Skip to content

Impatto dell’impiego del monitoraggio ambulatoriale della pressione arteriosa delle 24 ore nella diagnosi dell’ipertensione nel bambino

Informazioni tesi

  Autore: Matteo Cianci
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Medicina e Chirurgia
  Corso: Medicina e Chirurgia
  Relatore: Riccardo Lubrano
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 81

Gli studi pediatrici più recenti forniscono diversi strumenti in grado di essere applicati nella diagnosi e valutazione clinica dell'ipertensione pediatrica.
Tra questi, la misurazione clinica con sfigmomanometro riveste ancora un'importanza fondamentale nella valutazione della PA.
Il metodo di routine per lo screening dell'ipertensione prevede infatti la misurazione clinica della pressione arteriosa effettuata utilizzando sfigmomanometro e stetoscopio, la quale permette di classificare i livelli di pressione arteriosa secondo il Fourth Report of the National High Blood Pressure Education Program Working Group on High Blood Pressure in Children and Adolescents. Questo metodo non contempla la diagnosi dell'ipertensione da camice bianco (ICB) e dell'ipertensione mascherata (IM).
Recentemente, molti autori hanno implementato il monitoraggio ambulatoriale della pressione arteriosa (MAPA) (Ambulatory Blood Pressure Monitoring, ABPM) nello screening di routine dell'ipertensione, sostenendo il vantaggio di una registrazione della durata di 24 ore effettuata nell'ambiente "naturale" del bambino.

Lo scopo di questo studio è quello di valutare quanto l'impiego del monitoraggio ambulatoriale della pressione arteriosa delle 24 ore possa contribuire a perfezionare l'assegnazione delle differenti classi di pressione arteriosa in un'unica grande popolazione pediatrica.
Indipendentemente dal metodo di classificazione utilizzato, viene quindi supportata l'evidenza che la sola misurazione clinica non sia sufficiente nello studiare l'ipertensione arteriosa nell'infanzia, determinando un possibile bias nel trattamento.
L'ipertensione mascherata e quella da camice bianco rappresentano "forme intermedie di ipertensione", così come affermato da Stergiou et al.
La diagnosi dell'ipertensione mascherata e dell'ipertensione da camice bianco richiede un'appropriata serie di misurazioni effettate nell'ambiente “naturale” del bambino in tal modo grazie alla versione aggiornata del MAPA siamo in grado di identificare pazienti a più alto rischio (ipertensione mascherata) o a minor rischio (ipertensione da camice bianco).
Nel nostro studio abbiamo considerato 500 individui, 70 dei quali non sono stati inclusi in nessuna delle categorie considerate dal MAPA.
Studiando la pressione arteriosa di questi soggetti, si sono potuti riconoscere due pattern non descritti nella classificazione della versione aggiornata del MAPA in bambini e adolescenti.

Dal nostro studio risulta evidente la rilevanza clinica dell'ipertensione mascherata e la conseguente necessità di una sua diagnosi precoce. Per tali ragioni, all'interno della nostra Unità di Nefrologia Pediatrica è stato adottato un follow-up a lungo termine dei pazienti non categorizzati con annuali visite cliniche e strumentali e laboratoristiche (misurazione della pressione arteriosa clinica, MAPA, valutazione della funzione degli organi bersaglio nell'ipertensione arteriosa).
Il nostro lavoro ha iniziato a chiarire la reale importanza del “carico di pressione arteriosa” come fattore di rischio per l'ipertensione arteriosa sistemica. Ulteriori studi e conferme, su popolazioni più ampie saranno necessarie in tal senso.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione La prevalenza e la frequenza di diagnosi di ipertensione arteriosa nei bambini appaiono in continuo aumento (1). Tale fenomeno va ricondotto all’aumentata prevalenza di obesità infantile così come ad un’incrementata consapevolezza dell’importanza della patologia in sé. L’ipertensione arteriosa pediatrica può condurre all’ipertensione arteriosa in età adulta (2,3,4), riconosciuta come un importante fattore di rischio per patologie cardiovascolari negli adulti. Inoltre, un’insorgenza precoce di aterosclerosi è stata riscontrata in bambini e adolescenti affetti da tale condizione (5,6), presente in un sostanziale numero di bambini e adolescenti asintomatici. Fino a pochi anni fa l’ipertensione secondaria ad un disturbo sottostante predominava nella statistica epidemiologica dell’ipertensione nei bambini, dato che ormai si scontra con un riscontro comune di ipertensione essenziale nella popolazione pediatrica, sollevando non pochi quesiti diagnostici. Gli studi pediatrici più recenti forniscono diversi strumenti in grado di essere applicati nella diagnosi e valutazione clinica dell’ipertensione pediatrica. Tra questi, la misurazione clinica con sfigmomanometro riveste ancora un’importanza fondamentale nella valutazione della PA. Il metodo di routine per lo screening dell’ipertensione prevede infatti la misurazione clinica della pressione arteriosa (7) effettuata utilizzando sfigmomanometro e stetoscopio, la quale permette di classificare i livelli di pressione arteriosa secondo il Fourth Report of the National High Blood Pressure Education Program Working Group on High Blood Pressure in Children and Adolescents (7). Questo metodo non contempla la diagnosi dell’ipertensione da camice bianco (ICB) (8) e dell’ipertensione mascherata (IM) (9).   3

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

ipertensione
pressione arteriosa
ipertensione pediatrica
monitoraggio ambulatoriale della pressione
ipertensione mascherata
ipertensione da camice bianco
ipertensione nei bambini

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi