Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La geografia in Eforo di Cuma

Eforo di Cuma è uno storico che ha dedicato parte della sua opera alla geografia del mondo antico.
L'indagine sulla tematica eforea della geografia che ho tentato di condurre attraverso l'analisi dei frammenti, credo abbia dato la misura della rilevanza della geografia all'interno di un'opera di storia universale.
Cercando, per quanto è possibile, di ricostruire i due libri geografici dell'opera di Eforo di Cuma ho voluto dare risposta alle domande poste all'inizio: qual è il posto della geografia nell'opera eforea? Qual è l' aspetto più innovativo delle storie?
La geografia occupa uno spazio complementare alla storia come abbiamo visto in corso d'opera.
Parlare di geografia in un lavoro di storia nel IV secolo a.C. significa descrivere il teatro delle azioni avvenute.

Mostra/Nascondi contenuto.
LA GEOGRAFIA NELL' OPERA DI EFORO DI CUMA PREMESSA Se sfogliamo un qualsiasi libro di storiografia greca notiamo che lo spazio dedicato a Eforo è nettamente inferiore rispetto a quello dedicato agli altri storici. Un grande limite è dovuto sicuramente alla natura frammentaria dell'opera di cui possiamo fruire grazie alla grande raccolta di Felix Jacoby, Die Fragmente der Griechischen Historiker, (II A 70). I frammenti e le testimonianze comunque consentono di apprezzare i grandi meriti di Eforo. Non per nulla ha avuto l'onore di essere apprezzato da uno degli storici più critici dell'antichità, Polibio che, pur dedicandosi alla critica storica talvolta con piglio tagliente, considera Eforo il suo predecessore nel campo della storia universale. Non è solo questo il merito dello storico cumano. Egli comprende la stretta relazione tra fenomeni storici e ambiente e questo spiega perché dedica uno spazio a sé stante alla geografia, di cui mi occuperò nel mio lavoro. Come vedremo in corso d'opera, molte sono le critiche mosse ad Eforo. Ciò però non ha impedito a storici come Diodoro e Strabone di attingere alle Storie del cumano. Nonostante quindi rappresenti la fonte principale per quasi un secolo di storia, il nostro storico non ha goduto di molto credito fra gli storici moderni. Un interesse maggiore si scopre in epoca contemporanea grazie agli studi di storici come la Breglia Pulci Doria, la Bianchetti, la Biraschi, la Bruno Sunseri, il Parmeggiani, interesse che culmina nell'incontro internazionale di studi sul "Ruolo di 1

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Laura Florio Contatta »

Composta da 124 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1709 click dal 06/11/2015.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.