Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le professioni della Net Economy

Lo sviluppo tecnologico è stato sicuramente una delle cause che hanno modificato profondamente le caratteristiche del lavoro e dell’occupazione. Il settore dell’Information and Communication Technology (ICT), all’interno della Net Economy, pur avendo causato in alcuni settori una diminuzione dell’offerta di lavoro, è considerato come fondamentale nella lotta alla disoccupazione, sia a livello nazionale sia europeo, in quanto è quello a maggior potenziale occupazionale; si è inoltre creato un indotto che ne incorpora applicazioni e servizi, in più contesti diversi, sia privati sia pubblici, aumentando di conseguenza l’occupazione.
L’espansione del settore ICT con la diffusione di Internet ha fatto crescere notevolmente la domanda di lavoratori altamente qualificati (quali tecnici ed informatici), contribuendo a creare profili professionali del tutto nuovi (esempio per tutti il Web Surfer) e a far assumere maggior importanza a professioni già esistenti (come il Database Administrator). La Net Economy richiede profili professionali, skills e percorsi di formazione coerenti con i nuovi business e le nuove tecnologie.
Il mondo di Internet è un mondo complesso, che richiede consistenti investimenti in alte tecnologie e il presidio di competenze complesse nella quale le risorse chiave sono costituite dalle persone. Il commercio elettronico, e-commerce, sta diventando una realtà che coinvolge un numero sempre maggiore di imprese. Per sfruttare al meglio tutte le opportunità offerte dalle nuove tecnologie, oltre a dotarsi di mezzi informatici potenti ed efficaci, molta importanza hanno le figure professionali, per lo più nuove, in grado di saper coniugare conoscenze tecniche e competenze manageriali e di marketing.

Lo scopo di questa tesi è quello di analizzare le figure professionali collegate alla Net Economy. Nelle offerte di lavoro pubblicate nei quotidiani sono sempre più numerosi gli annunci di ricerca di personale quale Webmaster, Web Designer, System Administrator, Web System Engineer, etc. e spesso per queste professioni non esiste ancora una definizione precisa, chiara e soprattutto univoca come esiste invece ad esempio per professioni più mature quali ragioniere, geometra, ingegnere. Non esiste nemmeno un unico percorso formativo.
Dalla lettura dei profili professionali ci si accorgerà che mentre alcune sono nuove, altre esistono già da tempo, anche se lo sviluppo di Internet ne ha dato una nuova collocazione ed importanza; altre ancora sono “l’adattamento” di professioni della “Old Economy” all’era di Internet.

La rapidità con cui si è sviluppata la Net Economy è una caratteristica che si riscontra in ogni sua singola sfaccettatura, e il mondo delle professioni non ne è esente. Come un software può diventare obsoleto già dopo pochi anni, così anche le professioni del mondo della Net Economy si trasformano e adattano rapidamente secondo le immediate esigenze.
Questa velocità sta creando molti problemi soprattutto legati alla formazione: il sistema formativo sta appena iniziando a capire quali professionalità occorrono per la Net Economy. I corsi formativi in questo campo, a parte l’alfabetizzazione informatica, sono spesso ancora in fase iniziale.

Questa tesi rappresenta quindi anche un utile strumento per chi esercita attività di formazione: dall’analisi dei profili professionali di ogni professione si possono sviluppare corsi di formazione adeguati, orientati alla creazione di figure di cui il mercato ha bisogno, riducendo così lo skill shortage, che in Italia per l’anno 2000 si è assestato sulle 100.000 unità mentre per il 2002 le previsioni indicano un gap tra domanda ed offerta di personale qualificato in ambito ICT pari al 18%, ovvero attorno alle 215.000 unità mancanti [Federcomin, 2000b].

La tesi è composta da tre parti.
Nella prima parte si definisce la Net Economy, spiegando da quali settori ed aziende è composta; vengono descritte l’architettura logica di un sito web e le sue fasi di sviluppo; viene spiegato il metodo utilizzato per classificare le professioni.
Nella seconda parte vengono presentate le figure professionali della Net Economy analizzate, seguendo uno schema in grado di garantire una certa omogeneità e la possibilità di confronto sicuro delle singole voci in maniera rapida. Le singole schede delle professioni sono riportate in allegato A.
La terza parte è dedicata alla descrizione di un sito web sviluppato per consentire di accedere alle schede relative alle professioni della Net Economy in modo rapido ed efficiente.

Conclude la tesi il glossario con i termini informatici utilizzati, riportati in allegato B.

Mostra/Nascondi contenuto.
PREVIEW Lo sviluppo tecnologico è stato sicuramente una delle cause che hanno modificato profondamente le caratteristiche del lavoro e dell’occupazione. Il settore dell’Information and Communication Technology (ICT), all’interno della Net Economy, pur avendo causato in alcuni settori una diminuzione dell’offerta di lavoro, è considerato come fondamentale nella lotta alla disoccupazione, sia a livello nazionale sia europeo, in quanto è quello a maggior potenziale occupazionale; si è inoltre creato un indotto che ne incorpora applicazioni e servizi, in più contesti diversi, sia privati sia pubblici, aumentando di conseguenza l’occupazione. L’espansione del settore ICT con la diffusione di Internet ha fatto crescere notevolmente la domanda di lavoratori altamente qualificati (quali tecnici ed informatici), contribuendo a creare profili professionali del tutto nuovi (esempio per tutti il Web Surfer) e a far assumere maggior importanza a professioni già esistenti (come il Database Administrator). La Net Economy richiede profili professionali, skills e percorsi di formazione coerenti con i nuovi business e le nuove tecnologie. Il mondo di Internet è un mondo complesso, che richiede consistenti investimenti in alte tecnologie e il presidio di competenze complesse nella quale le risorse chiave sono costituite dalle persone. Il commercio elettronico, e-commerce, sta diventando una realtà che coinvolge un numero sempre maggiore di imprese. Per sfruttare al meglio tutte le opportunità offerte dalle nuove tecnologie, oltre a dotarsi di mezzi informatici potenti ed efficaci, molta importanza hanno le figure professionali, per lo più nuove, in grado di saper coniugare conoscenze tecniche e competenze manageriali e di marketing. Lo scopo di questa tesi è quello di analizzare le figure professionali collegate alla Net Economy. Nelle offerte di lavoro pubblicate nei quotidiani sono sempre più numerosi gli annunci di ricerca di personale quale Webmaster, Web Designer, System Administrator, Web System Engineer, etc. e spesso per queste professioni non esiste ancora una definizione precisa, chiara e soprattutto univoca come esiste invece ad esempio per professioni più mature quali ragioniere, geometra, ingegnere. Non esiste nemmeno un unico percorso formativo. Dalla lettura dei profili professionali ci si accorgerà che mentre alcune sono nuove, altre esistono già da tempo, anche se lo sviluppo di Internet ne ha dato una nuova collocazione ed importanza; altre ancora sono “l’adattamento” di professioni della “Old Economy” all’era di Internet.

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Marcello Andreatta Contatta »

Composta da 106 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2737 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.