Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Stress lavorativo e strategie di coping

Come difendersi dallo stress lavorativo?
La tesi esamina lo stress in generale e quello lavorativo in particolare, soffermandosi sulle strategie utili per poterlo fronteggiare

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Il presente lavoro, prende le mosse dall'interesse per una problematica che, soprattutto nella realtà del 2016, caratterizzata da una importante crisi economica, risulta trasversale a varie realtà socio-culturali: lo stress lavorativo.La crescente attenzione dei legislatori rispetto a questo fenomeno, è uno degli indicatori della sempre maggiore importanza che le forme di disagio psico-sociale sull'ambiente di lavoro, stanno assumendo nella società odierna.I rischi inerenti a tali disagi, vanno infatti a ricadere non solo sulla salute psicologica e fisica dell'individuo che li esperisce, ma anche sulla sua produttività.Lo scopo del presente lavoro è quello di analizzare lo stress lavoro correlato da una prospettiva prevalentemente psicologica, tenendo presente che il lavoratore è soprattutto una persona, e non solo "forza- lavoro", e che quindi, oltre a situazioni legate all'ambito lavorativo, si può trovare a fronteggiare lo stress anche in altri ambiti.L'ottica adottata nella presente tesi vuole essere positiva, presentando lo stress come una componente della vita in generale, e della vita lavorativa in particolare, ma nel tentativo di identificare, nelle strategie di coping, se non una soluzione al problema, almeno un modo per poterlo gestire efficacemente.Il primo capitolo parte da una definizione del termine stress, per andare ad esaminare le diverse prospettive ed i diversi modelli di riferimento che si sono susseguiti nel corso del tempo per identificarlo e spiegarlo. Negli anni '30, Hans Selye ha definito la Sindrome Generale di Adattamento, un modello ancora oggi valido per capire le reazioni fisiologiche allo stress: però è solo con gli studi di John W. Mason, negli anni '70, che l'attenzione va a spostarsi sull'aspetto psicologico, per spiegare come mai persone diverse possono avere reazioni molto diverse nei confronti dello stress. Saranno Lazarus e Folkman, negli anni '80, a sviluppare questa tematica, parlando di "appraisal", quindi della importanza della valutazione soggettiva. Lo stress è causa, o concausa, di una serie di problematiche fisiche e psicologiche, che verranno esaminate nel corso del primo capitolo.Il secondo capitolo va a focalizzarsi sullo stress lavorativo, dandone una definizione, e inquadrandolo nella normativa di riferimento. Vengono esaminati i principali modelli 6

Diploma di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Claudia Elisabetta Muccinelli Contatta »

Composta da 73 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1447 click dal 10/05/2016.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.