc Searls e David Weinberger, autori delle tesi del Clutrain Manifesto 4 e dei suoi ultimi e più maturi aggiornamenti. Nel 1999 Rick Levine, Christopher Locke, Doc Searls e David Weinberger pubblicarono la prima edizione del Cluetrain con 95 tesi su Internet e il ruolo che avrebbe avuto nel cambiamento della società stabilendo le basi del Web attuale. A gennaio 2015 Doc Searls e David Weinberger hanno pubblicato 26 New Clues nelle quali vengono evidenziati i cambiamenti di Internet degli ultimi sedici anni e i rischi legati al suo sviluppo. Un aggiornamento critico che ha dato forma ad un documento più credibile rispetto al primo proposto e fondamentale per comprendere il Web attuale nei suoi più diversi aspetti. Senza prendere una posizione rispetto al dibattito sulla bontà del Web è comunque importante evidenziare come Internet è ormai vitale per le imprese e quanto sia potenzialmente utile per le organizzazioni del settore non profit. Il Web non rappresenta solo informazione condivisa, ma può essere la piattaforma per la gestione della socializzazione e per facilitare un 1 Eco Umberto, Apocalittici e integrati: comunicazioni di massa e teorie della cultura di massa, Milano, Bompiani, 1964 2 Eco Umberto, Apocalittici e integrati: comunicazioni di massa e teorie della cultura di massa, Milano, Bompiani, 1964 3 Eco Umberto, Apocalittici e integrati: comunicazioni di massa e teorie della cultura di massa, Milano, Bompiani, 1964 4 http://cluetrain.com/ 7

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Anna Benvenuti Contatta »

Composta da 85 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5933 click dal 28/07/2015.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.