Skip to content

I diritti delle coppie omosessuali nella giurisprudenza della Corte di Strasburgo

Informazioni tesi

  Autore: Federica Calderone
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi di Messina
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze dell'amministrazione
  Relatore: Francesca  Perrini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 57

Il tema oggetto di questa tesi riguarda i diritti delle coppie omosessuali, in particolar modo il matrimonio– conosciuto anche come gender-neutralmarriage – e l’adozione da parte di coppie/persone omosessuali, ed è una tematica molto delicata ed attuale.
Recentemente ci sono state delle importanti novità in merito, passi fondamentali verso un mondo più tollerante, prima di tutto dal punto di vista giuridico. Alcuni Stati si sono già contraddistinti attraverso le loro innovative legislazioni in materia, altri stanno iniziando a muovere i primi passi, ed altri ancora, invece, sono restii o indifferenti.
Negli ultimi tempi si è riscontrata una maggiore attenzione da parte della Corte europea dei diritti dell’uomo e della corte Suprema statunitense, le quali ritengono che i tempi siano abbastanza maturi tanto da non essere più sensato ancorare termini quali ‘famiglia’ e ‘matrimonio’ ad un tempo ormai lontano. Anche la corte costituzionale italiana in una sua recente sentenza ha ritenuto che tali concetti non possano restare cristallizzati al 1948 ma che allo stesso tempo non possa essere applicata un’interpretazione evolutiva tanto da poter modificare la norma, trattando così tematiche sino ad ora non considerate rilevanti.
Si deve andare a guardare le singole normative degli Stati in materia, e si riscontra che solo pochi hanno istituzionalizzato il matrimonio omosessuale, tra questi: Olanda (2000), Belgio (2003), Spagna (2005), Norvegia (2008), Svezia (2009), Islanda e Portogallo (2010), Danimarca (2012), Francia e Gran Bretagna (2013), Finlandia (2014), Slovenia e Irlanda (2015). Verrà trattata anche la storica sentenza della Corte Suprema del 26 giugno 2015.
Nel mondo anche altri Stati hanno legalizzato il matrimonio omosessuale, ovvero: Canada, Sudafrica, Argentina, Uruguay, Nuova Zelanda, Brasile e Messico.
Si può inoltre constatare che anche laddove gli Stati si sono mostrati più ‘aperti’, ci sono comunque dei limiti che frenano il riconoscimento di tali diritti. Non solo non vi è una legislazione uniforme a livello europeo, ma anche tra le legislazioni che in un modo o nell’altro attuano il riconoscimento, vi sono delle notevoli differenze che mostrano la mancanza di unanimità.
Questa tesi – dopo un breve cenno relativo alla Corte di Strasburgo - approfondirà le sentenze storiche (o comunque innovative rispetto al passato) della Corte europea che hanno segnato la svolta verso il cambiamento, verso la tolleranza e l’incidenza che tali sentenze hanno avuto sulle legislazioni nazionali. Inoltre verranno trattati anche i paesi che stanno muovendo i primi passi – come l’Italia - e quelli che, invece, pongono un NO categorico alla questione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo I La giurisprudenza della Corte di Strasburgo. 1. Le funzioni della Corte. La Corte europea dei diritti dell’uomo (CEDU) è stata istituita nel 1959 dalla Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali del 1950, per assicurarne il rispetto. Vi aderiscono 47 Paesi, ovvero tutti i membri del Consiglio d’Europa . Ha sede a Strasburgo. 1 La Corte può essere adita sia per ricorsi individuali che da parte degli Stati contraenti in cui si lamenti la violazione di una delle disposizioni della Convenzione o dei suoi Protocolli Addizionali. Essa svolge tuttavia una funzione sussidiaria rispetto agli organi giudiziari nazionali, in quanto le domande sono ammissibili solo una volta esaurite le vie di ricorso (regola del previo esaurimento dei ricorsi interni), secondo quanto prevede la stessa Convenzione, nonché le norme di Diritto Internazionale generalmente riconosciute. L'ammissibilità dei ricorsi interstatali è decisa da una delle Camere, mentre l'ammissibilità dei ricorsi individuali è decisa da un Comitato (una procedura di snellimento del lavoro della Corte che si basa quasi esclusivamente su ricorsi individuali, dato che solo tre volte ha risolto ricorsi interstatali). Se il ricorso, individuale o statale, è dichiarato ammissibile la questione viene sottoposta, Il Consiglio d’Europa è un’organizzazione internazionale, il cui obiettivo è quello di promuovere la 1 democrazia, i diritti dell’uomo, l’identità culturale europea e la ricerca di soluzioni ai problemi sociali europei. Venne fondato nel 1949 con il Trattato di Londra, ed ad oggi conta 47 Stati membri. Ha sede, come la Corte, a Strasburgo, nel Palazzo d’Europa.   4

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi