Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Aspetti dell'antipolitica nella democrazia italiana

Nell’ultimo decennio, in Italia vi è stato un profondo processo di mutamento politico. La sfiducia nei confronti delle istituzioni e dei soggetti tradizionali della partecipazione (soprattutto i partiti) si è tradotta in pulsioni antipolitiche e nello sviluppo di risposte populiste, personalistiche e pseudocarismatiche. L’attuale discorso antipolitico è un fenomeno complesso e non omogeneo, da sempre, un’etichetta sotto la quale si celano più realtà, spesso in contraddizione tra loro.
Inoltre, l’antipolitica si può ricondurre a diverse tipologie, tra cui un’antipolitica attiva e una passiva, e a diversi attori, da cui la distinzione tra un’antipolitica élite level e una mass.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Nell’ultimo decennio, in Italia vi è stato un profondo processo di mutamento politico. La sfiducia nei confronti delle istituzioni e dei soggetti tradizionali della partecipazione (soprattutto i partiti) si è tradotta in pulsioni antipolitiche e nello sviluppo di risposte populiste, personalistiche e pseudocarismatiche. Malgrado i riti, le celebrazioni, gli inchini retorici, i sintomi sembrano non lasciare dubbi: la democrazia italiana (e non solo) è sempre più malandata. L’aspetto singolare è che, a differenza di quanto nei decenni passati molti avevano temuto, il suo deperimento non è la conseguenza di trappole, di imboscate, ma piuttosto di svuotamento, sottonutrizione, apatia, indifferenza. Come si manifesta tutto questo? Osservando la realtà la risposta è: Attraverso il sentimento antipolitico, cioè quella spia che appare e scompare in corrispondenza dei momenti di crisi del sistema sociale, politico, economico. Ovvero una manifestazione evidente di un’eccessiva vischiosità del mutamento politico italiano rispetto alle dinamiche del mutamento sociale, un mutamento nel quale le basi sociali della democrazia si trasformano, mentre gli attori della politica persistono nella loro staticità. L’antipolitica dunque è un fenomeno ciclico, il quale assume livelli di maggiore intensità in corrispondenza di un sistema politico non in grado di rispondere alle domande che emergono dalla società e con istituzioni che non offrono un’adeguata risposta 1 . È spiegabile in questi termini l’attuale discorso antipolitico: Un fenomeno complesso e non omogeneo, da sempre, un’etichetta sotto la quale si celano più realtà, spesso in contraddizione 2 tra loro. 1 Marletti (2002) 2 Mastropaolo (2005) 5

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Andrea Visentin Contatta »

Composta da 128 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 949 click dal 30/07/2015.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.