Skip to content

Evoluzione Normativa dei Giochi e delle Scommesse On Line

Informazioni tesi

  Autore: Valerio Lucidi
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Roma Tre
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Francesco Cardarelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 274

La legislazione italiana distingue principalmente due forme in cui le attività di giochi e scommesse possono svolgersi. La prima forma è rappresentata dalle attività semplici ed occasionali di gioco e scommessa che possono intercorrere tra i privati nell'ambito di gare ed eventi che la stessa legge riconosce, purché non siano da essa vietate. Si tratta di semplici rapporti di diritto privato, dai quali possono derivare obbligazioni civili riconosciute o mere obbligazioni naturali. La seconda forma è rappresentata da tutte le attività di gioco e scommessa caratterizzate dalla presenza di una struttura organizzativa che ne consente il loro esercizio. La presenza di tale elemento fa ricadere le attività in questione all'interno di una specifica disciplina pubblicistica che, per motivi di interesse pubblico, le rende legali a condizione di una loro espressa autorizzazione. Tutte le attività di gioco e scommessa organizzate ed espressamente autorizzate dallo Stato fanno parte di quella categoria denominata “gioco pubblico”. All'interno di questa categoria il legislatore ha ritenuto opportuno far rientrare, sin dalla loro comparsa, tutte le attività di giochi e scommesse gestite ed esercitate attraverso le reti a distanza. La disciplina pubblicistica, che vige in materia, prevede un'espressa riserva originaria in capo allo Stato sia dei poteri di regolamentazione delle attività che si intende rendere lecite, sia dei poteri di gestione ed esercizio delle stesse. Sotto questo secondo profilo, l'ordinamento giuridico attribuisce allo Stato il potere esclusivo di gestire il comparto sotto forma di monopolio al fine di garantire che il gioco pubblico possa esser attuato in un contesto sicuro, controllato, e basato su regole e processi di produzione e distribuzione ben precisi. La riserva statale sarebbe giustificata dall'esigenza di tutelare quegli interessi pubblici generali ritenuti di preminente importanza nell'ambito di queste attività. Secondo quanto si desume dall'ordinamento e dalla giurisprudenza nazionale, il regime di riserva si fonderebbe sulla necessità di canalizzare le attività di gioco pubblico in circuiti controllati, capaci di garantire il perseguimento degli obiettivi di tutela dell'ordine pubblico e sociale, della sicurezza pubblica e di tutela dei consumatori. La presenza di questi interessi generali ha portato a configurare le attività di gestione ed esercizio del gioco pubblico alla stregua delle attività di prestazione di servizi dotati di preminente interesse pubblico. In forza di tale qualificazione giuridica, è stato predisposto dall'ordinamento un apposito regime restrittivo che esclude la libera iniziativa economica dei privati nel settore de quo. Questa esclusione, tuttavia, non pregiudica la facoltà dello Stato di poter affidare a soggetti privati il diritto di svolgere le attività ad esso riservate, possibilità che è stata largamente attuata mediante un tipico meccanismo amministrativo. Si tratta del duplice sistema concessorio ed autorizzatorio di pubblica sicurezza. Questo duplice meccanismo amministrativo rappresenta il fulcro dell'intera disciplina normativa, manifestandosi in esso i risultati concreti della politica legislativa intrapresa in materia dal nostro Paese. Il rispetto di tale regime è presidiato da una specifica normativa penale volta a sanzionare chiunque svolga un'attività di gioco e scommessa non conforme alla disciplina pubblicistica. Per rafforzare i presidi penali il legislatore ha ritenuto opportuno introdurre, inoltre, particolari misure amministrative indirizzate a conseguire, anche con forme indirette, un efficace contrasto contro i fenomeni di gioco irregolare diffusi, in particolar modo, nell'ambito dell'attività di offerta transfrontaliera. Il sistema nazionale si è dovuto confrontare, specialmente nell'ultimo decennio, con le problematiche di compatibilità rispetto alla normativa derivante dal diritto dell'Unione Europea. Il raffronto si è intensificato dal momento in cui gli operatori europei del settore hanno iniziato ad investire sull'offerta transfrontaliera, ponendo, così, in risalto tutti quei limiti protezionistici imposti dal nostro Stato con il solo fine di mantenere il rigido controllo sul comparto.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE “L'emozione che un giocatore prova quando fa una scommessa è pari alla somma che potrebbe vincere moltiplicata per le probabilità di vincerla”. Con questa breve ma eloquente formula, il filosofo e matematico francese Blaise Pascal ci permette di cogliere l'aspetto più intimamente irrazionale dell'uomo che, fin dai tempi remoti, ha legato lo sviluppo delle società civili all'evolversi del fenomeno dei giochi e delle scommesse. La passione dell'uomo a sfidare la sorte rappresenta da sempre un tratto caratteristico ed ineliminabile del suo comportamento, le cui motivazioni possono essere ricondotte al desiderio di vivere uno stato di appagamento emozionale o alla speranza di vedere cambiate le proprie condizioni economiche e sociali. Il gioco può rappresentare un'attività sociale e competitiva in quanto c’è sempre un avversario contro cui ci si deve confrontare, che può essere rappresentato da un altro giocatore, da un organizzatore, dallo Stato o dal destino. Nelle attività di gioco, quindi, si possono ritrovare anche alcuni valori che svolgono un ruolo importante nella nostra società, quali il valore dell’audacia, della competitività, della capacità di approfondire situazioni e di assumersi rischi con responsabilità. 7

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

scommesse
aams
giochi on line
poker
gioco pubblico
diritto giochi scommesse
apparecchi da intrattenimento
scommesse on line
gioco d azzardo
valerio lucidi

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi