Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il contributo dei fondi di venture capital allo sviluppo delle start up

Il presente lavoro di tesi si propone di delineare le varie forme di contributi, finanziari e manageriali, che i fondi di investimento di Venture Capital forniscono per lo sviluppo delle start-up, ponendo un’attenzione maggiore sugli aspetti manageriali che gli investitori apportano all’interno dell’impresa.
Dopo un breve excursus su tutto ciò che concerne le tipologie d’investimento e le varie fasi in cui si sviluppa un deal di venture capital, il testo si concentrerà su vari studi accademici, i quali, hanno cercato di dimostrare empiricamente la rilevanza dei venture capitalist all’interno delle imprese finanziate su aspetti prima d’ora mai affrontati.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 Cenni storici All’inizio del XX secolo, nelle classi più abbienti, nasce il bisogno di investire in progetti con alto rendimento potenziale, contestualmente le imprese hi-tech erano in grande espansione, ma necessitavano di continui finanziamenti per proseguire nella ricerca e lo sviluppo di nuove tecnologie, grazie alla collusione di questi due bisogni si è sviluppata una nuova forma di intermediazione finanziaria che è evoluta con il tempo nel venture capitalism. La prima vera azienda di venture capital fu l’American Research and Development (ARD), fondata nel 1946 dal presidente del MIT Karl Compton, il presidente della Federal Reserve Bank di Boston Ralph Fiandre ed il professore della Harvard Business School Georges F. Doriot i loro primi investimenti ad alto rischio furono orientati verso compagnie emergenti i cui business riguardavano lo sviluppo di tecnologie belliche per la seconda Guerra Mondiale. 1 Il venture capitalism nel resto del mondo ha avuto uno sviluppo più lento e graduale, Black e Gilson 2 hanno identificato nella robustezza del mercato americano dell’ IPO 3 la caratteristica principale che ha permesso una maggior crescita rispetto ai mercati esteri, che non era possibile nei mercati dominati da grandi banche, come in Germania e Giappone. Il seguente grafico dimostra come le tendenze passate siano con il tempo cambiate, infatti, la Germania, tutt’oggi, in Europa è una delle nazioni che maggiormente sta investendo 1 Paul Gompers, Josh Lerner, The Journal of Economic Perspectives, Vol.15, No 2 (2001) 2 B. Black, R. Gilson, Journal of Financial Economics, Vol. 47, pp. 243-277, 1998 3 IPO: Initial public offering è un'offerta al pubblico dei titoli di una società che intende quotarsi per la prima volta su un mercato regolamentato.

Diploma di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Vito Fasano Contatta »

Composta da 40 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 486 click dal 29/01/2016.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.