Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Effetti della prematurità sull'attenzione, sulla memoria di lavoro e sulla teoria della mente in età prescolare

La presente ricerca ha lo scopo di indagare lo sviluppo delle Funzioni Esecutive e della Teoria della Mente nei bambini nati pretermine a medio e lieve rischio in età prescolare. A tal fine sono stati messi a confronto un gruppo di bambini nati pretermine con un gruppo di bambini nati a termine differenziati in base all’età 3 vs 4 anni. Il campione finale era costituito da 74 bambini (39 nati a termine e 35 nati pretermine) suddivisi un 4 gruppi di età: 3 anni nati a termine vs 3 anni nati pretermine, 4 anni nati a termine vs 4 anni nati pretermine. Ai soggetti è stata somministrata una batteria computerizzata costituita da una prova di attenzione visiva selettiva (Barrage), due prove di memoria di lavoro (spaziale e visiva) e una prova di teoria della mente. Gli stimoli delle prove sono stati presentati attraverso uno schermo touch-screen che consentiva di registrare i tempi di risposta del bambino. L’ANOVA univariata sulle prestazioni dei bambini ha messo in evidenza un pattern consistente prevalente: i bambini di 3 anni nati pretermine ottengono delle prestazioni significativamente peggiori rispetto ai bambini di 3 anni nati a termine; mentre a 4 anni le differenze tra le due popolazioni si annullano. In particolare, i bambini nati pretermine a 3 anni nella prova di attenzione visiva selettiva trovano un numero maggiore di target e commettono un numero maggiore di errori rispetto ai bambini di 3 anni nati a termine. Inoltre, nella prova di memoria di lavoro spaziale i bambini di 3 anni nati pretermine riconoscono un numero di item significativamente minore rispetto al gruppo di 3 anni nati a termine. Nella prova di memoria di lavoro visiva le differenze prestazionali tra i bambini pretermine e quelli nati a termine si registrano sia a 3 anni che a 4 anni, per cui il gruppo dei nati pretermine riconosce correttamente un numero di item significativamente minore rispetto al gruppo dei nati a termine. In conclusione, i risultati rivelano la possibilità di un recupero di alcuni deficit precoci riscontrati a 3 anni nei bambini pretermine.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Le funzioni esecutive (FE) vengono definite come quelle abilità cognitive necessarie per programmare, mettere in atto e portare a termine un comportamento finalizzato. Includono, quindi, processi cognitivi e di autoregolazione che consentono il monitoraggio e il controllo di pensieri e azioni, quali l’inibizione, la pianificazione, la flessibilità attentiva, l’individuazione e correzione di errori e la resistenza alle interferenze. Le FE sono funzioni cognitive di tipo trasversale, in quanto solo in parte sono isolabili e identificabili come singole funzioni, non essendo dominio-specifiche. I processi cognitivi riconducibili al costrutto di FE sono considerati abilità di ordine superiore nell’evoluzione filogenetica e per questo motivo lo studio della loro emergenza e sviluppo ha suscitato particolare interesse. Negli ultimi venti anni abbiamo assistito ad un aumento della produzione scientifica centrata sulle FE in età evolutiva, grazie anche al superamento dell’idea che non è possibile analizzare tali abilità in soggetti in cui le regioni frontali, considerate correlati neurali delle FE, sono ancora immature. Il presente lavoro di tesi espone i risultati di uno studio sullo sviluppo delle funzioni esecutive e della teoria della mente nei bambini nati pretermine a “medio-lieve rischio”, durante il periodo prescolare. Nello specifico, il primo capitolo propone una descrizione del concetto di funzioni esecutive e dei meccanismi cognitivi fondamentali che possono essere ricondotti ad esso. Inoltre, un paragrafo è dedicato alla presentazione delle strutture neuroanatomiche che la letteratura associa alle FE e che in relazione ai compiti specifici possono essere suddivise in due macro-aree: cognitive (dorsolaterali) e motivazionali (orbitali). Nello stesso capitolo vengono trattate nel dettaglio due abilità delle FE, attenzione e working memory, facendo riferimento ai principali modelli neuropsicologici che hanno tentato di spiegare i processi di sviluppo. Poiché in letteratura è documentata la relazione tra FE e altri domini cognitivi, ai fini del lavoro di tesi viene approfondito il rapporto tra FE e teoria della mente (ToM) e delle diverse ipotesi avanzate per spiegare l’influenza dell’una sull’altra. Il secondo capitolo è dedicato alla nascita pretermine e alla descrizione dei fattori di rischio per lo sviluppo associati ad essa. La trattazione di tale aspetti è dettata dall’esistenza di numerose evidenze empiriche, le quali dimostrano che, anche in assenza

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Psicologia

Autore: Federica Sferra Contatta »

Composta da 99 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1558 click dal 12/10/2015.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.