Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Aspetti economico-aziendali e fiscali delle operazioni straordinarie d'impresa

fusione, scissione, conferimento, trasformazione, fiscale, IVA, imposte, aspetti civilistici, aspetti contabili, aspetti fiscali, scritture, fusione omogenea, fusione eterogenea, Progetto di Fusione, progetto di scissione, SRL.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Capitolo primo La Fusione societaria Paragrafo 1: Disposizioni Civilistiche Premessa La normativa inerente la fusione societaria, è contenuta nella sezione II capo X del codice civile, cosi come riformata dal D.Lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 negli articoli dal 2501 al 2505-quater. In relazione a questa operazione straordinaria le indicazioni contenute nella legge delega di riforma era di “semplificare e precisare il procedimento” nel rispetto dei vincoli comunitari (direttiva 78/855/CEE del 9 ottobre 1978, attuata con il D.Lgs. 16 gennaio 1991, n. 22); in particolare la modifica ha operato su due livelli: I. semplificare e precisare il procedimento per le fusioni a cui partecipano società il cui capitale sociale è rappresentato da azioni; in questo contesto sono state apportate principalmente le seguenti modifiche: • è stata eliminata la previsione secondo cui “la partecipazione alla fusione non è consentita a società sottoposte a procedure concorsuali” (art. 2501, comma 2°); • si è espressamente consentita la possibilità di modificare il progetto di fusione, in sede di approvazione della fusione stessa (art. 2502, comma 2°); • si è cercato di trovare un migliore contemperamento tra l’esigenza di celerità del procedimento di fusione e la tutela dei creditori sociali (art. 2503, commi 1°, 2° e 3°); • è stato previsto, nel caso di fusione per incorporazione, di una o più società in un’altra che possiede almeno il 90% di tutte le sue azioni o quote, che l’approvazione della fusione stessa venga effettuata dall’organo amministrativo (art. 2505, comma 2°; art. 2505-bis, comma 2°); II. semplificare e precisare il procedimento per le fusioni a cui non partecipano società il cui capitale sociale è rappresentato da azioni (art. 2505-quater). Per quanto concerne le operazioni di leveraged buyout, sono state indicate le condizioni da rispettare con l’art. 2501-bis c.c., che disciplina, appunto, le fusioni realizzate a seguito di acquisizione con indebitamento. Infine, sono state introdotte specifiche previsioni sia per disciplinare i criteri di formazione del primo bilancio

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Valerio Cirillo Contatta »

Composta da 124 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1906 click dal 14/10/2015.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.