Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Complessi di Pt(II) con piperazine chelate

Nei complessi di platino con etilendiammina, analoghi del cisplatino, uno dei più noti agenti antitumorali, i sostituenti azotati possono occupare una posizione "quasi equatoriale" o "quasi assiale", comunque, anche i sostituenti "quasi equatoriali" divergono in maniera significativa dal piano di coordinazione.
Nel tentativo di creare un ingombro sterico esattamente nel piano di coordinazione del platino e di valutarne gli effetti, abbiamo sintetizzato i complessi contenenti piperazina (ppz) e suoi N-metilderivati chelati [PtX2(Me2ppz)], [PtX2(Meppz)] e [PtX2(ppz)] (X = alogeno). Le reazioni di questi complessi con derivati della guanina (G) in D2O sono state studiate per via 1H NMR. Si è visto che la presenza di un gruppo metilico sull'azoto coordinato della piperazina chelata è determinante nell'impedire la rotazione intorno al legame Pt-N7 nei derivati della guanina cis-legati.
I dati di risonanza magnetica relativi alla regione H8 e calcoli di meccanica e dinamica molecolare hanno mostrato l'esistenza di atropisomeri testa-coda (HT) e testa-testa (HH) nel [Pt(Me2ppz)G2], e di due specie dominanti HT nel [Pt(Meppz)G2]. I calcoli sulla barriera di energia rotazionale per le monospecie di formula generale [Pt(X)(Me2ppz)(G)], cis-[Pt(X)(Meppz)(G)] e trans-[Pt(X)(Meppz)(G)] (Figura) (dove X = cloruro o acqua e cis/trans designano la posizione dell'unità guanosinica rispetto all'idrogeno amminico della Meppz) indicano che la rotazione nella clorospecie è ridotta rispetto all'acquospecie. Valutare la facilità di rotazione attorno al legame Pt-N7 è fondamentale dal momento che quest'ultima è stata messa in relazione con la formazione del legame con il DNA che costituisce la causa più accreditata dell'azione antitumorale del cisplatino e dei suoi analoghi.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 Complessi di Pt(II) con Piperazine chelate N-sostituite: effetto dell’ingombro sterico sul piano di coordinazione negli analoghi del cisplatino. Nei complessi di platino con etilendiammina, analoghi del cisplatino, uno dei più noti agenti antitumorali, i sostituenti azotati possono occupare una posizione "quasi equatoriale" o "quasi assiale", comunque, anche i sostituenti "quasi equatoriali" divergono in maniera significativa dal piano di coordinazione. Nel tentativo di creare un ingombro sterico esattamente nel piano di coordinazione del platino e di valutarne gli effetti, abbiamo sintetizzato i complessi contenenti piperazina (ppz) e suoi N-metilderivati chelati [PtX 2 (Me 2 ppz)], [PtX 2 (Meppz)] e [PtX 2 (ppz)] (X = alogeno). Le reazioni di questi complessi con derivati della guanina (G) in D 2 O sono state studiate per via 1 H NMR. Si è visto che la presenza di un gruppo metilico sull'azoto coordinato della piperazina chelata è determinante nell'impedire la rotazione intorno al legame Pt-N7 nei derivati della guanina cis-legati. I dati di risonanza magnetica relativi alla regione H8 e calcoli di meccanica e dinamica molecolare hanno mostrato l'esistenza di atropisomeri testa-coda (HT) e testa- testa (HH) nel [Pt(Me 2 ppz)G 2 ], e di due specie dominanti HT nel [Pt(Meppz)G 2 ]. I calcoli sulla barriera di energia rotazionale per le monospecie di formula generale [Pt(X)(Me 2 ppz)(G)], cis-[Pt(X)(Meppz)(G)] e trans-[Pt(X)(Meppz)(G)] (Figura) (dove X = cloruro o acqua e cis/trans designano la posizione dell'unità guanosinica rispetto all'idrogeno amminico della Meppz) indicano che la rotazione nella clorospecie è ridotta rispetto all'acquospecie. Valutare la facilità di rotazione attorno al legame Pt-N7 è fondamentale dal momento che quest'ultima è stata messa in relazione con la formazione del legame con il DNA che costituisce la causa più accreditata dell'azione antitumorale del cisplatino e dei suoi analoghi.

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Daniele Santoro Contatta »

Composta da 68 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 599 click dal 16/01/2007.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.