Skip to content

Jobs Act: profili normativi e previdenziali

Informazioni tesi

  Autore: Agata Bisazza
  Tipo: Tesi di Master
Master in Gestione del personale
Anno: 2015
Docente/Relatore: Giuseppe Gitto
Istituito da: CEFOP - Centro formazione professionale
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 245

L’intero lavoro si compone di tre parti.
Nella prima parte è stata delineata la disciplina normativa vigente prima dell’entrata in vigore della Riforma Jobs Act e relativa alle varie tipologie contrattuali sino ad allora esistenti, spesso impropriamente utilizzate per aggirare ed eludere l’applicazione della disciplina propria del lavoro subordinato.
Al tradizionale istituto del contratto di lavoro subordinato, infatti, si sono aggiunte nel tempo ulteriori fattispecie contrattuali che, di fatto, hanno eroso il campo di applicazione del primo istituto.
Si vuole far qui riferimento alla rivoluzione del lavoro interinale, attuata con il c.d. Pacchetto Treu a metà degli anni ’90 e all’ambizioso tentativo di superare le vecchie tecniche regolatorie del lavoro subordinato nell’impresa proposto con la c.d. Riforma Biagi nel 2003 .
Tale riforma, in particolare, aveva creato molti contratti nuovi, con esiti incerti ed addirittura distruttivi per le collaborazioni autonome (i fantomatici “co.co.pro”), le “partite Iva” e le associazioni in partecipazione.
I successivi tentativi di aggiustamento poi – dai vari tentativi di riforma della disciplina relativa al contratto di apprendistato sino ad arrivare alla famosa Riforma Fornero del 2012 ed al successivo decreto Poletti – non avevano in alcun modo risolto i problemi ed, anzi, li avevano anche peggiorati.
La seconda parte, invece, ha analizzato nel dettaglio le principali innovazioni che hanno toccato direttamente la disciplina del rapporto di lavoro subordinato, mettendo in risalto le principali novità attinenti al profilo previdenziale.
Nella terza parte, infine, è stata inserita una breve sintesi nelle maggiori novità normative relative al rapporto di lavoro autonomo e parasubordinato.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 CAPITOLO PRIMO EVOLUZIONE NORMATIVA DELLE FORME CONTRATTUALI E RELATIVA DISCIPLINA PREVIDENZIALE 1. Introduzione alla disciplina organica dei contratti a norma dell'articolo 1, comma 7, della Legge 10 dicembre 2014, n. 183 L’articolo 1, comma 7, della Legge 10 dicembre 2014, n. 183, ha delegato il Governo ad adottare uno o più decreti legislativi, di cui uno recante un testo semplificato delle discipline delle tipologie contrattuali e dei rapporti di lavoro, finalizzati al raggiungimento dei seguenti scopi: - rafforzamento delle opportunità di ingresso nel mondo del lavoro da parte di coloro che sono in cerca di occupazione; - riordino dei contratti di lavoro vigenti per renderli maggiormente coerenti con le attuali esigenze del contesto occupazionale e produttivo; - incremento dell’efficienza dell'attività ispettiva. Si tratta, come evidente, degli stessi scopi che il nostro legislatore ha inutilmente cercato di raggiungere negli ultimi 15 anni per mezzo di numerose riforme che si sono succedute copiosamente, ma che hanno determinato solo una inestricabile stratificazione di provvedimenti normativi, talvolta recanti disposizioni normative persino contrastanti tra loro. Ed è proprio nella consapevolezza dei problemi apportati anche dalla più recente riforma organica del mercato del lavoro – e cioè la c.d. Riforma Fornero, attuata dalla Legge 28 giugno 2012, n. 92 –, che il legislatore ha imposto al Governo, come primo passo da compiere verso un profondo processo di riforma, di individuare e analizzare “ tutte le forme contrattuali esistenti, ai fini di poterne valutare l'effettiva coerenza con il tessuto occupazionale e con il contesto

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi