Skip to content

L'aggregazione di impresa a sostegno dell'internazionalizzazione delle PMI agro-alimentari

Informazioni tesi

  Autore: William Vecchiato
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2012-13
  Università: Università Carlo Cattaneo - LIUC
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria gestionale
  Relatore: Luca Cremona
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 146

Il cambiamento dell’approccio al mercato da parte delle aziende italiane è diventato in questi anni un tema centrale, particolarmente stimolante soprattutto per le PMI che rappresentano la larga parte (forse la più virtuosa) del tessuto industriale italiano.
L’impostazione basata da sempre su un modello competitivo, tipico di un’economia commerciale chiusa all’interno dei propri confini nazionali, ha la possibilità oggi di ribaltarsi su una formula del tutto nuova: quella della collaborazione attraverso reti di relazioni di reciproco sostegno, che valorizzano non solo le eccellenze e la professionalità di ogni singola realtà ma anche l’occupazione ed il valore sociale che esse creano.
La collaborazione tra imprese è senza dubbio una strada impegnativa, ma in molti casi viene suggerita ed incentivata dalle nuove condizioni di mercato. La possibilità di fare sistema al giorno d’oggi significa, infatti, riuscire ad avere una visione globale del mercato, gettando le armi tipiche della concorrenza interna per aiutarsi a vicenda e trovare nuove fonti di vantaggio competitivo, durature e sostenibili, necessarie per far fronte alle sfide di un mercato globale sempre più dinamico e frenetico.
E’ partendo da questi presupposti che il presente elaborato si impegna a verificare l’attuale vicinanza culturale, nonché la predisposizione esistente alla collaborazione inter-aziendale volta (all’interno di un settore che presenta rilevanti potenzialità di breve-medio termine come quello agroalimentare) al rafforzamento delle performance aziendali nella penetrazione dei mercati esteri.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
6 1. INTRODUZIONE Il contesto economico e sociale, in cui l’Italia è inserita, sta attraversando il momento più buio dal Dopoguerra in avanti: in base ai dati diffusi dall’ ISTAT, nell’intero 2013, hanno chiuso oltre 14mila imprese, con un incremento del 7,3% rispetto all’anno precedente, il tasso di disoccupazione è aumentato impietosamente sino a raggiungere il record del 12,9% dal 1977 (anno di inizio della rilevazione statistica da parte dall’Istituto), la ricerca sfrenata di un posto all’interno di un mercato quasi paralizzato, da parte delle aziende che ancora riescono ad operarvi, porta nella maggior parte dei casi alla cannibalizzazione dei margini, alla contrazione degli investimenti che va di pari passo con il credit crunch messo in atto dalle banche sempre più selettive: nel 2013 le stesse hanno soddisfatto meno della metà delle domande credito arrivate dalle imprese gravate da una liquidità insufficiente per far fronte alle esigenze operative. La situazione si aggrava grazie (o a causa sarebbe meglio dire) della pressione dei Paesi emergenti ed all’incapacità, della nostra classe dirigente, di capire che non è con la guerra dei prezzi al ribasso che il sistema può tornare a crescere e creare nuove prospettive. In queste circostanze, tuttavia non tutto deve essere visto e vissuto con pessimismo e rassegnazione. Questi momenti, per quanto lunghi possano essere, creano le condizioni ottimali per cambiare alcuni paradigmi e convinzioni ormai vecchie, generando le condizioni per quel cambiamento, anche sociale, che può porre le basi per uno slancio innovativo sistemico. Uno dei segnali maggiormente positivi all’interno del quadro impietoso presentato, arriva dall’export che, come sottolineato da Confartigianato “si conferma l’asso nella manica del Made in Italy”, soprattutto nei settori manifatturieri legati alle produzioni di qualità, che nel 2013 hanno visto un incremento delle esportazioni su base annua del 4,1%.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

reti di imprese
collaborative network
aggregazione d'imprese
internazionalizzazione agroalimentare
pmi agroalimentari
internazionalizzazione pmi
reti di pmi
export agroalimentare italiano

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi