Skip to content

Adriano Olivetti, pianificare il territorio per riformare la società

Informazioni tesi

  Autore: Vincenzo Piazza
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi di Sassari
  Facoltà: Dipartimento di Scienze Politiche, Scienze della Comunicazione e Ingegneria dell'Informazione
  Corso: Politiche Pubbliche e Governance - LM62 - con una votazione di 110 su 110 e Lode
  Relatore: Antonietta Mazzette
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 311

La tesi ha inteso analizzare il lato teoretico e concreto di Adriano Olivetti, del Movimento Comunità e del complesso di persone e istituti legati all'imprenditore di Ivrea (cosiddetta "costellazione olivettiana"). L'elaborato, che consta di più di 300 pagine, è articolato in cinque capitoli più allegati: 1) Un'analisi selettiva e di contesto della vita di Adriano Olivetti, delle sue sfere d'azione, del periodo storico, del regime politico e del sostrato economico, con particolare riferimento agli anni cruciali del secondo conflitto mondiale fino agli anni Sessanta; 2) Un inquadramento del pensiero politico e comunitario di Adriano Olivetti, con specifico riferimento al suo trattato "L'Ordine politico delle Comunità"; 3) Un'analisi ragionata delle sfere d'azione olivettiane, con focus su: Movimento Comunità, Editoria, IPSOA, IRUR, Impresa Olivetti; 4) Uno studio sulle ragioni di alcuni fallimenti di lungo, medio e breve periodo di quanto realizzato e progettato da Adriano Olivetti e dal suo entourage; 5) Un ultimo capitolo di chiusura della parabola olivettiana analizzata al fine di mettere a fuoco alcune considerazioni finali e prospettive per il futuro. Nel complesso lavoro di analisi è emerso il ruolo chiave della pianificazione, dell'urbanistica, del concetto di Comunità concreta, del Personalismo, dell'istituto della fondazione come proprietà d'azienda, dei valori spirituali (Bellezza, Verità, Giustizia, Amore), della responsabilità dell'impresa, della riconciliazione degli opposti storici. Il periodo indagato più approfonditamente è quello degli anni Cinquanta e Sessanta mentre l'area quella del Canavese, seppure non siano mancati approfondimenti sulla Fabbrica di Pozzuoli e l'area metropolitana di Torino. Si è fatto anche cenno alla candidatura (tentative list) di Ivrea a patrimonio UNESCO come "città industriale del XX secolo".

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
8 Adriano Olivetti, pianificare il territorio per riformare la società PREFAZIONE Nel brano La Luna del 1989, Edoardo Bennato tratteggia le emozioni di un giorno davvero speciale, quello della missione Apollo 11 che va a siglare il tramonto di un’epoca di grandi cambiamenti culturali del mondo occidentale, “i favolosi anni sessanta”. Alle 20.18 UTC 2 del 20 luglio 1969, il lander della navicella spaziale Apollo 3 toccò il polveroso suolo lunare con a bordo gli astronauti Neil Armstrong e Buzz Aldrin, mentre il modulo di comando, denominato Columbia, rimaneva in orbita con il terzo astronauta Michael Collins. Sei ore più tardi, alle 2.56 UTC del successivo giorno 21 luglio, Neil Armstrong, posando il piede sull’ultimo scalino che lo separava dal terreno, pronunciò, con vibrante emozione, la storica frase: «Tha’s one small step for (a) man, one giant leap for mankind» ovvero «Un piccolo passo per un uomo ma un grande balzo per l’umanità». L’evento, che si inseriva nella fredda esibizione muscolare del mondo politicamente bipolare di quel tempo, ebbe molteplici significati storici, simbolici ed emozionali. La prima diretta televisiva della storia proveniente dallo spazio tenne col naso all’insù milioni di persone in grado di avere accesso al piccolo schermo. In Italia, l’impresa fu febbrilmente seguita da una storica diretta Rai di Andrea Barbato assistito da Tito Stagno, Jas Gawronsky e Ruggero Orlando, in collegamento con il centro di controllo di Houston, USA. Quell’evento rimase poi cristallizzato nella coscienza collettiva e mediatica attraverso le immagini del paesaggio lunare in cui erano sapientemente ricomposti in inquadratura il LEM, il vessillo a stelle e strisce conficcato nel suolo e gli astronauti. Fu una conquista della scienza, della tecnica, del brillante lavoro di 2 L’acronimo UTC, mutuato da un compromesso tra l’inglese Coordinated Universal Time e il francese Temps Universel Coordonné, sta per “Tempo Coordinato Universale”. Conosciuto anche come “tempo civile”, è il fuso orario di riferimento da cui sono calcolati tutti gli altri fusi orari del mondo. Esso è, a sua volta, derivato dal cosiddetto “Tempo Medio di Greenwich” (in inglese Greenwich Mean Time, GMT), con il quale coincide a meno di approssimazioni infinitesimali. L’acronimo U.T.C. è stato coniato per non dover menzionare una specifica località all’interno di uno standard internazionale. L’UTC si basa su misurazioni condotte da orologi atomici invece che su fenomeni celesti come il GMT e da questa differenza metodologica deriva il piccolo scarto. 3 Dal punto di vista tecnico, la denominazione in uso è stata: Lunar Excursion Module o più semplicemente LEM. Gergalmente, invece, era definito Eagle.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

pianificazione
editoria
urbanistica
unesco
fondazione
personalismo
adriano olivetti
ipsoa
movimento comunità
irur

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi