Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La nuova frontiera del product placement. Studio degli effetti della presenza dei brands nella fiction televisiva sui consumatori

La società moderna è in continua evoluzione e le forme classiche di comunicazione d’impresa stanno perdendo d’efficacia, poiché i consumatori sono più selettivi ed esigenti. Il nuovo consumatore non vuole essere un soggetto passivo e non è più disposto ad assecondare le promesse della comunicazione tradizionale. Egli vuole essere partecipe dell’esperienza di consumo, vuole essere coinvolto emotivamente e un semplice spot pubblicitario non può assolvere a tale esigenza. Infatti, la visione di uno spot non è volontaria, il pubblico è costretto a guardarlo per cui il grado di attenzione è molto basso e molta è la probabilità che si cambi canale. Per evitare questa perdita di interesse le aziende devono creare dei contesti ad alto contenuto narrativo che risveglino l’attenzione dei consumatori e il product placement sembra rappresentare la soluzione più efficace.
Con il product placement le aziende hanno la possibilità di mostrare i loro prodotti in qualsiasi contesto di intrattenimento (come i film e le fiction) con lo scopo di non infastidire il telespettatore. Per questo è essenziale pianificare e studiare bene il posizionamento del prodotto in modo tale da renderlo più realistico, contestuale alla storia narrata e soprattutto credibile. Più è credibile più il product placement è efficace e più il consumatore sceglie di vedere quel film o quella fiction e quindi di conseguenza assimila nella sua mente i prodotti che ne sono inseriti, portandolo ad influenzare anche la sua decisione d’acquisto futura.
Il presente lavoro si è fondato sull’analisi di tale fenomeno dalla descrizione delle sue caratteristiche principali alla nascita nel cinema fino a raggiungere il fulcro della ricerca: lo studio del product placement televisivo. Il product placement televisivo già dagli anni Cinquanta del 1900 era entrato liberamente nei salotti americani collocandosi nelle varie serie televisive e programmi tv. In Europa il cammino è stato più lungo e solamente con la Direttiva europea 2010/13/UE del 10 marzo 2010 si è potuto usufruire seppur con restrizioni e vincoli di tale pratica.
Lo scopo di questo elaborato è quello di analizzare nello specifico prima a livello teorico e poi pratico, tramite l’utilizzo di strumenti di ricerca di mercato, il fenomeno del product placement televisivo, in particolare nelle fiction televisive, andando ad esaminare come esso incide sui consumatori e valutando la sua reale efficacia.

Mostra/Nascondi contenuto.
  1 Introduzione “Comunicare significa inviare, trasmettere, trasferire, notificare, far vedere, far sentire, illustrare, far conoscere, investire, contagiare, partecipare, unire, mettere in comune con gli altri ciò che è nostro.” 1 (Majello C., 2003, p.65). La comunicazione è alla base delle strategie di marketing di ogni impresa e quindi diventa sempre più importante per le aziende saper comunicare, scegliere il modo e il mezzo migliore per farlo. La società moderna è in continua evoluzione e le forme classiche di comunicazione d’impresa stanno perdendo d’efficacia, poiché i consumatori sono più selettivi ed esigenti. Il nuovo consumatore non vuole essere un soggetto passivo e non è più disposto ad assecondare le promesse della comunicazione tradizionale. Egli vuole essere partecipe dell’esperienza di consumo, vuole essere coinvolto emotivamente e un semplice spot pubblicitario non può assolvere a tale esigenza. Infatti, la visione di uno spot non è volontaria, il pubblico è costretto a guardarlo per cui il grado di attenzione è molto basso e molta è la probabilità che si cambi canale. Per evitare questa perdita di interesse le aziende devono creare dei contesti ad alto contenuto narrativo che risveglino l’attenzione dei consumatori e il product placement sembra rappresentare la soluzione più efficace. Con il product placement le aziende hanno la possibilità di mostrare i loro prodotti in qualsiasi contesto di intrattenimento (come i film e le fiction)                                                                                                                           1 La citazione è tratta da L’arte di comunicare di Majello C., FrancoAngeli, Milano, 2003.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Chiara Donati Contatta »

Composta da 155 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 989 click dal 24/09/2015.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.