Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Influenza dell'orientamento spaziale e delle dimensioni sulle rappresentazioni grafiche di un oggetto elicitante la figura umana. Analisi condotta su un campione di bambini (3-7 anni) e adulti

La tesi si propone di indagare il tipo di relazione che intercorre tra il codice simbolico (esplicitato dal confronto tra due stimoli, uno elicitante la figura umana ed uno neutro) ed il codice spaziale (esplicitato dalle dimensioni relative di testa e corpo e dall'orientamento delle rappresentazioni) nei disegni messi in atto da bambini di età compresa tra i 3 e i 7 anni e di adulti.

Mostra/Nascondi contenuto.
7 INTRODUZIONE Perchè studiare il disegno dei bambini? Una ragione consiste nell’esplorare l’acquisizione dell’abilità grafica infantile di per sè, quindi analizzare le relazioni spazio-geometriche, le relazioni parte-tutto, le strategie di progettazione e l’esecuzione motoria (Piaget e Inhelder, 1948; Goodnow, 1977; Willats, 1977a, b; Freeman, 1980a, b; Cox, 1985), un’altra risiede nell’utilizzarlo come testimonianza di un processo più generale di competenza simbolica e cambiamento nelle rappresentazioni (Karmiloff-Smith, 1984; Cohen, 1985). Negli ultimi anni si è assistito ad un importante cambiamento della prospettiva da cui si studia il disegno infantile che consiste nel passaggio dal disegno considerato come una trasposizione fedele di un modello mentale ad un disegno inteso come prodotto complesso di più fattori, quali le intenzioni comunicative e rappresentative, le caratteristiche del compito, il processo esecutivo (Arnheim, 1974; Cox, 1981; Tallandini e Valentini, 1990; Tallandini e Toneatti, 1995). Il disegno come oggetto della psicologia sperimentale, inoltre, è considerato un’utile strategia di elaborazione, rappresentazione e mezzo espressivo per individuare i processi di costruzione dei significati, che venga o meno inteso come pensiero visibile (Ingram, 1985; Van Sommers, 1984). Il punto di partenza della presente ricerca si colloca nel lavoro di Ingram (1985) riguardante l’individuazione nella rappresentazione di due processi di codifica: uno simbolico ed uno spaziale (§ 4.1). Ingram nella sua analisi non ha specificato quali possano essere le componenti del codice spaziale. Da parte nostra abbiamo distinto all’interno del codice spaziale l’orientamento e le dimensioni. Lo scopo della presente ricerca, quindi, consiste nell’analizzare in modo specifico fino a che punto nel disegno di bambini e adulti l’orientamento, le dimensioni e il significato dello

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Stefania Zaina Contatta »

Composta da 152 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3217 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.