La musica sacra dopo il Concilio: funzioni, dibattiti, protagonisti.

La svolta storica che il Concilio Vaticano II ha dato alla Chiesa Cattolica ha toccato parecchi aspetti: come molti dicono, è stata una “primavera della Chiesa”, un grande momento di apertura al mondo contemporaneo dopo secoli di immobilismo.
Tali novità hanno toccato anche la musica sacra, che ha visto accogliere nuove istanze e nuovi stili sotto la pressione delle mode musicali, soprattutto giovanili, che imperversavano in tutto il mondo occidentale.
Ciò ha prodotto, oltre a una certa vitalità, anche notevoli problemi e conflitti interni. Le numerose querelle che hanno visto in campo tradizionalisti contro innovatori, musicisti contro liturgisti, specialisti contro dilettanti, giovani contro anziani, hanno animato questi decenni dopo la fine del Concilio, rinnovando antiche battaglie mai sopite che assumevano nuove forme.
Il presente lavoro intende dar spazio a tutte le varie posizioni e istanze, in uno sguardo d’insieme sulla questione. La bibliografia a riguardo non è povera ma, nella maggioranza dei casi, riflette posizioni di parte, limitate alle personali convinzioni: si tratta in sostanza di scritti quasi sempre polemici, dalla visione unilaterale, e che prospettano soluzioni altrettanto unilaterali. Non esiste, inoltre, un testo che prenda in considerazione il canto e la musica all’interno dei maggiori movimenti e gruppi ecclesiali che ormai hanno assunto un’importanza sempre crescente nella Chiesa. Con questo elaborato si vuole pertanto colmare il vuoto e offrire un punto di vista più generale e imparziale, sì da illustrare i vari elementi della nuova musica sacra senza pregiudizi e senza soluzioni unilaterali.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Premessa La svolta storica che il Concilio Vaticano II ha dato alla Chiesa Cattolica ha toccato parecchi aspetti: come molti dicono, è stata una “primavera della Chiesa”, un grande momento di apertura al mondo contemporaneo dopo secoli di immobilismo. Tali novità hanno toccato anche la musica sacra, che ha visto accogliere nuove istanze e nuovi stili sotto la pressione delle mode musicali, soprattutto giovanili, che imperversavano in tutto il mondo occidentale. Ciò ha prodotto, oltre a una certa vitalità, anche notevoli problemi e conflitti interni. Le numerose querelle che hanno visto in campo tradizionalisti contro innovatori, musicisti contro liturgisti, specialisti contro dilettanti, giovani contro anziani, hanno animato questi decenni dopo la fine del Concilio, rinnovando antiche battaglie mai sopite che assumevano nuove forme. Il presente lavoro intende dar spazio a tutte le varie posizioni e istanze, in uno sguardo d’insieme sulla questione. La bibliografia a riguardo non è povera ma, nella maggioranza dei casi, riflette posizioni di parte, limitate alle personali convinzioni: si tratta in sostanza di scritti quasi sempre polemici, dalla visione unilaterale, e che prospettano soluzioni altrettanto unilaterali. Non esiste, inoltre, un testo che prenda in considerazione il canto e la musica all’interno dei maggiori movimenti e gruppi ecclesiali che ormai hanno assunto un’importanza sempre crescente nella Chiesa. Con questo elaborato si vuole pertanto colmare il vuoto e offrire un punto di vista più generale e imparziale, sì da illustrare i vari elementi della nuova musica sacra senza pregiudizi e senza soluzioni unilaterali. Una delle questioni di fondo è che, dopo il Concilio, è scomparso il netto distacco che c’era sempre stato tra musica liturgica e religiosa. 1 I confini fra i vari ambiti sono divenuti molto tenui e, spesso, un canto che nasce per una certa destinazione può entrare o uscire tranquillamente dai repertori liturgici. Un altro problema è stata la mancanza di continuità tra legislazione e prassi: i documenti ufficiali quasi mai sono diventati “pratica” nelle realtà locali; da qui una miriade di 1 Per musica liturgica s’intende quella che accompagna le celebrazioni liturgiche della Chiesa, mentre la musica religiosa, pur se consacrata da testi o preghiere religiose, non ha il fine di accompagnare la liturgia.

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Scienze Umanistiche

Autore: Raffaello Pilato Contatta »

Composta da 122 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 236 click dal 06/05/2016.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.