Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il diritto d'autore nell'era digitale: l'intervento dell'Agcom e le responsabilità degli Internet Service Provider

Tutelare il diritto d’autore è molto più di un semplice obiettivo. È di fondamentale importanza salvaguardare la produzione di opere dell’ingegno, indipendentemente dal fatto che esse vengano condivise in Rete o meno. La digitalizzazione delle opere ha permesso una maggiore diffusione ed un ampliamento della scelta da parte degli utenti ma, allo stesso tempo, non ha impedito la crescita del numero di violazioni di copyright. Come vedremo, la legge sul diritto d’autore cerca di coprire tutti gli ambiti di tutela delle opere dell’ingegno e degli autori, assicurando loro protezione anche dopo la morte. Protezione che, diversamente dal “mondo reale”, ha più probabilità di venire meno in Rete, a causa della sua continua mutevolezza. È necessario, pertanto, lo sforzo da parte di chi mette a disposizione servizi tramite Internet (i provider), e di tutte le entità chiamate a tutelare i soggetti che hanno subito violazioni. Dalla Corte di Giustizia europea ai giudici nazionali, dagli Internet Service Provider all’Autorità per le Garanzie nelle comunicazioni. In questo elaborato verranno, pertanto, analizzati i ruoli di ognuno, esaminando diversi casi e cercando di capire quali relazioni ci siano tra le normative e le decisioni dei giudici.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 Introduzione Tutelare il diritto d’autore è molto più di un semplice obiettivo. È di fondamentale importanza salvaguardare la produzione di opere dell’ingegno, indipendentemente dal fatto che esse vengano condivise in Rete o meno. La digitalizzazione delle opere ha permesso una maggiore diffusione ed un ampliamento della scelta da parte degli utenti ma, allo stesso tempo, non ha impedito la crescita del numero di violazioni di copyright. Come vedremo, la legge sul diritto d’autore cerca di coprire tutti gli ambiti di tutela delle opere dell’ingegno e degli autori, assicurando loro protezione anche dopo la morte. Protezione che, diversamente dal “mondo reale”, ha più probabilità di venire meno in Rete, a causa della sua continua mutevolezza. È necessario, pertanto, lo sforzo da parte di chi mette a disposizione servizi tramite Internet (i provider), e di tutte le entità chiamate a tutelare i soggetti che hanno subito violazioni. Dalla Corte di Giustizia europea ai giudici nazionali, dagli Internet Service Provider all’Autorità per le Garanzie nelle comunicazioni. In questo elaborato verranno, pertanto, analizzati i ruoli di ognuno, esaminando diversi casi e cercando di capire quali relazioni ci siano tra le normative e le decisioni dei giudici. 


Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Giacomo Borile Contatta »

Composta da 55 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 534 click dal 26/05/2016.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.