Skip to content

Le TIC: uno strumento per facilitare l'accesso e la condivisione di informazioni nello sviluppo dell'agricoltura: Caso del Perù.

Informazioni tesi

  Autore: Antonella Picarella
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze sociali per la cooperazione, lo sviluppo e la pace
  Relatore: Stefania  Pinci
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 67

Le tecnologie dell’informazione e della comunicazione stanno trasformando il modo in cui governi, aziende e individui apprendono, lavorano e comunicano tra loro. Se impiegate in modo strategico, nell’ambito di programmi di sviluppo, le TIC possono contribuire ad accelerare il processo di sviluppo.Sulla base di tali considerazioni, quest’elaborato si propone di capire come utilizzare le TIC in maniera efficiente, affinché possano essere di supporto allo sviluppo dell’agricoltura odierno, in relazione all’importanza attribuita oggi, al tema della gestione della conoscenza. L’interesse nell’affrontare questo tipo di tematiche nasce dalla mia diretta esperienza lavorativa in FAO presso il dipartimento di Knowledge Exchange.Per TIC si intende un ampio ventaglio di tecnologie, in grado di trasmettere, ricevere ed elaborare informazioni. Possono essere impiegate per rendere più facili l’accesso e la condivisione di informazioni, per dar voce agli emarginati nei processi decisionali,si possono impiegare per il networking e la comunicazione umana. La loro utilità è data: dall’efficienza nel raggiungere un numero sempre maggiore di persone a costi sempre più ridotti.L’implementazione contestualizzata delle TIC è complessa, dal momento che dipende in buona parte dal settore in cui sono impiegate, e dal contesto socio-economico generale.Perché importare tecnologia a zone povere e remote, dove la gente non ha acqua potabile ne accesso a servizi primari quali l’educazione? Questa è una domanda comune, quando si pensa alle TIC applicate al contesto rurale, ma nell’era dell’informazione si può parlare di sviluppo rurale senza includere l’informazione e la comunicazione?I più importanti fattori chiave dell'uso delle TIC nel settore agricolo, in particolare tra i produttori poveri, sono: l’esistenza di strumenti adattabili e sempre più accessibili, il basso costo, la connettività pervasiva, e il software libero. Grazie a questi fattori, i tipi di servizi basati sulle TIC, al servizio di piccoli agricoltori, stanno crescendo rapidamente. Uno dei migliori esempi è l'uso dei telefoni cellulari, usati per lo scambio di informazioni, tramite servizi di messaggistica breve, o per uso di applicazioni specifiche per l’agricoltura.Nel 2014, il numero di utenti Internet ha raggiunto i 3 miliardi, e la metà di questi utenti si trova nei paesi in via di sviluppo, il 90 per cento della popolazione dei paesi in via di sviluppo possiede un cellulare, i prezzi della banda larga continuano a crollare. Sebbene esista ancora un divario tra paesi ricchi e paesi poveri, la connettività sta crescendo in maniera impressionante, ma il divario digitale non è causato, esclusivamente, dalla mancanza di infrastrutture nelle zone più povere, ma anche dal livello di educazione, e dall’analfabetismo digitale e da un’inefficace scambio di conoscenze e una cattiva gestione di contenuti informativi. Una soluzione sembra evidente: aumentare l'accesso e la condivisione delle informazioni già esistenti e pubbliche, metterle a disposizione degli agricoltori. Per fare ciò occorre favorire l’Open Data, sviluppare le capacità a tutti i livelli, sia nel fornire informazioni sia nell’accedere ad esse, renderle accessibili a tutti, servendosi anche di intermediari (extensionist).
In Perù, data la scarsa produttività e mancanza di competitività nella produzione agricola, c’è una forte necessità di informazioni nelle aree rurali, relative alla distribuzione delle terre, alla diversificazione delle colture, ai prezzi, all’accesso ai mercati, e al clima, ma c’è anche una grande difficoltà di accesso a queste, dovuta alla geografia del paese, e a fattori sociali ed economici.
Le comunità rurali hanno come fonte principale di informazione i loro sistemi tradizionali, limitati in quanto a contenuti, ma affidabili e facilmente utilizzabili perché trasmesse oralmente, il principale mezzo di comunicazione usato è la radio.
I sistemi informatici di informazione agricola e rurale emergono come strategia per far arrivare maggiori informazioni alla popolazione rurale. Partendo da una ricerca del centro peruviano di studi sociali sui sistemi informativi presenti in Perù, ne ho analizzati nel dettaglio 3, di uno di questi ho avuto la fortuna di andare in loco ed incontrare alcuni degli attori coinvolti. Questi sistemi informativi hanno gli stessi obiettivi più o meno, promuovere lo sviluppo degli abitanti soprattutto nelle zone rurali.Dallo studio di questi sistemi emergono alcuni punti di forza di ognuno, e i loro punti deboli per arrivare a concludere che le TIC, da sole, non generano sviluppo, ma usate tenendo conto di diversi fattori, sono un efficace strumento per aiutare a velocizzare, e a rendere più efficienti ed efficaci, i progetti di sviluppo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Le tecnologie dell’informazione e della comunicazione (TIC) stanno trasformando il modo in cui governi, aziende e individui apprendono, lavorano e comunicano tra loro. Se impiegate in modo strategico, nell’ambito di programmi di sviluppo, finalizzati a promuovere l’accesso e la condivisione di importanti conoscenze e a favorire la partecipazione delle popolazioni povere e periferiche ai processi decisionali, che riguardano le loro esistenze, le TIC contribuiscono al raggiungimento degli Obiettivi di sviluppo del Millennio (OSM). Gli obiettivi della società dell'informazione, l'accesso universale, lo sviluppo delle capacità, e i contenuti rilevanti, che consentono un uso efficace delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione, nel rispondere alle preoccupazioni sociali ed economiche, sono nelle agende di sviluppo di molti paesi. Anche se l'accesso è aumentato notevolmente, il raggiungimento di questi obiettivi sembra ancora lontano. La causa è non solo l’accesso limitato, e il più delle volte insostenibile, quanto il fatto che, mentre cresce la consapevolezza dell’importanza del ruolo delle TIC nello sviluppo, il contributo ad un uso più efficace delle TIC, dando luogo a ulteriori investimenti, è ancora work in progress in un’ampia comunità di sviluppo. Lo sviluppo delle capacità tende anche ad essere sottostimata, come anche l'importanza di contenuti locali. Sulla base di tali considerazioni, quest’elaborato si propone di capire come utilizzare le TIC in maniera efficiente, affinché possano essere di supporto allo sviluppo dell’agricoltura odierno, in relazione all’importanza attribuita oggi, al tema della gestione della conoscenza. L’interesse nell’affrontare questo tipo di tematiche nasce dalla mia diretta esperienza lavorativa alla Food and Agricultural Organization (FAO) presso il dipartimento di Knowledge Exchange, dove mi occupo di sistemi di gestione dell’informazione, per la raccolta e la condivisione delle informazioni relative all’agricoltura. In particolare vado ad analizzare l’utilizzo delle TIC, come strumento per facilitare l’accesso alle informazioni, relative all’agricoltura, nelle   1

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

sviluppo
information technology
agricoltura
perù
fao
scambio informazioni
open data
telecentro
tecnologie dell'informatica e delle comunicazioni

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi