Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La prevenzione del Rischio Clinico attraverso il metodo Fmeca

La cultura della sicurezza si è rivelato un tema prioritario e delicato.
L'approccio proattivo è garanzia di sicurezza. In questa tesi si approfondisce la metodologia di analisi FMECA applicata, in particolare, al pronto soccorso.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Nel tempo, i mutamenti culturali hanno trasformato il rapporto tra cittadino e servizi sanitari. In un contesto dove è necessario trovare un equilibrio tra la domanda di cittadini sempre più esigenti ed attenti sui temi della salute e misure atte a contenere o razionalizzare la spesa sanitaria, il tema della sicurezza e della qualità delle prestazioni sanitarie si è rivelato uno degli aspetti più delicati. In questo contesto il Risk Management nelle aziende sanitarie ha raccolto e analizzato comportamenti dannosi o a rischio allo scopo di creare percorsi che preservino d a l l ’ e r r o r e e garantiscano una migliore qualità del servizio offerto al cittadino. Promuovere la sicurezza dei pazienti è una priorità per tutti gli infermieri. In particolare, nel lavoro che segue l ’attenzione sarà focalizzata sull ’errore e sugli eventi avversi. Nel primo capitolo, infatti, il discorso verterà sulla classificazione degli errori; nel secondo capitolo, invece, si affronterà il tema della gestione degli eventi avversi; il terzo capitolo prenderà in considerazione la gestione degli eventi sentinella; il quarto capitolo descriverà la metodologia FMECA – Failure Modes Effect and Criticality; infine, l ’ultimo capitolo sarà incentrato sull ’applicazione della metodologia FMECA in Pronto Soccorso.

Tesi di Master

Autore: Elena Donatantonio Contatta »

Composta da 69 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2327 click dal 30/07/2015.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.