Skip to content

Rorschach e Adozione: Dinamiche di personalità dei genitori adottivi tramite il reattivo di Rorschach

Informazioni tesi

  Autore: Armando Auricchio
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Napoli - Federico II
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia clinica e di comunità
  Relatore: Massimiliano Sommantico
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 192

Il lavoro si struttura in tre parti fondamentali.

La prima è dedicata all’adozione, l’istituto giuridico per il quale si creano rapporti di filiazione tra persone non legate da vincoli di sangue, attraverso la quale si acquisisce un nuovo membro all’interno del nucleo familiare in assenza di legame di consanguineità, seppure non riferendoci in questo caso alle dinamiche che investono il bambino, ma piuttosto a quelle dei genitori, che sicuramente influiranno anche sulla relazione col bambino che arriverà.
Questa prima parte tocca vari punti, tra i quali:
• da parte della coppia la mancanza della realizzazione del bisogno di maternità-paternità e di una discendenza, da parte del bambino la mancanza di una famiglia
• La trasgressione della sterilità e il divieto edipico
• Il fallimento procreativo e la sterilità
• Le motivazioni ad adottare
• La filiazione e la filiazione adottiva
• Il Romanzo familiare

La seconda parte è dedicata al reattivo di Rorschach. Il manifesto fondatore della psicologia proiettiva propone che le risposte agli stimoli vengano interpretati sulla base della cosiddetta “ipotesi proiettiva”. Secondo tale ipotesi, il modo in cui il soggetto percepisce uno stimolo è determinato dalla sua personalità globale che, in tale processo, si rivela.
In sintesi, la peculiarità dei metodi proiettivi è relativa alla loro capacità di rivelare gli aspetti non manifesti, latenti, inconsci della personalità, nell’ipotesi che quanto meno strutturato è il test, tanto più è sensibile a tale materiale non manifesto, minimizzando le probabilità che susciti nel soggetto reazioni di difesa.
Il punto comune a tutte le prove proiettive risiede nella qualità particolare del materiale proposto, allo stesso tempo concreto ed ambiguo, nella sollecitazione di associazioni verbali a partire da tale materiale e, infine, nella creazione di un campo relazionale specifico tra il soggetto e lo psicologo clinico grazie all’oggetto mediatore rappresentato dal test.
La somministrazione delle prove proiettive non costituisce in se stessa una tappa della cura, ma esse permettono di raccogliere informazioni approfondite, difficilmente accessibili in quadri clinici complessi e, a tal titolo, si associano a quelle metodologie d’indagine il cui obiettivo è la definizione di un progetto terapeutico adeguato, nonostante sia comunque raro che la somministrazione avvenga senza benefici per colui che l’accetta.
Questa seconda parte contiene una approfondita analisi del test di Rorschach, della sua struttura e somministrazione.

La terza parte è dedicata alla ricerca che ha preso in esame 24 soggetti, componenti 12 coppie, sposate da un minimo di 3 anni, fino a un massimo 10, escludendo due di queste sposate invece, rispettivamente, da 17 e 31 anni. L’età media sia per le donne che per gli uomini è di circa 40 anni. A tutti i soggetti è stato somministrato, separatamente e in momenti diversi, il test di Rorschach. Le coppie, inoltre, hanno sostenuto dei colloqui con lo psicologo, ed eventualmente la somministrazione di altri test, insieme ad un corso di gruppo di formazione e preparazione all’adozione della durata di 5 incontri. Al termine di questo percorso l’equipe, costituita da due psicologi (uno per il corso di formazione, l’altro per i colloqui e la somministrazione dei test) e un assistente sociale, redige una relazione descrittiva della coppia finalizzata alla definizione di idoneità all’adozione, in caso di inidoneità finalizzata al suggerimento di un’eventuale terapia o altro, da inviare al Tribunale dei Minori.
Dai risultati [valutazione di indici generali quali numero di risposte, tempo totale, rifiuti o critiche alle tavole, dalla valutazione dello sviluppo affettivo (F%, FC>CF e C; TRI) e di un adeguato sviluppo sociale (D%, H, Ban, A%)] delle tre coppie prese in esame, è facile intuire come il Rorschach risulti essere, anche nel caso della coppia in procinto di adottare, un mezzo importante e potremmo dire fondamentale, utile allo psicologo e all’equipe incaricata della preparazione all’iter adottivo, per trovare eventuali problemi e patologie che andrebbero a minare alla base il rapporto affettivo, non di certo facile, tra una coppia infertile e un figlio non proprio, anche questi con le sue deprivazioni e non facilmente sormontabili difficoltà per i suoi vissuti di abbandono.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
- 20 - 1.3 Essere genitori (naturali o biologici) Prima di cominciare ad entrare nel vivo dell’argomento, ovvero l’adozione e le sue implicazioni psicologiche, occorre effettuare una, seppur minimale e senza pretese, panoramica su quelle che sono le dinamiche inerenti alla genitorialità, alla filiazione e quindi alla creazione della famiglia “nucleare” (composta da genitori, di sesso diverso, e prole), ad essa correlata, laddove il “nuovo venuto” sarà un figlio naturale e biologico. Ciò per meglio comprendere le differenze, sociali e psicodinamiche, che si attuano nel momento in cui due coniugi decidono di adottare un bambino, qualsiasi sia la motivazione. Nei seguenti paragrafi analizzeremo quindi la genitorialità, il patto genitoriale, il legame di filiazione nonché il prolungamento narcisistico ed infine il romanzo familiare, allo scopo di poter meglio comprendere cosa significa essere genitori naturali o biologici.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

adozione
test proiettivi
rorschach
tesi rorschach
tesi adozione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi