Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La conversione del sequestro conservativo in pignoramento

La trattazione che segue, intitolata “Conversione del sequestro conservativo in pignoramento”, è frutto di un appassionato studio condotto sull’istituto previsto dall’art. 686 c.p.c. . La particolarità dello strumento della conversione sta nel suo essersi cristallizzato nel tempo; esso fu oggetto di studi da parte di autorevole dottrina a partire dagli anni 50 del secolo scorso. Successivamente si fermò nel tempo anche se continuava a vivere dal punto di vista pratico.

Scopo della presente trattazione è esaminare le problematiche, ancora attuali, rotanti attorno l’istituto del sequestro conservativo, il fondamento della conversione, le problematiche attinenti al vincolo di indisponibilità, le questioni afferenti all’attuazione della conversione, se automatica o se successiva al deposito della sentenza di condanna.

Si farà riferimento, inoltre, alla novità che hanno sfiorato anche l’istituto in questione, a seguito della riforma avvenuta con l. 132/2014 di conversione del d.l. 162/2014.

Mostra/Nascondi contenuto.
IV INTRODUZIONE La trattazione che segue, intitolata “Conversione del sequestro conservativo in pignoramento”, è frutto di un appassionato studio condotto sull’istituto previsto dall’art. 686 c.p.c. . La particolarità dello strumento della conversione sta nel suo essersi cristallizzato nel tempo; esso fu oggetto di studi da parte di autorevole dottrina a partire dagli anni 50 del secolo scorso. Successivamente si fermò nel tempo anche se continuava a vivere dal punto di vista pratico. Scopo della presente trattazione è esaminare le problematiche, ancora attuali, rotanti attorno l’istituto del sequestro conservativo, il fondamento della conversione, le problematiche attinenti al vincolo di indisponibilità, le questioni afferenti all’attuazione della conversione, se automatica o se successiva al deposito della sentenza di condanna. Si farà riferimento, inoltre, alla novità che hanno sfiorato anche l’istituto in questione, a seguito della riforma avvenuta con l. 132/2014 di conversione del d.l. 162/2014.

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Marika Leonardi Contatta »

Composta da 139 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 873 click dal 24/02/2016.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.