Skip to content

Gli accertamenti fiscali basati sugli studi di settore

Informazioni tesi

Autore: Francesco Mangione
Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
Anno: 2015-16
Università: Università degli Studi di Padova
Facoltà: Economia
Corso: Scienze economico-aziendali
Relatore: MauroBeghin
Lingua: Italiano
Num. pagine: 91

Il presente elaborato ha inizio con l’illustrazione di come la riforma tributaria del 1971 ha condizionato il sistema fiscale attualmente vigente in Italia. Al processo di riforma fu assegnato l’onere di semplificare, razionalizzare e rendere sostanzialmente applicabile il sistema tributario italiano che veniva descritto come insostenibile dal punto di visto economico. Prima della riforma, i sistemi di tassazione erano in larga misura fondati su criteri estimativi della misurazione delle imposte dovute. A seguito della riforma fu sancita l’estensione a tutte le imprese del criterio di determinazione del reddito sulla base della contabilità, comportando l’assoggettamento della maggior parte dei contribuenti a complessi obblighi contabili. La contabilità diventò, dopo gli anni settanta, lo strumento principale per la rilevazione del reddito prodotto e rigido strumento di protezione da accertamenti di natura sintetica, palesando gli effetti generati dalle scelte del legislatore anche sul fronte degli accertamenti fiscali. Adempimenti imposti anche a soggetti sprovvisti di una qualunque forma di organizzazione di carattere amministrativo la cui contabilità rappresentava nient’altro che una sovrastruttura. Si assistette al proliferarsi del numero di accertamenti contabili necessari alla verifica delle dichiarazioni di tutte quelle imprese di piccole dimensioni che, pur assumendo condotte di natura evasiva, presentavano scritture contabili tenute in modo formalmente regolare. Da qui partirà l’analisi presente nel primo capitolo di questo elaborato, illustrando i numerosi tentativi posti in essere dal legislatore per tentare di porre rimedio agli errori di lettura del sistema imprenditoriale italiano. Verranno analizzati, senza pretesa di esaustività, tutti gli strumenti messi in campo a partire dai primi anni ’80 fino ai più recenti studi di settore e, segnatamente, l’accertamento c.d. Visentini, l’accertamento mediante coefficienti presuntivi di ricavi o compensi, la c.d. minimum tax e l’accertamento in base a parametri. Non entreremo nello specifico di ogni singolo strumento, ma, come detto, cercheremo di evidenziarne le caratteristiche e le motivazioni che hanno spinto il legislatore a introdurli. Solo a questo punto potremo offrire al lettore un’ampia analisi degli studi di settore, partendo dalle motivazioni che hanno spinto il legislatore ad affidarsi a forme di predeterminazione del reddito dopo aver conferito alla contabilità un ruolo centrale all’interno del sistema di determinazione del reddito d’impresa.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
11 INTRODUZIONE Il presente elaborato ha inizio con l’illustrazione di come la riforma tributaria del 1971 ha condizionato il sistema fiscale attualmente vigente in Italia. Al processo di riforma fu assegnato l’onere di semplificare, razionalizzare e rendere sostanzialmente applicabile il sistema tributario italiano che veniva descritto come insostenibile dal punto di visto economico. Prima della riforma, i sistemi di tassazione erano in larga misura fondati su criteri estimativi della misurazione delle imposte dovute. A seguito della riforma fu sancita l’estensione a tutte le imprese del criterio di determinazione del reddito sulla base della contabilità, comportando l’assoggettamento della maggior parte dei contribuenti a complessi obblighi contabili. La contabilità diventò, dopo gli anni settanta, lo strumento principale per la rilevazione del reddito prodotto e rigido strumento di protezione da accertamenti di natura sintetica, palesando gli effetti generati dalle scelte del legislatore anche sul fronte degli accertamenti fiscali. Adempimenti imposti anche a soggetti sprovvisti di una qualunque forma di organizzazione di carattere amministrativo la cui contabilità rappresentava nient’altro che una sovrastruttura. Si assistette al proliferarsi del numero di accertamenti contabili necessari alla verifica delle dichiarazioni di tutte quelle imprese di piccole dimensioni che, pur assumendo condotte di natura evasiva, presentavano scritture contabili tenute in modo formalmente regolare. Da qui partirà l’analisi presente nel primo capitolo di questo elaborato, illustrando i numerosi tentativi posti in essere dal legislatore per tentare di porre rimedio agli errori di lettura del sistema imprenditoriale italiano. Verranno analizzati, senza pretesa di esaustività, tutti gli strumenti messi in campo a partire dai primi anni ’80 fino ai più recenti studi di settore e, segnatamente, l’accertamento c.d. Visentini, l’accertamento mediante coefficienti presuntivi di ricavi o compensi, la c.d. minimum tax e l’accertamento in base a parametri. Non entreremo nello specifico di ogni singolo strumento, ma, come detto, cercheremo di evidenziarne le caratteristiche e le motivazioni che hanno spinto il legislatore a introdurli. Solo a questo punto potremo offrire al lettore un’ampia analisi degli studi di settore, partendo dalle motivazioni che hanno spinto il legislatore ad affidarsi a forme di predeterminazione del reddito dopo aver conferito alla contabilità un ruolo centrale all’interno del sistema di determinazione del reddito d’impresa.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario, dalla commissione in sede d'esame, e - se pubblicata su Tesionline - anche dalla nostra redazione.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani

Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi?
Quale sarà il docente più disponibile?
Quale l'argomento più interessante per me?
...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile


La tesi l'ho già scritta, ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri. Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi