Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Wound care: responsabilità professionale e revisione critica sull utilizzo del miele nella cura delle ferite croniche

Le lesioni cutanee, soprattutto quelle di tipo cronico in questi ultimi anni, il loro ha portato a tantissime scoperte utili per il loro trattamento.
Il problema delle lesioni cutanee è una piaga sociale di grande rilevanza, ciò é riscontrabile sia in ambiente ospedaliero che in ambiente domiciliare.
La vita media di una persona è aumentata, nel 1880 si raggiungevano al massimo 35 anni sia per uomini che per le donne, oggi, grazie allo sviluppo della medicina e delle conoscenze scientifiche, le donne riescono ad arrivare ad un’età di oltre 80 anni mentre per gli uomini si riesce a raggiungere un’età media di 74 anni.
Con l’aumentare dell’età anche le malattie cronico degenerative sono aumentate e sono spesso correlate ad altre situazioni come la sindrome da allettamento, con inattività prolungata, atrofia muscolare, malnutrizione, incontinenza urinaria e fecale, disabilità, le patologie metaboliche come il diabete o le malattie circolatorie come l’ipertensione. Tali problematiche portano spesso il paziente ad avere lesioni cutanee.
La disabilità riguarda il 7% degli uomini fra i 65 e i 70 anni, e il 17% delle donne fra gli 80 e gli 85 anni, quella grave è più evidente negli uomini di età avanzata.
La situazione sociale delle ulcere cutanee di tipo cronico è e diventerà un grande problema di salute in futuro perché una persona su quattro ne soffrirà negli ultimi anni di vita. Il problema è mondiale e interessa soprattutto sia Europa che USA, che hanno una popolazione superiore al 20% di quella complessiva mondiale con un’età maggiore dei 65 anni.
Le ferite, soprattutto quelle complesse sono una delle cause maggiori di morte e rappresentano una grande fonte di spesa per il Sistema Sanitario Nazionale, tra queste abbiamo le lesioni da pressione che sono una delle cause maggiori di disabilità e di morte nei pazienti sia ospedalizzati che non, a causa delle infezioni o di una sbagliata gestione della ferita stessa.
Una degenza media in Italia dura all’incirca 30 giorni, mentre negli altri paesi Europei si aggira intorno ai 10-12 giorni.
L’Italia spende all’anno 900 milioni di euro, la Francia 221 milioni, Germania e Gran Bretagna 430 milioni di euro, per tutti quei pazienti che hanno bisogno di medicazioni avanzate dovute alla sindrome di allettamento prolungata e il numero in più di giorni di degenza ospedaliera.
Da qualche decennio, in Inghilterra, negli USA e in Francia, le lesioni sono diventate indicatori di qualità dell’assistenza infermieristica e, come diceva la fondatrice del sapere infermieristico, Florence Nightingale, “Se un paziente è febbrile, se un paziente è debole, se è ammalato dopo l’assunzione di cibo, se ha una piaga da decubito, la colpa è in genere non della malattia, ma del Nursing”, per cui attraverso questo elaborato si è cercato di approfondire l’argomento delle lesioni cutanee e il ruolo che il professionista infermiere esercita nel Wound Care.
L’Infermiere è il professionista sanitario che opera a 360° in vari settori della vita delle persone, ha la responsabilità generale dell’assistenza infermieristica, le aree di intervento sono: prevenzione, cura, riabilitazione ed educazione ed espleta le funzioni individuate dalle norme istituite dal relativo profilo professionale nonché dal codice deontologico ed utilizza metodologie di pianificazione per obiettivi dell'assistenza. Gli aspetti peculiari e la natura degli interventi infermieristici sono: tecnici, relazionali ed educativi. Le principali funzioni sono la prevenzione delle malattie, l’assistenza dei malati e dei disabili di tutte le età e l’educazione sanitaria.
Classificare e valutare una ferita è stato e rimarrà sempre una delle fasi più importanti da mettere in atto durante il processo decisionale di assistenza relativo al trattamento del paziente con lesioni cutanee.
La ferita va ispezionata e valutata, in base all’aspetto, alla dimensione, al drenaggio, al colore, alla secrezione e alla sintomatologia dolorosa del paziente; se ci sono infezioni o segni di possibili complicanze. Prima di medicare una lesione cutanea è importante osservarla e valutarla. Affinché tale valutazione sia il più possibile oggettiva e riproducibile, è opportuno utilizzare strumenti di classificazione riconosciuti a livello internazionale. Stadiare una lesione è importante al fine di utilizzare un linguaggio comune che consenta ai vari operatori di poter comprendere e capire la lesione ed insieme decidere le strategie terapeutiche ottimizzando le risorse. Esistono diverse classificazioni anatomiche, le più utilizzate sono quelle emanate dalla EPUAP (European Pressure Ulcer Advisory Panel) e dalla NPUAP (National Pressure Ulcer Advisory Panel).

Mostra/Nascondi contenuto.
6 Introduzione L’attenzione rivolta sempre di più alle lesioni cutanee, soprattutto quelle di tipo cronico in questi ultimi anni, ha portato a tantissime scoperte utili per il loro trattamento. Il problema delle lesioni cutanee è una piaga sociale di grande rilevanza, ciò è riscontrabile sia in ambiente ospedaliero che in ambiente domiciliare. La vita media di una persona è aumentata, nel 1880 si raggiungevano al massimo 35 anni sia per uomini che per le donne, oggi, grazie allo sviluppo della medicina e delle conoscenze scientifiche, le donne riescono ad arrivare ad un’età di oltre 80 anni mentre per gli uomini si riesce a raggiungere un’età media di 74 anni. Con l’aumentare dell’età anche le malattie cronico degenerative sono aumentate e sono spesso correlate ad altre situazioni come la sindrome da allettamento, con inattività prolungata, atrofia muscolare, malnutrizione, incontinenza urinaria e fecale, disabilità, le patologie metaboliche come il diabete o le malattie circolatorie come l’ipertensione. Tali problematiche portano spesso il paziente ad avere lesioni cutanee. La disabilità riguarda il 7% degli uomini fra i 65 e i 70 anni, e il 17% delle donne fra gli 80 e gli 85 anni, quella grave è più evidente negli uomini di età avanzata. La situazione sociale delle ulcere cutanee di tipo cronico è e diventerà un grande problema di salute in futuro perché una persona su quattro ne soffrirà negli ultimi anni di vita. Il problema è mondiale e interessa soprattutto sia Europa che USA, che hanno una popolazione superiore al 20% di quella complessiva mondiale con un’età maggiore dei 65 anni. Le ferite, soprattutto quelle complesse sono una delle cause maggiori di morte e rappresentano una grande fonte di spesa per il Sistema Sanitario Nazionale, tra queste abbiamo le lesioni da pressione che sono una delle cause maggiori di disabilità e di morte nei pazienti sia ospedalizzati che non, a causa delle infezioni o di una sbagliata gestione della ferita stessa. Una degenza media in Italia dura all’incirca 30 giorni, mentre negli altri paesi Europei si aggira intorno ai 10-12 giorni. L’Italia spende all’anno 900 milioni di euro, la Francia 221 milioni, Germania e Gran Bretagna 430 milioni di euro, per tutti quei pazienti che hanno bisogno di medicazioni avanzate dovute alla sindrome di allettamento prolungata e il numero in più di giorni di degenza ospedaliera.

Laurea liv.I

Facoltà: Medicina e Chirurgia

Autore: Thomas Monni Contatta »

Composta da 122 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2889 click dal 04/05/2016.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.