Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La sonata op.105 per pianoforte e violino di Robert Schumann - Un'analisi per l'interpretazione

Analisi strutturale di una delle più celebri e belle composizioni cameristiche di R. Schumann ai fini di un'esecuzione più consapevole.
Il lavoro è frutto di ricerca bibliografica specifica, di analisi dell'opera in questione e di opere ad essa collegate, di ascolto discografico e dello studio strumentale diretto

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione L’idea di un lavoro approfondito su Robert Schumann è nata grazie all’interesse suscitato dalle lezioni di Musica da camera della Prof. Alessandra Gentile e di Analisi delle forme compositive dei Proff. Piero Marconi e Tonino Tesei, che mi hanno introdotto nel caleidoscopico mondo del grande compositore tedesco. Ho rinviato a lungo lo studio di questo autore, poiché lo ritenevo un musicista “difficile”, ed ora che lo conosco un po’ di più posso aggiungere che è anche un musicista “speciale”, la cui musica richiede tanta dedizione intellettuale oltre che impegno tecnico, perché percorre sentieri musicali (e non musicali) fuori della norma. Ho sentito dunque l’esigenza di entrare un po’ più a fondo nel suo universo musicale, e ho voluto farlo attraverso lo studio di una sua opera importante. L’analisi strutturale della Sonata mi ha consentito di ipotizzare le motivazioni che hanno condotto il compositore a scelte spesso inconsuete, mentre la considerazione dell’importanza della citazione nella sua poetica mi ha indotto a ricercare la genesi e i possibili rimandi delle idee musicali che incontravo nell’opera. Accostatami a questo brano avvincente e ricco di poesia sulla base di un’immediata adesione emotiva, ho così voluto affrontare una sua esplorazione su un piano più razionale. Ho intrapreso in tal modo percorsi inaspettati e ipotizzato risposte a domande che la musica poneva, ma nello stesso tempo altri dubbi emergevano che davano luogo ad altri quesiti. Ho intuito così la complessità dell’operazione che compie il compositore che pensa la sua musica e individua le figure attraverso cui rappresentarla, ma anche la difficoltà per ascoltatori ed 4

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Conservatorio statale di musica

Autore: Ester Alessandrini Contatta »

Composta da 88 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 312 click dal 13/07/2016.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.