Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gli accampamenti militari Romani dell'antica Britannia

Dissertazione sugli accampamenti militari dell'antica Roma in Gran Bretagna.

Mostra/Nascondi contenuto.
I castra romani della Britannia: tipi e strutture - PREFAZIONE - Nella Britannia romana sono oltre cinquecento i complessi fortificati individuati dagli archeologi, una quantità che non ha pari in nessuna altra parte dell' impero. La particolare abbondanza, più che essere dovuta alla intensa attività militare che le armate di Roma svolsero in un territorio mai totalmente conquistato e pacificato, è dovuta forse alle precoci indagini archeologiche iniziate già da qualche secolo, che da vari decenni a questa parte si sono avvalse anche di minuziose ricognizioni aeree fotografando dettagliatamente ogni angolo del territorio. Se a questo aggiungiamo che la scarsa densità della popolazione ha lasciato sgomberi, e ha quindi preservato da ulteriori sovrapposizioni edilizie o agrimensorie, ampi territori della Scozia e dell' Inghilterra centro-settentrionale, si può capire l' ampia quantità di materiale rimasto a disposizione degli storici. L' invasione romana del resto, dopo le travolgenti avanzate iniziali, segnò il passo e fu costretta ad arrestarsi sia nel Galles che nella Scozia, imponendo all' esercito di costruire possenti quanto onerose opere di fortificazione che si svilupparono nel corso dei secoli fino all' ideazione delle famose barriere limitanee di Adriano e Antonino Pio ed oltre, avendo ormai perduta ogni possibilità di annettere totalmente l' isola. La particolare situazione politica causò quindi la costante e numerosa presenza, nonché attività, dei militari (giova ricordare che per l' intero periodo romano vi stazionarono contemporaneamente non meno di tre legioni e svariate unità ausiliarie) che andò di pari passo con l' evoluzione della civiltà e delle tecniche belliche. In pochi altri settori è possibile avere un quadro cronologico delle strutture così completo e ciò permette di identificare e classificare il loro intero cammino evolutivo. L' esercito dell' antica Roma era particolarmente rinomato nell' antichità, così come ai giorni nostri, per l' imponente e funzionalissimo apparato logistico di cui disponeva; un organismo quindi che non aveva solamente il compito di sbaragliare gli avversari e conquistare nuove terre, ma anche di "romanizzarle" e fornirle di adeguate strutture. Con ciò l' organigramma della sua macchina organizzativa era notevolmente complesso e vario, prevedendo precise soluzioni per ogni evenienza e necessità. Il suolo britannico ha restituito una vastissima gamma di postazioni fortificate, ognuna destinata ad un particolare ruolo e compito: dai "marching camps" costruiti al termine di una giornata di marcia dalle colonne armate, alle possenti fortificazioni destinate ad intere legioni, che in numerosi casi costituirono il punto di partenza per lo sviluppo delle più

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Flavio Boni Contatta »

Composta da 302 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4383 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.