Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Giornalismo, sport e psicologia: atleti sotto pressione mediatica

La tesi si propone di dimostrare come la pressione mediatica possa influenzare le prestazioni di atleti di alto livello. A sostegno della tesi si portano gli esempi di: Tania Cagnotto, Carolina Kostner e Enrico Fabris. Prima di affrontare casi specifici la tesi si concentra su una panoramica generica del mondo del giornalismo sportivo e soprattutto dello sport osservato da un punto di vista psicologico.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Lo sport e il mondo che lo caratterizza sono una realtà importante fatta di miti, storia, campioni, atleti, squadre, manager, allenatori, allenamenti, gare, pubblicità, giornalismo, televisione. Questa lista dà un'idea immaginaria di quanto lo sport faccia ormai parte della nostra realtà quotidiana e dell'importanza che ha assunto a livello mediatico. Gli eventi mediali sono stati suddivisi in tre categorie 1 : Competizioni, Conquiste, Incoronazioni. Lo sport, in particolare, fa parte delle Competizioni, intese come quell'insieme di eventi che vanno dalla Coppa del Mondo ai dibattiti presidenziali, dalle Olimpiadi alle udienze del Watergate, cioè di quell'insieme di eventi che vanno dallo sport alla politica. Del mondo dello sport, andremo ad analizzare l'ambito che riguarda il giornalismo sportivo, partendo dalla storia fino ad arrivare a come questo fenomeno abbia, in parte, contribuito ad avviare mutamenti a livello sociale. Ma in particolare di quell'aspetto del giornalismo sportivo che riguarda il rapporto tra protagonisti della stampa ed atleti. "Prometto: non voglio criticare i giornalisti, ma esporre il mio punto di vista. Parlo di alcune controprestazioni a Torino 2006. Giorgio Rocca, dato da tutti come sicuro vincitore o comunque medagliato,ha fatto fiasco. Carolina Kostner, dalla quale ci si attendeva una medaglia, è caduta ancor prima di entrare nel vivo dell'esibizione. Fusar Poli-Margaglio, partiti in punta di piedi e quindi esenti da pressioni, erano in testa dopo la prima parte del programma, quindi, divenuti anch'essi, come i precedenti atleti elencati, oggetto di attenzioni speciali da parte dei media, sono incappati in una caduta che ha pregiudicato irrimediabilmente la loro corsa al podio. Aggiungiamo Simonato, Piller Cottrer, Paruzzi, le sorelle Fanchini e Max 1 Daniel Dayan, Elihu Katz, Le grandi cerimonie dei media, Baskerville, 1995, pag 29-31 5

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Perla Del Sole Contatta »

Composta da 107 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 346 click dal 05/04/2016.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.