Skip to content

Un’indagine di geografia politica urbana: Bilbao ed il Guggenheim

Informazioni tesi

  Autore: Angelo Laudiero
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Napoli "L'Orientale"
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Relazioni internazionali
  Relatore: Rosario Sommella
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 253

Studiando i mutamenti economici e urbani propri del caso di Bilbao e approfondendo il ruolo svolto dal Guggenheim nel processo di rivitalizzazione, questa ricerca si pone l’obiettivo di analizzare eventuali correlazioni tra la rinascita della città e l’annunciata sconfitta dell’organizzazione terroristica dell’ETA nel 2011. Il lavoro si focalizza soprattutto sull’osservazione diretta di tali fenomeni e sulla raccolta di informazioni e di interviste in loco ai protagonisti della trasformazione della città basca: esponenti di istituzioni politiche, associazioni culturali, musei locali, partnership pubblico-private, ecc., che direttamente o indirettamente hanno partecipato a questa “rivoluzione” dagli esiti nient’affatto scontati.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Nella moderna economia della cultura e della conoscenza, i musei non vengono intesi più solo come puri e semplici strumenti di diffusione culturale; sono in primo luogo spazi da consumare, capaci di attrarre turisti e visitatori e, in secondo luogo, possono trasformarsi in strumenti della rinascita urbana ed economica per intere città dal passato industriale. Ma c’è qualcosa di più: i musei nascono anche per dare sostanza e promuovere i valori delle elites di un paese, nel senso che il museo viene edificato come focus fisico attorno al quale costruire un consensus culturale il cui contenuto è deciso dalle stesse elites. D’altro lato, l’equazione e la relazione tra nazione e musei è così stretta che oggi l’assenza per una nazione di un proprio museo appare un grave deficit dato che i turisti - nazionali o stranieri che siano - che visitano la capitale di uno Stato sono sempre più alla ricerca di elementi originali, particolari ed esperienziali che possono concentrarsi proprio nei musei. Il 13 Dicembre 1991 il Governo Basco annunciò ufficialmente la firma dell’accordo, raggiunto dopo mesi di negoziazione, con la Guggenheim Foundation di New York per costruire un Museo Guggenheim a Bilbao. Il Museo sarebbe stato progettato da un architetto di fama internazionale come Frank Gehry e sarebbe sorto nella ex zona industriale del waterfront, in pieno centro cittadino. Per i leader del Governo Basco, questo mega-progetto era un grande investimento per il futuro del Paìs Vasco, a partire da tre argomenti: 1) avere un accordo con la Fondazione significava accedere (in termini di qualità e quantità) alle collezioni private dell’arte del ventunesimo secolo; 2) le industrie pesanti (legate alla siderurgia, alla cantieristica navale ed alla lavorazione del ferro) che avevano guidato la prosperità economica di Bilbao e di gran parte dell’area circostante fin dalla metà degli anni Settanta, stavano vivendo un declino che appariva senza fine: i livelli di disoccupazione continuavano a crescere drammaticamente, mentre era sempre presente la minaccia dell’ETA. In questo contesto di declino industriale e violenza terrorista, il Governo Basco vide il Museo come la componente principale della strategia per rilanciare l’immagine della città e dell’intero Paese Basco: sarebbe stata la trasformazione emblematica di Bilbao che avrebbe dimostrato come la città non fosse chiusa in sé stessa, ma pronta ad aprirsi alle correnti internazionali, essendo il Museo parte integrante di un asse transatlantico legato a Venezia e New York; 3) il Governo aveva pianificato di rivitalizzare Bilbao in toto, commissionando la costruzione di una serie di edifici emblematici: un business center, un palazzo dei congressi e della musica, un nuovo sistema di trasporti, ecc. D’altra parte

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

gentrification
economia della conoscenza
età
guggenheim
bilbao
rivitalizzazione
città creative
città post-fordista
capitalismo cognitivo-culturale
bilbao effect

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi