Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il déjà vu: una rassegna del fenomeno

Si è voluto discutere di un argomento affascinante, a volte inquietante, quanto arduo da trattare; la curiosità, l'interesse e le esperienze in prima persona di esso, hanno portato alla scelta di prendere in esame questa (forse) illusione mentale che ha intrigato vari studiosi a partire dai primi filosofi, fino ad arrivare agli attuali neurologi e psicologi. Tuttavia esistono ancora molte perplessità e difficoltà nella ricerca di evidenze empiriche, in quanto, data la particolarità di un fenomeno così sfuggente e sporadico, non si possono replicare gli episodi in laboratorio e quindi non sono direttamente osservabili.
Nonostante ciò l'intenzione è quella di riportare un'ampia visione sulle teorie emerse nell'ultimo secolo e sulle varie ricerche nonché sulle metodologie a disposizione dei ricercatori e stilarne quindi spiegazioni che abbracciano diverse discipline, da quelle neuroscientifiche a quelle sulla memoria e attenzione.
Il déjà vu è un fenomeno ampiamente sperimentato dalle persone, è stato riscontrato in circa il 96% della popolazione (Sno & Linszen, 1990) 1e ancora la sua incidenza tra gli adulti è pari al 65 % e tra gli studenti è ancora più elevata, pari al 79 % (vedi Brown , 2004; Funkhouser 2009) ; tuttavia è privo di qualsiasi elemento identificabile che possa suscitare una risposta comportamentale verificabile, lacune che hanno causato impedimenti alla ricerca scientifica.
Gran parte della letteratura pubblicata abbraccia prospettive psicodinamiche o parapsicologiche e sebbene le interpretazioni psicodinamiche possano avere qualche valore esplicativo, si arriva a conclusioni troppo aleatorie per avere valore scientifico. Recentemente, tuttavia, alcuni ricercatori dell'approccio cognitivista hanno cominciato a tentare un lavoro empirico nella speranza di chiarire i meccanismi alla base di questa esperienza ( Hoffman, 1997; Jacoby, 1988; Jacoby, Allan, Collins, e Larwill, 1988; Jacoby & Whitehouse, 1989; Roediger, 1996; Schacter, 1996; Seamon, Brody, e Kauff, 1983.
Le ipotesi riportate sono un'interessante interpretazione del fenomeno e non devono essere trascurate ma anzi riprese o ampliate dalle future ricerche.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Si è voluto discutere di un argomento affascinante, a volte inquietante, quanto arduo da trattare; la curiosità, l'interesse e le esperienze in prima persona di esso, hanno portato alla scelta di prendere in esame questa (forse) illusione mentale che ha intrigato vari studiosi a partire dai primi filosofi, fino ad arrivare agli attuali neurologi e psicologi. Tuttavia esistono ancora molte perplessità e difficoltà nella ricerca di evidenze empiriche, in quanto, data la particolarità di un fenomeno così sfuggente e sporadico, non si possono replicare gli episodi in laboratorio e quindi non sono direttamente osservabili. Nonostante ciò l'intenzione è quella di riportare un'ampia visione sulle teorie emerse nell'ultimo secolo e sulle varie ricerche nonché sulle metodologie a disposizione dei ricercatori e stilarne quindi spiegazioni che abbracciano diverse discipline, da quelle neuroscientifiche a quelle sulla memoria e attenzione. Il déjà vu è un fenomeno ampiamente sperimentato dalle persone, è stato riscontrato in circa il 96% della popolazione (Sno & Linszen, 1990) 1 e ancora la sua incidenza tra gli adulti è pari al 65 % e tra gli studenti è ancora più elevata, pari al 79 % (vedi Brown , 2004; Funkhouser 2009) 2 ; tuttavia è privo di qualsiasi elemento identificabile che possa suscitare una risposta comportamentale verificabile, lacune che hanno causato impedimenti alla ricerca scientifica. Gran parte della letteratura pubblicata abbraccia prospettive psicodinamiche o parapsicologiche e sebbene le interpretazioni psicodinamiche possano avere qualche valore esplicativo, si arriva a conclusioni troppo aleatorie per avere valore scientifico. Recentemente, tuttavia, alcuni ricercatori dell'approccio cognitivista hanno cominciato a tentare un lavoro empirico nella speranza di chiarire i meccanismi alla base di questa esperienza ( Hoffman, 1997; Jacoby, 1988; Jacoby, Allan, Collins, e Larwill, 1988; Jacoby & Whitehouse, 1989; Roediger, 1996; Schacter, 1996; Seamon, Brody, e Kauff, 1983) 3 . Le ipotesi riportate sono un'interessante interpretazione del fenomeno e non devono essere trascurate ma anzi riprese o ampliate dalle future ricerche. 1Akira R. O'connor, Cristopher J.A. Moulin- Normal patterns of déjà experiences in a healthy, blind male: Challenging optical pathway delay theory. 2006 2. Arthur Funkhouser, Michael Schredl- The frequency of déjà vu (déjà reve) and the effects of age, dream recall frequency and personality factors. 2010 3 Alan S.Brown – A review of the Déjà Vu Experience 2003 3

Laurea liv.I

Facoltà: Psicologia

Autore: Elisa Marenzi Contatta »

Composta da 41 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 614 click dal 14/12/2015.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.