Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le riforme amministrative degli anni '90 e l'interpretazione costituzionale

Le riforme amministrative, il decentramento, la sussidiarietà e il rapporto stato-autonomie negli anni '90.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 PREFAZIONE Solo dopo 50 anni dalla promulgazione della Carta Costituzionale si è finalmente cominciato a scoprirne tutta l’inespressa potenzialità, soprattutto là dove enuncia, all’art. 5, il principio di promozione delle Autonomie Locali e del più ampio decentramento dei servizi che dipendono dallo Stato. Per decenni si è ignorata la forza di queste prescrizioni, la loro capacità di trasformare profondamente l’assetto centralista dello Stato. Eppure il disegno costituzionale dell’autonomia e del decentramento non si esaurisce nell’art. 5, ma anzi continua e si completa nelle parti dedicate a Regioni, Province e Comuni (artt. 114, 115, 117, 119, 128). E’ notevole che la concezione che si desume dalla vigente Carta riveli una impronta marcatamente decentralizzata e autonomista. Queste opportunità per una significativa redistribuzione delle funzioni amministrative sul territorio sono state tuttavia ignorate per decenni fino alle recenti iniziative. Con le riforme amministrative degli anni ’90, il Parlamento ha impresso una decisa accelerazione al processo di riforma delle istituzioni pur mantenendosi in un quadro costituzionale (almeno) formalmente invariato o, piuttosto, finalmente compreso. In realtà, non può negarsi che le innovazioni introdotte nei rapporti tra lo Stato e i livelli di governo locale, in alcuni fondamentali settori e meccanismi organizzativi e funzionali dell’Amministrazione centrale, interagiscono con il modello costituzionale contribuendo a definirne o a ridefinirne, i contenuti dinamici. Le riforme degli anni ’90 con le loro soluzioni fortemente innovative realizzate a “costituzione invariata”, sembrano confermare

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Nadia Forlin Contatta »

Composta da 192 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3731 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.