Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Lo stadio esperienziale: il caso Juventus

Il mondo dello sport è in continuo cambiamento, e oggi più che mai governato dalle leggi del business. Ecco che, per sopravvivere ad alti livelli, le società italiane devono raggiungere il livello di quelle europei, e il più importante passo da fare è quello degli stadi di proprietà e di una nuova concezione del prodotto stadio (non più inteso come costo ma come opportunità di guadagno e di marketing). La tesi ripercorre l'evoluzione storica del marketing sportivo, dalla sua nascita fino agli anni '90 (periodo di nascita degli stadi di proprietà) per poi passare nel secondo capitolo ad un'analisi del marketing all'interno degli stadi di proprietà, concentrando l'attenzione sull'aspetto esperienziale. Nell'ultimo capitolo viene esposto un caso pratico, fiore all'occhiello italiano e spunto per tutte le altre società della penisola.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Lo sport rappresenta una delle realtà più importanti della vita della maggior parte delle persone, eppure nel tempo è cambiato, sta cambiando e cambierà drasticamente. Passato oggi in secondo piano, quasi interamente, il suo carattere più romantico e sociale, ha acquisito invece importanza l’aspetto business. Lo sport si è trasformato nell’ultimo secolo e mezzo in un’opportunità di investimento, andando ad inserire in un mondo di associazionismo e divertimento principi manageriali e di marketing. L’Italia, come il resto del mondo, è stata partecipe di questo cambiamento a partire agli ultimi anni del 1.800 fino ai giorni nostri. Differenze si possono però naturalmente riscontrare rispetto agli altri paesi europei, causate da una differenza di background culturale, sociale, giuridico ed economico. Questo diverso sviluppo storico che lo sport business ha avuto nel nostro paese ci ha portato a restare qualche passo indietro rispetto al resto d’Europa, come del resto è quasi sempre successo con le grandi rivoluzioni storiche, sviluppatesi prima in Inghilterra e Germania, ad esempio, e poi espanse anche nel nostro Paese. Questo gap ha raggiunto il massimo negli anni Novanta con l’avvio del periodo della costruzione degli stadi di proprietà, che oggi rappresentano per il mondo dello sport una delle più importanti realtà, ma che in Italia sono ancora privilegio di pochissimi. Altro aspetto essenziale di cambiamento, per il mondo dello sport, è stata la trasformazione in sport - entertainment.

Laurea liv.I

Facoltà: Relazioni Pubbliche e Comunicazione d'Impresa

Autore: Lara Pagotto Contatta »

Composta da 87 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1783 click dal 25/07/2016.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.