Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La riemersione del modello contadino come strumento per la lotta all'insicurezza alimentare. La via agroecologica latinoamericana: organizzazione ''campesina'', partecipazione e qualità.

Attualmente il complesso agricolo mondiale sta attraversando tre differenti processi di sviluppo, i quali interessano sia le modalità di “fare agricoltura” sia i sistemi economici, politici e sociali che ruotano attorno alla pratica agricola. I processi in questione da una parte riguardano una tendenza di industrializzazione agricola riconducibile al fenomeno dell'agrobusiness e a pratiche di agroesportazione, dall'altra una tendenza di “ricontadinizzazione” nonché riemersione del modello contadino, e in alcuni casi si può anche riscontrare un'ultima tendenza di disattivazione ovvero un contenimento attivo delle pratiche agricole. Oggi l'agricoltura risulta essere estremamente legata a quella base di garanzie che permettono di allontanare le popolazioni e le comunità da stati di insicurezza alimentare.
La FAO stima che oltre 800 milioni di persone abbiano problemi riguardanti uno scarso accesso alla risorsa cibo. Sul versante fame, secondo le stime, nel periodo 2011-2013 circa una persona su otto nel mondo avrebbe sofferto di fame cronica, 842 milioni di persone, di cui 791 milioni si trovavano in Paesi in Via di Sviluppo. La maggior parte delle persone o delle comunità che soffrono problemi legati alla fame vive in aree rurali dove sulla base delle pratiche agricole utilizzate si può influenzare notevolmente il grado di sicurezza alimentare e il proprio livello di resilienza e vulnerabilità. Se da una parte il modello agroindustriale aggrava l'insicurezza alimentare ed economica dei piccoli produttori rurali, dall'altra il modello contadino si pone come garanzia della loro stabilità e come base di uno sviluppo sostenibile.
Il modello contadino si basa sull'“art de la localité”, cioè su un'unita di sviluppo endogeno “locale” che fa leva su un sistema di conoscenze tradizionali, legami di reciprocità, artigianalità, produzione di piccola scala i quali rappresentano elementi fondamentali per far fronte a crisi globali. I contadini tramite l'organizzazione e la partecipazione si riappropriano delle risorse e saldano la frattura che in passato era venuta a crearsi tra produzione e natura, tra produttore e consumatore. La via che oggi, a livello globale, risulta essere maggiormente percorribile per poter promuovere una pratica agricola sostenibile e un accesso equo alle risorse è l'agroecologia, che nel suo essere multidimensionale, scienza interdisciplinare, movimento sociale e pratica agricola, rappresenta un mezzo per poter ristrutturare i sistemi agroalimentari mondiali partendo dal “locale”.
È quanto sta accadendo in realtà latinoamericane come quella peruviana e centroamericana (Honduras, Nicaragua, El Salvador) le quali, analizzate attraverso il metodo comparativo, mostrano come formazione, inclusione e partecipazione di vari soggetti, siano questi produttori, accademici o agenti dello sviluppo, rappresentino gli elementi chiave per “costruire” un prodotto di qualità, un prodotto differente e sostenibile, una specialità lontana dal mercato delle commodities. La qualità appare così come un vero e proprio valore sociale che muta nel tempo e negli spazi di riferimento, derivante da un processo di costruzione sociale, il quale si innesca da un insieme di legami di reciprocità e fiducia. Differenziazione e sostenibilità, basi del mondo contadino, divengono il principale input dello sviluppo territoriale e la più grande garanzia per la sicurezza e la sovranità alimentare.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione Attualmente il complesso agricolo mondiale sta attraversando tre differenti processi di sviluppo, i quali interessano sia le modalità di “fare agricoltura” sia i sistemi economici, politici e sociali che ruotano attorno alla pratica agricola (J.D.van der Ploeg, 2008). I processi in questione da una parte riguardano una tendenza all’industrializzazione agricola riconducibile al fenomeno dell’agrobusiness e a pratiche di agroesportazione, dall’ altra una tendenza di “ricontadinizzazione” nonché riemersione del modello contadino, e in alcuni casi si può anche riscontrare un’ ultima tendenza di disattivazione ovvero un contenimento attivo delle pratiche agricole (J.D.van der Ploeg, 2008). Oggi l’agricoltura risulta essere estremamente legata a quella base di garanzie che permettono di allontanare le popolazioni e le comunità da stati di insicurezza alimentare. La FAO stima che oltre 800 milioni di persone abbiano problemi riguardanti uno scarso accesso alla risorsa cibo. Sul versante fame, secondo le stime, nel periodo 2011-2013 circa una persona su otto nel mondo avrebbe sofferto di fame cronica, 842 milioni di persone, di cui 791 milioni si trovavano in Paesi in Via di Sviluppo (FAO, 2014b). La maggior parte delle persone o delle comunità che soffrono problemi legati alla fame vive in aree rurali dove sulla base delle pratiche agricole utilizzate si può influenzare notevolmente il grado di sicurezza alimentare e il proprio livello di resilienza e vulnerabilità. Se da una parte il modello agroindustriale aggrava l’insicurezza alimentare ed economica dei piccoli produttori rurali, dall’ altra il modello contadino si pone come garanzia della loro stabilità e come base di uno sviluppo sostenibile. Il presente lavoro di tesi ha l’obiettivo di analizzare come un modello d’agricoltura sostenibile basato sulla dimensione contadina rappresenti il mezzo più efficace per superare l’attuale situazione di sottonutrizione e malnutrizione che affligge numerose aree geografiche. Il modello contadino si basa sull’ “art de la localité” cioè su un’unita di sviluppo endogeno “locale” che fa leva su un sistema di conoscenze tradizionali e locali, legami di reciprocità, artigianalità, produzione di piccola scala, i quali rappresentano elementi fondamentali per far fronte a crisi globali (H.Mendras, 1976; P.Perulli, 2013). Il modello contadino risulta essere contrapposto al modello agroindustriale, il quale pone le radici nel paradigma della modernizzazione degli anni Cinquanta e nei dettami della Green Revolution degli anni Settanta. Il modello agroindustriale allontana la produzione degli alimenti dal concetto di sostenibilità, e fa del cibo non più

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Francesca Uleri Contatta »

Composta da 197 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1125 click dal 01/10/2015.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.