Skip to content

Il sopralluogo nei mass-disaster e l’attività DVI

Informazioni tesi

  Autore: Gianluca Di Marco
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi dell'Aquila
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze e tecniche psicologiche
  Relatore: Mariano  ANGIONI
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 107

Le conoscenze prodotte dalle scienze forensi attuali e dalla criminalistica, permettono oggi di svolgere l‘importante attività del sopralluogo giudiziario, cioè quell‘insieme di attività eseguite sul luogo ove si è verificato un delitto, tendenti a osservare, individuare e raccogliere o fissare tutti quegli elementi utili alla ricostruzione del fatto delittuoso e alla individuazione del colpevole. Nell‘immaginario collettivo il sopralluogo di Polizia Scientifica è legato ai casi più comuni come furti, rapine o a delitti più efferati come gli omicidi; ma questa complessa 2 attività, nelle sue infinite sfaccettature, può riguardare anche tutti quei casi classificati con il termine di ―mass-disaster Il termine ―mass-disaster(disastro di massa), individua tutti quegli eventi, caratterizzati da un elevato numero di vittime in un ristretto periodo di tempo per una causa improvvisa e comune, oltre alle catastrofi naturali (terremoti, inondazioni, eruzioni vulcaniche, frane) comprende anche gli incidenti (disastri aerei, ferroviari, stradali), qualora coinvolgano un gran numero di persone, oltre ovviamente agli attentati terroristici. L‘attività di sopralluogo, in questi particolari scenari, risulta in genere molto complessa per diversi ragioni, tra le quali sicuramente, l‘estensione dell‘area interessata dall‘evento, l‘elevato numero di elementi da repertare e non ultimo, l‘elevata difficoltà nell‘identificare le vittime. L‘identificazione delle vittime, infatti, in tali circostanze risulta molto difficoltosa, in quanto sia il numero elevato dei cadaveri e sia le condizioni in cui i corpi generalmente si trovano, grossi traumatismi o condizioni tanatologiche particolari, rendono l‘attività molto complessa. Data questa complessità e la frequenza di eventi classificati come ―mass-disaster‖, la comunità internazionale, tramite l‘Interpol, a partire dagli anni ottanta ha cercato di unificare e standardizzare le tecniche d‘intervento nei disastri di massa ed ha invitato i paesi membri a creare delle unità specializzate nella gestione di tali eventi denominate con un acronimo ―DVI‖ (Disaster Victim Identification) - (Identificazione delle Vittime da Disastro), composte da rappresentanti dei reparti di indagini scientifiche dei paesi d‘origine e da esperti di medicina legale, biologia forense, dattiloscopia, odontologia forense e psicologia. Nel 1984, il Comitato Permanente per i DVI dell‘Interpol iniziò a fornire tutti i paesi membri di uno strumento utile alla gestione di tali eventi, la ―Disaster Victim Identification Guide‖ - ―Guida per l‘Identificazione delle Vittime da Disastro‖; tale manuale, aggiornato successivamente nel 1998, fornisce le linee guida organizzative per la gestione dei disastri di massa e indica le tecniche da adottare per l‘identificazione delle vittime di tali eventi, tramite anche l‘utilizzo di particolari formulari identificativi ―AM‖ Ante-Mortem e ―PM‖ Post-Mortem, creati appositamente per queste attività. A questo prezioso manuale ed ai formulari, va aggiunto che il citato Comitato Permanente organizza periodicamente riunioni internazionali promuovendo programmi 3 di aggiornamento, sviluppo ed addestramento a sostegno della pratica delle squadre DVI di tutti i paesi membri. Il lavoro di seguito illustrato si pone come obiettivo quello di chiarire come avviene un sopralluogo in occasione dei disastri di massa e come le unità DVI operano al fine di fornire una identità alle vittime di tali catastrofi, analizzando le singole fasi ed evidenziando le problematiche e le criticità di detta attività.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione Fin dal passato, l‘uomo ha avuto la tendenza ad investigare su tutti quegli eventi che richiedevano chiarezza; ma è solo a partire dalla fine dell‘ottocento che si prende coscienza dell‘importanza delle scienze nell‘investigazione. Oggi si assiste all‘evoluzione di ogni ramo della scienza, soprattutto, nel campo dell‘investigazione scientifica, ambito in cui, lo sviluppo è divenuto addirittura frenetico e le recenti acquisizioni tecniche sembrano aver permesso alla giustizia penale di raggiungere il traguardo della certezza. L‘utilizzo delle scienze forensi (medicina legale, genetica forense, odontologia forense, ecc.), quindi l‘applicazione di un ampio spettro di discipline scientifiche al servizio della legge e la nascita della criminalistica, cioè l‘applicazione delle scienze fisiche all‘investigazione criminale, forniscono l‘aiuto necessario all‘Autorità Giudiziaria, nel raggiungimento dei suoi obiettivi. Le conoscenze prodotte dalle scienze forensi attuali e dalla criminalistica, permettono oggi di svolgere l‘importante attività del sopralluogo giudiziario, cioè quell‘insieme di attività eseguite sul luogo ove si è verificato un delitto, tendenti a osservare, individuare e raccogliere o fissare tutti quegli elementi utili alla ricostruzione del fatto delittuoso e alla individuazione del colpevole. Il sopralluogo moderno nasce dalla straordinaria intuizione di Salvatore Ottolenghi, medico legale e fondatore della Scuola Superiore di Polizia Scientifica in Italia, che trasferì il metodo scientifico, applicato con successo nel campo dell‘identità preventiva e giudiziaria attraverso il cosiddetto ―ritratto parlato‖, anche all‘attività principe dell‘indagine, e cioè al sopralluogo. A partire dal 1903, anno in cui Ottolenghi tiene a Roma il primo corso di Polizia Scientifica, ad oggi, il protocollo che costituisce il metodo tradizionale del sopralluogo non è mutato; ciò che invece ha subito profonde trasformazioni sono le tecniche di intervento, di repertamento, conservazione ed analisi delle tracce del reato, evolutesi grazie ai progressi tecnico scientifici e all‘esperienza secolare dei reparti specializzati in indagini scientifiche di tutte le polizie del mondo e soprattutto di quella americana. Nell‘immaginario collettivo il sopralluogo di Polizia Scientifica è legato ai casi più comuni come furti, rapine o a delitti più efferati come gli omicidi; ma questa complessa

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

sopralluogo mass-disaster

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi