Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Antonio Vivaldi: L' Opera VIII e il concerto n. 5 La tempesta di mare

Questo studio intende illustrare uno dei momenti più significativi della produzione di Antonio Vivaldi e dell'intero panorama musicale del Settecento europeo, rappresentato dalla composizione dell'opera VIII, della quale la prima edizione, con il titolo Il cimento dell'Armonia e dell' Inventione venne stampata ad Amsterdam molto probabilmente negli ultimi mesi del 1725, presso l'editore Michel-Charles Le Cène.
La ricerca approfondirà il ruolo giocato dalla figura di Vivaldi sullo sfondo della cultura musicale italiana ed europea a cavallo dei secoli XVII-XVIII, ricostruendo le vicende della formazione del Prete rosso e il portato delle sue innovazioni soprattutto nel contesto della produzione concertistica e della diffusione della “musica a programma”. A queste analisi è dedicato il primo capitolo della tesi.
In seguito, lo studio analizzerà le vicende legate alla composizione dell'opera VIII, e il posto che essa occupa nella produzione vivaldiana, della quale rappresenta senza dubbio un’ apice della maturità artistica, con particolare riguardo all'evoluzione delle ricerche vivaldiane sulla forma-concerto. Verrà inoltre messo a fuoco il dibattito in ordine ai numerosi problemi filologici che la composizione solleva, sul piano della datazione, della committenza e dell'organizzazione formale, e, inoltre, si illustrerà la struttura, il contenuto artistico e i motivi caratterizzanti dei quattro più celebri concerti della raccolta, Le Quattro Stagioni. Lo studio ripercorre la fortuna di questo tema compositivo nella cultura musicale italiana ed europea e mette in luce le caratteristiche stilistiche a cui si deve lo straordinario successo dei quattro concerti, con i quali la figura stessa del grande compositore veneziano, probabilmente ingiustamente, ha finito con l'identificarsi. A queste ricostruzioni è dedicato il capitolo terzo di questo studio.
La tesi analizza da ultimo la storia della composizione, la struttura formale e contenuti sul terreno della simbologia musicale del concerto La Tempesta di Mare, che, dopo le Stagioni rappresenta forse il brano più celebre della raccolta de Il Cimento e dell’Inventione.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Questo studio intende illustrare uno dei momenti più significativi della produ- zione di Antonio Vivaldi e dell'intero panorama musicale del Settecento europeo, rappresentato dalla composizione dell'opera VIII, della quale la prima edizione, con il titolo Il cimento dell'Armonia e dell' Inventione venne stampata ad Am- sterdam molto probabilmente negli ultimi mesi del 1725, presso l'editore Mi- chel-Charles Le Cène. La ricerca approfondirà il ruolo giocato dalla figura di Vivaldi sullo sfondo della cultura musicale italiana ed europea a cavallo dei secoli XVII-XVIII, ricostruen- do le vicende della formazione del Prete rosso e il portato delle sue innovazioni soprattutto nel contesto della produzione concertistica e della diffusione della “musica a programma”. A queste analisi è dedicato il primo capitolo della tesi. In seguito, lo studio analizzerà le vicende legate alla composizione dell'opera VIII, e il posto che essa occupa nella produzione vivaldiana, della quale rappre- senta senza dubbio un’ apice della maturità artistica, con particolare riguardo all'evoluzione delle ricerche vivaldiane sulla forma-concerto. Verrà inoltre messo a fuoco il dibattito in ordine ai numerosi problemi filologici che la composizio- ne solleva, sul piano della datazione, della committenza e dell'organizzazione formale, e, inoltre, si illustrerà la struttura, il contenuto artistico e i motivi ca- ratterizzanti dei quattro più celebri concerti della raccolta, Le Quattro Stagioni. Lo studio ripercorre la fortuna di questo tema compositivo nella cultura musicale italiana ed europea e mette in luce le caratteristiche stilistiche a cui si deve lo straordinario successo dei quattro concerti, con i quali la figura stessa del grande compositore veneziano, probabilmente ingiustamente, ha finito con l'identifica- rsi. A queste ricostruzioni è dedicato il capitolo terzo di questo studio. La tesi analizza da ultimo la storia della composizione, la struttura formale e contenuti sul terreno della simbologia musicale del concerto La Tempesta di Mare, che, dopo le Stagioni rappresenta forse il brano più celebre della raccolta de Il Cimento e dell’Inventione.   2

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Silvio Occhiuto Contatta »

Composta da 66 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 709 click dal 29/07/2016.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.