Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il caso di Beppe Grillo. La comunicazione politica tra tv e web

Beppe Grillo è un comico nato a Genova nel 1948 ma è anche il capo politico del Movimento 5 Stelle, fondato nel 2009.
Partendo dalla biografia del mattatore ligure, nel presente elaborato si racconta la vicenda politica del non-partito che in pochissimi anni è diventata una delle realtà più credibili in Italia, ottenendo risultati in crescita nelle tornate elettorali regionali e provinciali e dimostrando di essere capace di sfruttare – e di accelerare - lo sgretolamento dei partiti tradizionali.
A poche settimane dalle elezioni politiche 2013 si analizza la storia personale e pubblica di un capopopolo discusso e autoritario, ma libero e generoso. Il Movimento 5 Stelle rivoluzionerà la politica italiana o non sarà in grado di incidere in modo determinante?
Si affrontano i temi del populismo, della comunicazione politica nell’era del web 2.0, della e-democracy e dell’antipolitica.
Attraverso i post pubblicati sul blog ufficiale, le discussioni nei forum e nei meetup, gli articoli e le inchieste sulla stampa italiana ed estera e i saggi dedicati all’esperienza del M5S si racconta per colpa e per merito di chi Grillo è riuscito a passare dal palco del Festival di Sanremo al Parlamento europeo.
Si raccolgono anche testimonianze e dichiarazioni inedite da parte di militanti grillini di più parti di Italia e di giornalisti ed esperti. Si approfondiscono in particolare le vicissitudini del Movimento in Liguria e in Emilia Romagna, fino ad analizzare ‘a caldo’ le Parlamentarie.
La figura di Gianroberto Casaleggio viene tratteggiata anche attraverso i casi mediatici scoppiati recentemente, che hanno portato alla luce la discussione sulla democrazia interna al Movimento. Le storie e le scelte comunicative degli attivisti sono ripercorse nel tentativo di comprendere chi costituisce questa “libera associazione di cittadini”.

“Lui non è sempre più incazzato. E' l'Italia che fa sempre più schifo”. (Stefano Benni su Beppe Grillo)

Mostra/Nascondi contenuto.
1 L’Italia ammira Grillo come comico, lo celebra come comunicatore e potrebbe arrivare a consacrarlo come politico. 1 Introduzione Come ha fatto un comico come Beppe Grillo che nel 2000 spaccava computer perché “con internet si lavora ancora di più” mentre “in teoria doveva servire a farci lavorare di meno” 2 a diventare nel 2013 una delle maggiori personalità politiche italiane? Quanto ha contato in questa metamorfosi l’uso che ha fatto del web? Cosa lega il Grillo conduttore del Festival di Sanremo, lo spettacolo più nazional-popolare del piccolo schermo italiano, al Grillo che definisce i talk show “spazi poco igienici dove chi 1 Celestina Guareschi, Pepito Grillo vuela de nuovo, in «El Tiempo», 24 novembre 2005. 2 Fabio Gobbato, Beppe Grillo:"Fermiamoci un attimo e guardiamoci attorno" L'attore genovese racconta il suo nuovo spettacolo-appello ecologista, in «Il Mattino di Bolzano», 29 febbraio 2000.

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Filosofia lettere Scienze umanistiche e studi orientali

Autore: Massimo Galanto Contatta »

Composta da 240 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 397 click dal 22/01/2016.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.