Skip to content

"Ci vuole un fiore". L'aquilegia e la sua simbologia nella pittura rinascimentale

Informazioni tesi

  Autore: Sara Bacchiocchi
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Urbino
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Storia dell'Arte
  Relatore: Monica Grasso
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 141

L'aquilegia, fiore di campo usato in arte, in alchimia e in omeopatia dal Medioevo ai giorni nostri. Questa tesi si propone di farla conoscere come simbolo vegetale nelle opere di grandi artisti quali Pisanello, Hugo Van Der Goes, Leonardo da Vinci, Raffaello Sanzio, Perugino, Albrecht Dürer, Vittore Carpaccio, Francesco Melzi, Cesare da Sesto e Bernazzano, Giovanni Antonio Boltraffio, Bernardino Luini, Giuseppe Arcimboldo, Giulio Cesare e Antonio Procaccini, Jacques II de Gheyn, Ambrosius Bosschaert, Jan Brueghel il Giovane, Orsola Caccia, Edward Burne-Jones, Eugene Grasset, e citazioni da erbari dal 1441 ai giorni nostri. Un do-ut-des tra il significato del fiore e quello dell'opera... tutto da scoprire!

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
0.1 Introduzione. L’aquilegia come simbolo ve- getale Il titolo di questa tesi vuole essere una citazione. Non solo di una famosa canzone il cui signicato ci ricorda come a volte i ori, delicati come sono, possano essere fondamentali; come l’infanzia, periodo della vita molto im- portante ed al quale la canzone si riferiva chiaramente. Ho pensato a questo titolo come citazione anche di ci o che artisti, committenti ed intermediari (fra queste due gure) hanno detto, prima o poi, riguardo ad una certa ope- ra d’arte: \Qui, in questo preciso punto, ci vuole un ore". Considerazione, questa, seguita immediatamente dalla decisione concernente quale ore rap- presentare e perch e quel particolare tipo di ore piuttosto che un altro. L’invito che propone questa tesi vuole essere quello di soermarsi a guardare un dipinto nella sua interezza, partendo dall’insieme, arrivando al particolare, per poi formulare delle ipotesi tornando all’insieme. Ipotesi di un signicato pi u o meno nascosto nell’opera, che comprende tanti e vari elementi. Molto e stato detto del possibile signicato nascosto in oggetti mobili, personaggi, animali; molto meno e stato arontato, in maniera profonda, il tema della simbologia vegetale. E’ naturale che tutti gli elementi abbiano un loro motivo per essere presenti in una data opera: si pu o pensare ad ognuno di essi come al tassello di un puzzle, parte di un messaggio ben preciso. Voler escludere l’elemento vegetale da un ritratto, un’Annunciazione, un’Allegoria o una Pri- mavera, e togliere parte dello stesso messaggio che l’Artista, l’Intermediario o il Committente volevano trasmetterci. Fu senza dubbio questa consapevo- lezza a motivare Mirella Levi d’Ancona nella scrittura di The garden of the Reinassance, un primo repertorio sulla simbologia vegetale e costituente la base di questo scritto. L’aquilegia e il soggetto-fulcro della mia tesi. Vedremo le sue caratteristiche botaniche, l’uso che se n’ e fatta in passato e oggi, le leggende legate ad essa, l’uso che se ne e fatto in letteratura, gli erbari in cui compare dal Medioevo in poi, per poi arrivare nalmente alla parte che pi u ci interessa, ossia come vari artisti la rappresentarono nel corso del tempo, soprattutto nel Rinascimento, e perch e. 3

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

rinascimento
erbario
pisanello
raffaello sanzio
aquilegia
leonardo e leonardeschi
mito e leggenda
dürer albrecht
hugo van der goes
simbolo vegetale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi