Skip to content

La villa rustica in località Petraro nell'Ager Stabianus

Informazioni tesi

Autore: Andrea Paduano
Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
Anno: 2014-15
Università: Università degli Studi di Salerno
Facoltà: Beni culturali
Corso: Archeologia
Relatore: ElioDe Magistris
Lingua: Italiano
Num. pagine: 157

In questo lavoro cercherò di descrivere il considerevole patrimonio archeologico custodito nel sottosuolo del territorio di Castellammare di Stabia, a partire dalle ville presenti sulla collina di Varano fino a quello disastrato dell’Antiquarium Stabiano. Mi soffermerò maggiormente nella descrizione della Villa del Petraro che si trova nella via Cupa San Marco a Castellammare, ma i resti di questa antica residenza giacciono ancora sotto una coltre di terreno.
Stabiae, antichissima e celebre città, fiorente assai prima del predominio militare di Roma fu magnificata da Plinio, Galeno e molti altri scrittori.
La sua storia fu contraddistinta da due eventi cruciali: la distruzione da parte di Silla nell’89 a.C. durante la guerra sociale, e quella nel 79 d.C. dovuta all’eruzione del Vesuvio che con la sua furia distrusse anche la città di Pompei ed Ercolano legandone i nomi per sempre al medesimo destino.
Nella prima parte di questo lavoro sono presi in esame le varie scoperte effettuate dagli ingegneri borbonici fino a proseguire a quelle dei giorni nostri. Saranno riportati anche le ultime scoperte nelle Villa San Marco e Villa Arianna con l’ausilio di tecniche di ricostruzione virtuale.
Nella seconda parte verranno riportate le testimonianze archeologiche di artefatti di epoca post-classica ed età romana, ma anche le tracce lasciate dai Romani, non solo in termini materiali, ma anche per quanto concerne la divisione del terreno nella valle a sud del fiume Sarno. Questi elementi ci porteranno ad ipotizzare la reale estensione della città di Stabiae e a collocarla nel periodo storico della guerra sociale.
L’ultima parte “La villa del Petraro” è dedicata alla villa in località Petraro, scavata negli anni 50 dove sono stati ritrovati dei bellissimi stucchi a tema mitologico, rari per una costruzione di tipo rustico.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE In questo lavoro cercherò di descrivere il considerevole patrimonio archeologico custodito nel sottosuolo del territorio di Castellammare di Stabia, a partire dalle ville presenti sulla collina di Varano fino a quello disastrato dell’Antiquarium Stabiano. Mi soffermerò maggiormente nella descrizione della Villa del Petraro che si trova nella via Cupa San Marco a Castellammare, ma i resti di questa antica residenza giacciono ancora sotto una coltre di terreno. Stabiae, antichissima e celebre città, fiorente assai prima del predominio militare di Roma fu magnificata da Plinio, Galeno e molti altri scrittori. La sua storia fu contraddistinta da due eventi cruciali: la distruzione da parte di Silla nell’89 a.C. durante la guerra sociale, e quella nel 79 d.C. dovuta all’eruzione del Vesuvio che con la sua furia distrusse anche la città di Pompei ed Ercolano legandone i nomi per sempre al medesimo destino. Nella prima parte di questo lavoro sono presi in esame le varie scoperte effettuate dagli ingegneri borbonici fino a proseguire a quelle dei giorni nostri. Saranno riportati anche le ultime scoperte nelle Villa San Marco e Villa Arianna con l’ausilio di tecniche di ricostruzione virtuale. Nella seconda parte verranno riportate le testimonianze archeologiche di artefatti di epoca post-classica ed età romana, ma anche le tracce lasciate dai Romani, non solo in termini materiali, ma anche per quanto concerne la divisione del terreno nella valle a sud del fiume Sarno. Questi elementi ci porteranno ad ipotizzare la reale estensione della città di Stabiae e a collocarla nel periodo storico della guerra sociale

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario, dalla commissione in sede d'esame, e - se pubblicata su Tesionline - anche dalla nostra redazione.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

archeologia
vesuvio
pompei
archeologia romana
stabiae
ville vesuviane
castellammare di stabia
ercolano
ville rustiche
petraro

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani

Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi?
Quale sarà il docente più disponibile?
Quale l'argomento più interessante per me?
...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile


La tesi l'ho già scritta, ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri. Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi